Mangiare

Il ruolo dei supermercati nelle scelte di prodotti con meno calorie: una via interessante esplorare

DIABETEASY per partecipare clicca qui

I supermercati potrebbero aiutare i loro clienti a consumare meno calorie facendo piccole modifiche alle ricette dei prodotti alimentari di propria marca per ridurre le calorie contenute nell’articolo, senza pertanto notificare esplicitamente i consumatori, secondo uno studio pubblicato sull’International Journal of Behavioral Nutrition and Physical Activity. La cosiddetta riformulazione “silenziosa” del prodotto può essere una strategia promettente per la quale i rivenditori di alimenti potrebbero contribuire ad abbassare l’apporto calorico nella popolazione, suggeriscono ricercatori dell’Università di Copenaghen.

Il professor Jørgen Dejgaard Jensen, autore principale dello studio, ha dichiarato: “La riformulazione silenziosa dei prodotti non otterrà una drastica riduzione dell’apporto calorico nella popolazione, ma sembra che non vi siano dubbi sul fatto che possa ridurre l’assunzione di calorie e facendolo con un costo relativamente basso.”

I ricercatori hanno analizzato i dati di una riformulazione silenziosa di otto prodotti, condotta da una catena danese di vendita al dettaglio tra il marzo 2013 e il 2014. Il rivenditore ha apportato modifiche alle ricette della sua marca di maionese, yogurt di frutta, pane di segale con semi di zucca, pane, carote, panini a grani interi e muesli al cioccolato. Le etichette di fatto nutrizionali sono state aggiornate per riflettere i cambiamenti che non sono stati annunciati ai clienti.

I ricercatori hanno scoperto che per sei prodotti a quali erano state riviste le calorie riportate al ribasso, le vendite totali nella categoria – ad esempio ‘panini’ o ‘yogurt’ – erano scesi tra lo 0 e il 7 per cento dopo i cambiamenti. Alcuni clienti avevano scambiato il pane di segale riformulato e il cereale con cioccolato per alternative a calorie maggiori, il che aveva compromesso l’effetto calorico riducente della riformulazione per i generi di prodotti ‘cioccolato muesli’ e ‘pane’. Tuttavia, per la maggior parte degli articoli, tali effetti indiretti di sostituzione sono stati superati dall’effetto positivo della riformulazione.

Precedenti studi che hanno valutato simili interventi non hanno tenuto conto se i consumatori avevano scambiato i prodotti riformulati per altri della stessa categoria, ad esempio un tipo di cereale per un altro. Tuttavia, nel valutare l’efficacia delle riformulazioni dei prodotti, occorre tenere conto dei possibili cambiamenti nel comportamento dei consumatori per evitare di sovrastimare gli effetti nella salute pubblica di tali interventi, secondo i ricercatori.

Il professor Jensen ha dichiarato: “Le riformulazioni del prodotto esaminate nello studio possono essere considerate come modifiche” marginali “nelle ricette, mirate a mantenere il gusto e l’aspetto originario dei singoli prodotti. Ha indicato che attraverso una sequenza di riformulazioni marginali del prodotto, è possibile modificare in modo significativo le caratteristiche nutrizionali dei prodotti alimentari e mantenere ancora l’accettazione dei prodotti da parte dei consumatori “.

I ricercatori hanno anche studiato se le risposte comportamentali influenzerebbero il fatturato delle vendite al dettaglio. Hanno scoperto che l’impatto delle riformulazioni del prodotto sul fatturato di vendita del rivenditore è stato molto piccolo, il che indica che tali riforme possono essere effettuate a costi relativamente bassi per i dettaglianti

Il professor Jensen ha aggiunto: “La riformulazione dei prodotti alimentari è considerata come una delle varie misure per combattere l’aumento della prevalenza del sovrappeso e dell’obesità. I ??produttori di alimenti stanno sviluppando e commercializzando continuamente nuovi prodotto a ‘low calorie’, ‘low-fat’ eccetera. “Tuttavia, il potenziale nella promozione della salute di una riformulazione del prodotto più silenziosa è stata ampiamente ignorato nella ricerca. I nostri risultati suggeriscono che tale opzione nei prodotti a marchio della catena di supermercati possono essere efficaci nel ridurre il consumo di calorie da parte dei consumatori”.



Annunci