Terapie

In camera c’è posto?

L’ossigenoterapia iperbarica migliora la sopravvivenza a lungo termine nei diabetici con ulcere croniche del piede diabetico rappresenta una modalità di trattamento sistemico con alta pressione di ossigeno. Questa forma terapeutica è data in camere iperbariche. Uno dei risultati positivi di tale trattamento è che si ha un incremento della concentrazione di ossigeno nel tessuto, e più tardi probabilmente porta ad avere qualche effetto benefico nella funzione microvascolare.”

La terapia con ossigeno iperbarico sembra migliorare la sopravvivenza di 6 anni in pazienti con diabete e ulcere del piede croniche”, ma l’applicazione nella gestione clinica di tale protocollo nella routine dei processi sanitari ha qualche difficoltà.

le patologie riconosciute come trattabili con terapie basate sull’ossigenoterapia iperbarica sono molteplici e investono una porta della popolazione assistita, ad esempio:

• Malattie da decompressione subacquea

• Embolia gassosa arteriosa

• Intossicazione da monossido di carbonio

• Gangrena gassosa e infezioni necrosanti progressive

• Ulcere a lenta guarigione nel paziente diabetico

• Ulcere a lenta guarigione nel paziente non diabetico

• Traumi complessi, esposti con ferite lacero-contuse e ischemia elo sindrome compartimentale

• Lembi peduncolati cutanei, fascio-cutanei e mio-cutanei compromessi

• Ostiomielite cronica rarefatta, otite esterna

• Osteonecrosi asettica o vascolare

• Osteonecrosi della mandibola, ulcera radionecrotica e proctite post-attinica

• Ipoacusia improvvisa

Le camere iperbariche presenti e accessibili sul territorio nazionale sono sulla carta in ampio numero, sia nelle strutture pubbliche che private convenzionate (per la quasi totalità), ma essendo la domanda elevata e i tempi della terapia lunghi (si resta chiusi in camera per novanta minuti) mettono i presidi sanitari su livelli di attenzione, in particolare proprio per via dell’incremento dei casi di piede diabetico.