Tecno

Medtronic 670G: onore agli sviluppatori di quello che oggi rappresenta un importante tassello nella terapia del diabete tipo 1

All’interno del sistema MiniMed ™ 670G si trova un’equazione di matematica che ha richiesto quasi un decennio di lavoro agli scienziati di Medtronic per metterlo insieme.

Dubbi. Disaccordi. E notti insonni. È solo uno sguardo nel viaggio per scoprire un problema di matematica così complesso, che sta cambiando il modo in cui il diabete è gestito.

“Devi attenerti a quello in cui credi”, dice il dottor Benyamin Grosman. “Devi rimanere concentrato sull’impatto nel paziente”.

Nel 2008, Grosman, uno scienziato di Medtronic che si specializza nella teoria della matematica e del controllo, ha collaborato con Anirban Roy, un collega medico medtronic con lo stesso background. Il loro obiettivo era quello di sviluppare un sofisticato algoritmo per aiutare una persona a gestire i livelli di zucchero nel sangue.

L’Algoritmo: Un Viaggio di 10 anni
“Ho pensato a questo giorno e notte, e l’ho anche sognato”, dice il medico di Medtronic, Benyamin Grosman.

“La matematica è ciò che ci guida – questo è il nostro pane e burro”, dice Roy.

L’algoritmo è programmato all’interno del sistema Medtronic MiniMed 670G – il primo sistema ibrido di erogazione insulina a distanza. Ci sono voluti circa 10 anni per metterlo insieme, per trovare la formula necessaria per imitare ciò che il corpo umano fa naturalmente.

Ma questo non è un problema di matematica facile.

Lo zucchero nel sangue cambia continuamente da persona a persona, ognuno è diverso. L’algoritmo, che deve controllare il flusso dell’insulina, deve adattarsi alle esigenze individuali, come la reazione all’attività fisica,  al cibo e così via.

“Stiamo parlando di anni, non di giorni”, dice Roy. “Tu fai le prove, guadagni fiducia,  e torni in ambiente clinico. Devi avere pazienza nel settore sanitario, perché devi farlo bene. ”

Sono stati consumati  e-mail di mezza giornata e mesi di prove nel mondo reale. E hanno sentito la pressione.

Il dispositivo è una “scoperta”
Gli specialisti dell’industria stanno chiamando il MiniMed 670G – un “passo avanti nella gestione del diabete”.

Il sistema MiniMed 670G dispone di un sensore altamente avanzato, l’ultima tecnologia in fatto di microinfusore d’insulina e un algoritmo dinamico che lavora assieme per consentire alle persone che vivono con il diabete di preoccuparsi di meno della loro malattia.

“Questo algoritmo impara il paziente ogni giorno”, dice Roy. “Sta mantenendo la sensibilità all’insulina e ha incorporato livelli di sicurezza”.

Nell’autunno del 2016, la FDA ha dato la piena approvazione MiniMed 670G. Oggi, il sistema è a disposizione dei pazienti.

“C’è una tonnellata di passione dietro questo progetto”, dice Ali Dianaty, vice presidente, R & D a Medtronic. “Nel diabete, questa è una delle più grandi innovazioni degli ultimi 10 anni”.
L’innovazione continua
“Questa è solo la versione uno”, afferma Anirban Roy mentre il lavoro è in corso per il prossimo avanzamento nella gestione del diabete.

E sta cambiando la vita delle persone. Come Tia Geri, un 16enne dalla California.

“Ho sentito dire da persone che dicono che è come fare una vacanza dalla loro malattia”, dice Roy. “È molto bello poterlo ascoltare.”

“Dobbiamo continuare a innovare”, dice Roy. “Questo è quello che facciamo”.

È l’atteggiamento che si allinea con quello che per Medtronic è tutto: alleviare il dolore, ripristinare la salute e prolungare la vita.

“La gente si sta muovendo in una nuova era – e noi siamo parte di essa”, dice Grosman. “Per me, questo significa molto.”

Grazie da parte di noi tutti diabetici e avanti tutta!



Annunci