Tecno

Sensore flessibile sostituirà il test glicemico con il monitoraggio continuo del sudore?

I ricercatori dell’Università di Glasgow, nel Regno Unito, hanno creato un sensore indossabile in grado di misurare il pH del sudore, che potrebbe aiutare i pazienti con patologie croniche a evitare la necessità di eseguire esami del sangue con puntura del dito.

Il sensore flessibile, che misura circa 10 × 10 mm, può allungarsi con movimenti naturali e allungarsi fino al 53% senza comprometterne le prestazioni o perdere il contatto con la pelle. “Il sudore umano contiene molte delle stesse informazioni fisiologiche che il sangue fa e il suo uso nei sistemi diagnostici ha il significativo vantaggio di non aver bisogno di ferire la pelle per amministrare i test.” Ha affermato il prof. Ravinder Dahiya, responsabile del progetto e responsabile del Bendable Gruppo Electronics and Sensing Technologies (BEST) presso l’Università di Glasgow.

Gli inventori del cerotto sensibile al sudore hanno in programma di espandere le capacità del sistema includendo sensori in grado di misurare il glucosio, l’ammoniaca e l’urea, con l’obiettivo di un sistema diagnostico completo contenuto in una patch delle dimensioni di un francobollo.

I creatori del sistema citano la flessibilità e la semplicità del sensore come una svolta significativa: non è richiesto adesivo, eliminando possibili irritazioni e l’integrazione di un trasmettitore RFID a campo ravvicinato il quale elimina la necessità di un’infrastruttura voluminosa ed energia che sarebbe necessaria per l’interfaccia Bluetooth. Il sistema può trasmettere dati senza alimentazione esterna a un’app per smartphone denominata “SenseAble”, anch’essa sviluppata dal team di ricercatori.

Il sistema innovativo è descritto in una recente pubblicazione sul Journal of Biosensors and Bioelectronics.

Categorie:Tecno

Con tag:,