Ricerca

Nuovo legame tra batteri intestinali e obesità

I ricercatori della Lund University in Svezia hanno scoperto un nuovo legame tra batteri intestinali e obesità. Hanno scoperto che alcuni aminoacidi nel sangue sono collegati all’obesità e alla composizione del microbioma intestinale.

I ricercatori conoscono poco il significato del microbioma che non sembra suggerire un rapporto sull’argomento. Gran parte della ricerca sul tema si basa su studi negli animali che non possono essere applicati direttamente agli esseri umani. Inoltre, una flora intestinale sana per una persona potrebbe non essere necessariamente buona per qualcun altro.

Tuttavia, un numero crescente di studi indica che il microbiota intestinale svolge un ruolo importante nella salute. Colpisce il metabolismo e può essere collegato all’obesità, alle malattie cardiovascolari e al diabete di tipo 2.

Precedenti studi hanno dimostrato che le persone con queste malattie hanno diversi eventi metabolici, cioè piccole molecole o residui metabolici, nel sangue. Lo scopo del nuovo studio era quindi diretto a identificare i metaboliti nel sangue che possono essere collegati all’obesità e indagare se questi metaboliti legati all’obesità influenzano la composizione della flora batterica nei campioni di feci.

I ricercatori hanno analizzato campioni di plasma sanguigno e di feci da 674 partecipanti al Malmö Offspring Study, MOS. Hanno trovato 19 metaboliti che potrebbero essere collegati al BMI della persona; glutammato e la cosiddetta BCAA (catena ramificata di aminoacidi) hanno avuto la connessione più forte all’obesità. E anche scoperto che i metaboliti legati all’obesità erano collegati a quattro batteri intestinali (Blautia, Dorea e Ruminococcus nella famiglia delle Lachnospiraceae e SHA98).




“Le differenze nel BMI sono state ampiamente spiegate dalle diversità nei livelli di glutammato e BCAA, il che indica come i metaboliti e i batteri intestinali interagiscono, piuttosto che essere indipendenti l’uno dall’altro”, afferma Marju Orho-Melander, professore di epidemiologia genetica a Lund Università.

Di gran lunga il più forte fattore di rischio per l’obesità nello studio, il glutammato, è stato associato all’obesità in studi precedenti e il BCAA è stato utilizzato per prevedere l’insorgenza futura del diabete di tipo 2 e delle malattie cardiovascolari.

“Ciò significa che gli studi futuri dovrebbero concentrarsi maggiormente su come la composizione dei batteri intestinali può essere modificata per ridurre il rischio di obesità e malattie metaboliche associate e malattie cardiovascolari “, afferma Marju Orho-Melander. “Per arrivarci, dobbiamo prima capire che aspetto ha una normale flora intestinale sana e quali sono i fattori i quali ne influenzano la composizione batterica, il che richiede ampi studi sulla popolazione, come lo studio Malms Offspring, e studi di intervento”, conclude.

Annunci

Categorie:Ricerca

Con tag: