Terapie

Nuovo approccio per ridurre il rischio di sviluppare il diabete tipo 2 sperimentato a Liverpool

#T1D Aiuta la ricerca invia un SMS al 45541

Un trial clinico internazionale condotto dall’Università di Liverpool ha dimostrato che il farmaco liraglutide 3,0 mg può ridurre il rischio di diabete dell’80% nei soggetti con obesità e prediabete secondo uno studio pubblicato oggi sulla rivista The Lancet .

Il trial SCALE su obesità e prediabete per tre anni ha seguito 2254 adulti con prediabete in 191 centri di ricerca in 27 paesi lungo tutto il mondo. L’obiettivo era quello di valutare se liraglutide 3.0 mg può ritardare in modo sicuro l’insorgenza di diabete di tipo 2 nei soggetti con prediabete.

Il prediabete, anche comunemente denominato come il diabete borderline, è una condizione metabolica e un crescente problema globale strettamente legato all’obesità. Se non diagnosticato o non trattato, il pre-diabete può svilupparsi in diabete di tipo 2; che, pur curabile, al momento non è completamente reversibile.

Costi significativi per la salute

Nel Regno Unito, 1 cittadino su 10 della popolazione ha il prediabete. Il costo di assistenza sanitaria associato per l’economia è significativo. Questi individui sono a rischio di una serie di condizioni che possono influenzare la loro salute generale tra cui il diabete di tipo 2 e le sue complicanze, così come le malattie cardiovascolari e il cancro.

Liraglutide favorisce la perdita di peso interagendo con le aree del cervello che controllano l’appetito e l’energia di aspirazione.

I partecipanti allo studio, che è stato condotto presso l’Università di Aintree, sono stati assegnati in modo casuale a liraglutide 3.0 mg o un placebo consegnato da iniezione sottocutanea una volta al giorno per 160 settimane. Essi sono stati collocati anche a una dieta ipocalorica e consigliato di aumentare l’attività fisica.

Lo studio ha mostrato che tre anni di trattamento continuo con liraglutide 3,0 mg una volta al giorno, in combinazione con la dieta e una maggiore attività fisica, riduce il rischio di sviluppare il diabete 2 dell’80% e si traduce in una maggiore perdita di peso sostenuta rispetto al placebo.

Nuovo approccio terapeutico

Il professor di Medicina John Wilding, presso l’Università di Liverpool è uno specialista di obesità e a capo di questo studio.

Il professor Wilding, ha detto: “In questa ricerca, abbiamo voluto vedere se il farmaco in combinazione con una dieta a ridotto contenuto calorico e intervento sullo stile di vita potrebbe ritardare l’insorgenza del diabete di tipo 2 in una popolazione ad alto rischio con l’obesità e prediabete.

“Sulla base dei nostri risultati, liraglutide 3,0 mg può fornire un nuovo approccio terapeutico per i pazienti con obesità e prediabete nel ridurre sostanzialmente il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 e le sue complicanze correlate.

“Come operatori sanitari, è importante essere in grado di offrire un trattamento per i nostri pazienti affetti da diabete di tipo 2 ed essere sicuri che otterrà risultati nel mondo reale coerenti con gli esiti del programma di sperimentazione clinica.”

Lo studio è una continuazione del lavoro iniziato dal professor Wilding nel 1996, quando lavorava presso l’Ospedale Hammersmith di Londra, e faceva parte della squadra che per prima ha mostrato come l’ormone GLP-1, su cui si basa liraglutide, è coinvolto nell controllo del cibo. Il professor Wilding aggiunge: “E ‘molto emozionante vedere un’osservazione di laboratorio tradotta in un farmaco che ha il potenziale per aiutare tante persone, anche se ci sono voluti più di 20 anni.”



Annunci