Mangiare

Otto volte al giorno è meglio per il cuore

Lo avete sentito mille volte, quel piccolo slogan con il numero magico che vi incoraggia a mangiare “cinque al giorno” frutta e verdura per una salute migliore. Ma si scopre che il vero numero magico è otto, secondo un nuovo studio completo appena pubblicato nel Journal of Epidemiology.

Lo studio, guidato da Dagfinn Aune, presso l’Università Norvegese di Scienza e Tecnologia (NTNU) e Imperial College di Londra, dimostra che 7,8 milioni di morti in tutto il mondo potrebbero essere evitati ogni anno se la gente mangiava più frutta e verdura. Aune dice che più si mangia, minore è il rischio globale di malattie cardiache, ictus, cancro e morte prematura.

“Le raccomandazioni di supporto risultano aumentare per la quantità di frutta e verdura che si mangia”, ha detto Aune.

Lo studio dimostra che il rischio di morire prematuramente per tutte le cause è stato ridotto di quasi un terzo, e la minaccia di malattie cardiovascolari di circa un quarto nelle persone che hanno mangiato 800 grammi di frutta e verdura ogni giorno, rispetto a coloro che ne hanno consumato molto pocca o per niente.

“Vediamo una graduale riduzione del rischio con l’aumento dei consumi, quindi un apporto basso o moderato è meglio che non mangiare frutta e verdura del tutto”, ha detto.

Otto al giorno

Non dovrebbe essere una sorpresa che la frutta e la verdura mangiata è legata a una migliore salute, ma nessuna delle precedenti analisi aveva stabilito questo collegamento e esaminato quanto si dovrebbe mangiare per aumentare i benefici in salute.

La meta-analisi condotta da Aune e suoi colleghi è di gran lunga la più grande su questo argomento compiuta fino ad oggi. I ricercatori hanno esaminato un totale di 142 pubblicazioni da 95 diversi studi sulla popolazione esaminando la relazione tra il consumo di frutta e verdura e il conseguente rischio di malattie croniche. Ogni analisi ha incluso informazioni sulle diverse centinaia di migliaia di persone.

“Il rischio di malattie cardiache, ictus e morte prematura è diminuito del 10,8 per cento per ogni aumento di 200 grammi nel consumo di frutta o verdura – fino a un apporto di 800 grammi”, ha detto Aune.

Si rimarca che il maggiore impatto con l’aumento  dell’assunzione quotidiana a persona di frutta e verdura sembra essere molto positivo per coloro che nonne  mangiano, o che ne consumano molto poca. Ma c’erano anche benefici da ulteriori aumenti di consumo di frutta e verdura per le persone la cui dieta già includeva poco di frutta e verdura.

Molte autorità sanitarie nazionali raccomandano che le persone consumino almeno “cinque volte al giorno” frutta e verdura, che corrisponde a circa 500 grammi. In altre parole, la nuova analisi suggerisce che il rischio di malattia e morte prematura può essere ridotta ulteriormente con il mangiare più frutta e verdura di quanto raccomandato.

La frutta e verdura in realtà hanno un effetto protettivo?

Le persone che mangiano molta frutta e verdura hanno maggiori probabilità di essere in buona salute in altri modi.

Ad esempio, sono generalmente più attive fisicamente, fumano di meno, e hanno maggiori probabilità di evitare grandi quantità di alcool o di carni lavorate di colore rosso rispetto alle persone che mangiano meno frutta e verdura.

Forse questo significa che ci sono altri fattori, oltre frutta e verdura che sono dietro la riduzione del rischio di malattie cardiovascolari, cancro e morte prematura che i ricercatori hanno trovato?

Riduzioni di morti premature

I ricercatori hanno anche calcolato quante morti premature potrebbero essere evitate ogni anno in tutto il mondo se tutti mangiassero 800 grammi di frutta e verdura ogni giorno. Si arriverebbe a  7,8 milioni di morti ogni anno in meno. Se ognuno avesse mangiato 500 grammi di frutta e verdura al giorno, la cifra sarebbe pari a 5,4 milioni di morti.

Da due a quattro milioni di decessi legati a malattie cardiovascolari potrebbero essere evitate all’anno se tutti mangiassero una quantità ottimale di frutta e verdura, i ricercatori hanno detto, mentre per il cancro il numero è stato di circa 660.000 morti.

“Parte di ciò che è più affascinante di questo studio è l’associazione tra frutta e verdura e la mortalità è maggiore di quanto ci si aspetterebbe solo sulla base dei rapporti che troviamo con malattie cardiovascolari e cancro, quindi è ipotizzabile dichiarare la frutta e verdura utile nel prevenire altre malattie e cause di morte”, ha detto Aune. “Ma dal momento che abbiamo avuto dati molto limitati, non potevamo fare analisi per altre cause di morte. E’ qualcosa che vogliamo perseguire.”

Quale frutta e verdura proteggono più, e perché?

La meta-analisi è anche la prima ad esaminare categorie e varietà individuali di frutta e verdura che possono essere collegate ad un ridotto rischio di varie malattie e morte prematura.

Mele e pere, agrumi, succhi di frutta, verdure a foglia verde e frutta e verdura ricchi di vitamina C sono stati tra i tipi di frutta e verdura collegati a una riduzione del rischio di malattie cardiovascolari e di morte prematura.

Le conserve di frutta, tuttavia, sono stati collegate ad un aumento del rischio di malattie cardiovascolari e di morte prematura.

“Tuttavia, abbiamo bisogno di più studi su specifici tipi di frutta e verdura a causa dei relativamente pochi studi nella nostra analisi che riguardavano questo problema”, ha detto Aune.

Frutta e verdura contengono fibre, vitamina C, antiossidanti, potassio e flavonoidi, i quali sono direttamente collegati alla salute. Un elevato apporto di fibre può aiutare a ridurre il colesterolo, la pressione sanguigna e l’infiammazione nel corpo, migliorare la funzione dei vasi sanguigni e impedire alle persone di diventare obese e sovrappeso.

Gli antiossidanti possono prevenire i radicali liberi e di altre specie reattive dell’ossigeno così da danneggiare il materiale genetico del corpo. Frutta e verdura possono anche avere un effetto positivo su batteri intestinali.

“L’integrazione con antiossidanti e vitamine non ha gli stessi effetti benefici che si ottengono con il mangiare frutta e verdura che agiscono in sinergia”, ha detto Aune.