Dai media e web

Il carico globale di molteplici malattie croniche deve essere affrontato con urgenza

Un numero crescente di persone in tutto il mondo sta soffrendo di invalidità permanente e muore prematuramente a causa del trattamento inefficace delle persone con più condizioni di salute, lo indica un nuovo rapporto.

Il rapporto dell’Accademia delle scienze mediche, pubblicato oggi (19 aprile 2018), mette in evidenza un’allarmante mancanza di informazioni sulla multimorbilità, uno scenario in cui un paziente soffre contemporaneamente di diverse malattie.

Mentre è noto che la multimorbidità è comune e in aumento, l’esatta portata del problema e la velocità con cui cresce non è compresa. È stato riferito che colpisce ovunque tra il 13 e il 95% dei pazienti a livello globale, un intervallo così ampio che indica quanto poco si sa di questo onere globale. Le cause della multimorbidità sono scarsamente comprese e mancano strategie per la sua prevenzione.

Il rapporto, prodotto da un gruppo di lavoro di 17 esperti sanitari internazionali, è il primo ad affrontare il problema della multimorbilità su scala globale e mette in evidenza l’inadeguatezza delle prove richieste per guidare la politica sanitaria e la pratica medica. Il progetto è stato sostenuto in parte dal Dipartimento britannico per le imprese, l’energia e la strategia industriale.

La maggior parte dei servizi sanitari, compreso il NHS, non sono progettati per prendersi cura di pazienti con più malattie. Ciò probabilmente contribuirà alle crescenti pressioni sui sistemi sanitari e sui budget in tutto il mondo, suggerisce la relazione. Conclude che senza una migliore comprensione della multimorbilità, non sarà possibile per nessun paese pianificare le future risorse sanitarie e riprogettare i servizi in modo efficace.

Le condizioni di salute che spesso si raggruppano comprendono malattie cardiache , ipertensione, diabete, cancro, depressione, ansia, broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e malattia renale cronica. Tuttavia, non è chiaro il motivo per cui alcune di queste condizioni si raggruppano, rendendo difficile prevedere quali potrebbero essere i pazienti maggiormente bisognosi di misure preventive o di maggiore assistenza.

Le prove suggeriscono che la multimorbilità è più comune nelle donne e nelle persone a basso reddito, ed è sempre più frequente nei giovani e negli anziani.

Il professor Stephen MacMahon, presidente del gruppo di lavoro sulla multimorbilità dell’Accademia delle scienze mediche, ha dichiarato:

“Mentre sappiamo che la multimorbilità è molto comune, non sappiamo con esattezza quante persone vivono con più malattie gravi. Da quello che sappiamo, stimiamo che decine di milioni di cittadini britannici soffrono di multimorbilità, e globalmente il numero potrebbe essere su un miliardo. Allo stesso modo, mentre sappiamo che la multimorbilità sta aumentando, non sappiamo quanto velocemente o quali gruppi stanno vivendo i maggiori aumenti.

“Questo rapporto dovrebbe essere il punto di svolta per riconoscere che la multimorbilità è un’enorme minaccia per la salute globale ed è una priorità ottenere le prove di cui abbiamo bisogno per sviluppare strategie efficaci per la prevenzione e il trattamento”.

La comunità scientifica non ha una definizione concordata di multimorbidità, il che ha ostacolato la ricerca essenziale necessaria per migliorare la prevenzione e il trattamento. Il rapporto fornisce una nuova definizione di multimorbidità e raccomanda che questo venga adottato dai ricercatori a livello globale.

Le condizioni fisiche e mentali spesso si raggruppano insieme. Una cattiva salute mentale può influenzare negativamente la qualità e l’aspettativa di vita più che le malattie fisiche. Il rapporto evidenzia come le condizioni di salute mentale possono portare a una riduzione della salute fisica e viceversa. Ad esempio, il diabete di tipo 2 è stato segnalato per aumentare il rischio di depressione, e gli adulti con depressione hanno il 37% in più di probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2. Tuttavia, la divisione tra servizi sanitari che trattano la salute mentale e fisica spesso significa che i pazienti affetti da condizioni sia fisiche che mentali sono particolarmente a rischio di una scarsa cura (vedi in Italia).

Le sperimentazioni cliniche di nuovi farmaci spesso escludono i pazienti con più patologie, lasciando lacune significative nella conoscenza dei trattamenti efficaci di quelli con multimorbilità. Ciò potrebbe sollevare dubbi sull’applicabilità delle prove su quali medcamenti vengono utilizzati, dato che molte malattie a lungo termine non esistono in modo isolato.

La scala della multimorbilità solleva anche questioni sull’adeguatezza dei sistemi sanitari che sono organizzati per il trattamento di singole malattie o singoli organi, la norma nella maggior parte dei principali ospedali. Solleva inoltre domande sul modo in cui è organizzata la pratica generale, in particolare se le consultazioni dei singoli GP sono generalmente troppo brevi per consentire una gestione completa di più condizioni.

Il professor Stephen MacMahon ha aggiunto:

“Come prevenire e gestire più malattie è una sfida che i medici generici affrontano ogni giorno, ma non abbiamo quasi nessuna prova su cui fornire indicazioni del come farlo nel modo più efficace.

“Siamo di fronte a un maremoto di pazienti che vivono con più condizioni di salute a lungo termine e il nostro rapporto dimostra quanto poco sappiamo su come gestirli. I risultati sembrano essere peggiori in questi pazienti e tuttavia vi sono prove crescenti di persone con multimorbilità le quale è meno probabile che ricevano cure adeguate per le singole malattie che hanno. Affrontiamo una situazione in cui le persone più bisognose hanno meno probabilità di ricevere cure appropriate.

“Per troppo tempo ci siamo concentrati quasi esclusivamente sulla gestione di singole malattie, come il cancro e l’HIV, il che significa l’aver trascurato la realtà che la maggior parte delle persone con una malattia a lungo termine ne ha in genere altre”.

La professoressa Melanie Davies, membro del gruppo di lavoro del rapporto, ha dichiarato:

“Tutti conosciamo la multimorbilità nella popolazione anziana, ma come medico diabetologo vedo molti malati di diabete di tipo 2 al di sotto dei 40 anni con malattie gravi che sono una vera preoccupazione”.

“Il nostro sistema sanitario è tradizionalmente organizzato per la cura di singole malattie e, con il crescente riconoscimento che il trattamento per i pazienti con multimorbidità è spesso meno efficace, abbiamo un disperato bisogno di informazioni per aiutarci a riorganizzare i servizi sanitari nell’affrontare questa sfida”.

Il professor Sir Robert Lechler PMedSci, presidente dell’Accademia delle scienze mediche ha dichiarato:

“Le persone che convivono con più di una malattia spesso hanno più appuntamenti medici e farmaci da gestire e i medici possono lottare per bilanciare le loro cure. Il bilancio di questo stato può avere un grande impatto sulla qualità della vita dei pazienti e delle loro famiglie.

“La multimorbidità non è un problema immateriale: la ricerca può fornirci le prove necessarie per affrontare questa importante sfida sanitaria e migliorare la vita dei pazienti in tutto il mondo.”

“Finora la medicina si è distinta nel trattamento di singole malattie, ma se vogliamo migliorare la qualità della vita per milioni di persone che vivono in condizioni di salute multiple dobbiamo migliorare trattando l’intera persona e tutte le sue malattie”.

Il rapporto suggerisce che affrontare la multimorbidità sarà essenziale per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile definiti dalle Nazioni Unite e progredire verso il quadro dell’OMS sui servizi sanitari integrati centrati sulla persona .

Annunci