Vista e dintorni

Occhio!

Retina diabetica

Novembre, e non solo, è il mese della consapevolezza diabetica. A proposito il problema numero uno che viene a chi trascura la malattia (es. una emoglobina glicata superiore a 8 per per più anni), e la retinopatia diabetica; ci sono due forme della malattia: retinopatia non proliferativa, retinopatia proliferativa. Nella forma non proliferative, l’edema, o il liquido, nella retina causa spesso la perdita di visione. Il trattamento di questa circostanza include la terapia del laser e, nei casi severi, le iniezioni focali di una droga steroide nello spazio vitroso
dell’occhio. Nel tipo proliferativo , può accadere il sanguinamento del gel vitroso, ed è necessaria la fotocoagulazione alla retina (un laser all’intera retina periferica) per tentare di acquietare la malattia. Ciò è il tipo più severo e spesso si trova in diabetici incontrollati. In alcuni casi, il tipo proliferativo provoca una separazione retinica di trazione per cui è necessario l’intervento medico . E’ ora disponibile una nuova medicina , denominata Avastin, che è stata indicata negli studi recenti per migliorare la forma proliferativa di retinopatia diabetica. In tutti i casi di diabete, l’ultimo trattamento deve sempre essere un buon controllo
dello zucchero nel sangue . Il mio consiglio per gli indisciplinati è di effettuare il controllo del livello dell’emoglobina A1C ogni tre mesi. Un buon livello suggerito e non 7 per cento. Ciò corrisponde ad un valore di zucchero nel sangue medio sotto 140 mg/dl nei tre mesi
precedenti.