Advertisements

Lunghe ore di lavoro aumentano il rischio di sviluppare la fibrillazione atriale?

Le persone che lavorano molte ore hanno un rischio maggiore di sviluppare un ritmo cardiaco irregolare noto come fibrillazione atriale, secondo uno studio di quasi 85.500 uomini e donne pubblicati oggi nel European Heart Journal .

Lo studio dimostra che, rispetto alle persone con una settimana normale di 35-40 ore lavorative, coloro i quali hanno lavorato 55 ore o più ore avevano circa il 40% di probabilità di sviluppare la fibrillazione atriale nei dieci anni successivi. Per ogni 1000 persone nello studio, ulteriori 5.2 casi di fibrillazione atriale si sono verificati tra coloro che hanno lavorato per molte ore durante il follow-up durato dieci anni.
Il professor Mika Kivimaki, direttore dello Studio Whitehall II, del Dipartimento di Epidemiologia presso University College London (UK), che ha condotto la ricerca, ha dichiarato: “Questi risultati mostrano come lunghe ore di lavoro sono associate ad un aumento del rischio di fibrillazione atriale, L’aritmia cardiaca più comune, che potrebbe essere uno dei meccanismi volti a spiegare l’aumentato del rischio di ictus osservato in precedenza rispetto a quelli che lavorano per lunghe ore.La fibrillazione atriale è nota per contribuire allo sviluppo dell’ictus, ma anche ad altri risultati negativi per la salute, tra cui demenza legata all’ictus “.
Prof. Kivimaki e colleghi hanno ricavato i risultati dalla meta-analisi dei dati parziali-partecipanti in popolazione lavorativa (IPD-Work) e accertato i dati da 85.494 uomini e donne provenienti da Regno Unito, Danimarca, Svezia e Finlandia che hanno partecipato ad uno degli otto studi in questi paesi . Essi hanno valutato le ore di lavoro dei partecipanti quando hanno aderito agli studi tra il 1991 e il 2004. Le ore di lavoro sono state classificate come meno di 35 ore settimanali, 35-40 ore, considerate le ore di lavoro standard dei lavoratori a tempo pieno, 41 a 48 ore, 49 a 54 ore e 55 ore o più a settimana. Nessuno dei partecipanti aveva fibrillazione atriale all’inizio degli studi.
Durante il periodo di follow-up decennale, ci sono stati 1061 nuovi casi di fibrillazione atriale. Ciò ha dato un tasso di incidenza di 12,4 per 1000 persone nello studio, ma tra le 4.484 persone che hanno lavorato 55 o più ore, l’incidenza è stata di 17.6 per 1000 “. Chi ha lavorato un numero eccessivo di ore aveva un rischio di 1,4 volte maggiore di sviluppare la fibrillazione atriale, anche dopo che abbiamo adattato per fattori che potrebbero influenzare il rischio, come l’età, il sesso, lo stato socioeconomico, l’obesità, l’attività fisica nel tempo libero, il fumo e consumo di alcol”, ha dichiarato Prof. Kivimaki.
“Un rischio aumentato del 40% è  importante per le persone che lo hanno già di suo elevato per malattie cardiovascolari a causa di altri fattori  come età più avanzata, sesso maschile, diabete, pressione alta, colesterolo alto, sovrappeso, fumo e inattività fisica, o che vivono con una malattia cardiovascolare. Per una persona sana, giovane, con pochi  fattori di rischio, la fibrillazione atriale associata a lunghe ore di lavoro è marginale se non inesistente”.
Lo studio ha alcune limitazioni, tra cui il fatto che le ore lavorative sono state valutate solo una volta all’inizio dello studio e che il tipo di lavoro (ad esempio, se coinvolge spostamenti notturni) non è stato registrato.
Tuttavia, il prof. Kivimaki ha dichiarato: “La grande forza del nostro studio sta nella sua dimensione, con quasi 85.000 partecipanti, che lo rendono grande per lo standard di ogni studio in questo campo. 
In un editoriale di accompagnamento, il Dr. Bakhtawar Mahmoodi e il dottor Lucas Boersma, dell’ospedale di St Antonius, Nieuwegein, Paesi Bassi, scrivono: ” Esistono molte limitazioni intrinseche dei dati che escludono da conclusioni definitive sul riconoscimento delle lunghe ore di lavoro come fattore di rischio indipendente per la fibrillazione atriale “.
Esse evidenziano il lungo periodo di follow-up di dieci anni durante il quale non sono state fornite informazioni aggiornate sulle ore di lavoro e sugli altri fattori presi in considerazione nelle analisi e che potrebbero essere cambiate in qualsiasi momento. Il tipo di lavoro (ufficio contro lavori in cantiere) e irregolarità delle ore di lavoro, compresi gli spostamenti notturni, non sono stati esplorati nelle analisi e potrebbero avere un impatto sul rischio di fibrillazione atriale. Tuttavia, concludono che lo studio “affronta un argomento importante e amplia la letteratura sull’etologia della fibrillazione atriale “.



Advertisements

Rispondi

Diabete
Il diabete tipo 1 sul groppone da un giorno o 54 anni? Non perdere la fiducia e guarda avanti perché la vita è molto di più, e noi siamo forti! Non sono un medico. Non sono un educatore sanitario del diabete. Non ho la laurea in medicina. Nulla in questo sito si qualifica come consulenza medica. Questa è la mia vita, il diabete - se siete interessati a fare modifiche terapeutiche o altro al vostra patologia, si prega di consultare il medico curante di base e lo specialista in diabetologia. La e-mail, i dati personali non saranno condivisi senza il vostro consenso e il vostro indirizzo email non sarà venduto a qualsiasi azienda o ente. Sei al sicuro qui a IMD. Roberto Lambertini (fondatore del blog dal 3/11/2007)
Newsletter
Informazione
Avete un evento, manifestazione (sportiva e non), convegno sul diabete o legato ad esso? Se la risposta è sì fatemelo sapere attraverso l'invio dei dati e iinformazioni scrivendole nel form presente all'interno della pagina Scrivimi del blog. Le iniziative predette saranno publicizzate all'interno di questo spazio gratuitamente e immediatamente. Grazie per il vostro interesse Roberto Lambertini
Eventi
Sommario post
Categorie post
IMD è mobile
Il Mio Diabete social
Il mio diabete

Promuovi anche tu la tua Pagina

Instagram

Google+





Visualizza il profilo LinkedIn di Roberto Lambertini Visualizza il profilo di Roberto Lambertini
Blogosfera
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog


2016 Image Banner 120 x 600