Dai media e web

La credenza nelle cause false del cancro è molto diffusa

La credenza errata nelle mitiche cause del cancro è diffusa secondo una nuova ricerca finanziata congiuntamente dal Cancer Research UK e pubblicata oggi (giovedì) sull’European Journal of Cancer.

I ricercatori dell’University College di Londra (UCL) e dell’Università di Leeds hanno intervistato 1.330 persone in Inghilterra e rilevato che più del 40% pensato erroneamente che lo stress (43%) e gli additivi alimentari (42%) provochino il cancro.

Un terzo ritiene erroneamente che le frequenze elettromagnetiche (35%) e il consumo di alimenti OGM (34%) siano fattori di rischio, mentre il 19% pensa che siano i forni a microonde e il 15% dicevano che bere dalle bottiglie di plastica provochi il cancro nonostante la mancanza di buone prove scientifiche.

Tra le cause accertate del cancro, l’88% delle persone ha selezionato correttamente il fumo, l’80% ha scelto il fumo passivo e il 60% ha dichiarato la solarizzazione.

Credere nelle cause mitiche del cancro non significa che una persona abbia più probabilità di avere abitudini di vita a rischio.

Ma quelli che avevano una migliore conoscenza delle cause provate erano più propensi a non fumare.

Il dott. Samuel Smith dell’Università di Leeds ha dichiarato: “È preoccupante vedere così tante persone approvare fattori di rischio per i quali non ci sono prove convincenti”.

“Rispetto alla ricerca passata sembra che il numero di persone le quali credono in cause non accertate di cancro sia aumentato dall’inizio del secolo, il che potrebbe essere il risultato di cambiamenti nel modo in cui accediamo a notizie e informazioni attraverso Internet e i social media.

“È fondamentale migliorare l’educazione pubblica sulle cause del cancro se vogliamo aiutare le persone a prendere decisioni informate sulla loro vita e assicurare che non si preoccupino inutilmente”.

Il Dr Lion Shahab dell’UCL ha detto: “Le convinzioni delle persone sono così importanti perché hanno un impatto sulle scelte di stile di vita che fanno. Quelli con una maggiore consapevolezza delle cause accertate del cancro erano più propense a non fumare e a mangiare più frutta e verdura”.

Clare Hyde del Cancer Research UK ha dichiarato: “Circa quattro casi su 10 di cancro potrebbero essere prevenuti attraverso i cambiamenti dello stile di vita”, quindi è fondamentale avere le giuste informazioni per aiutarci a separare il grano dalla pula.

“Fumare, il sovrappeso e la sovraesposizione alle radiazioni UV del sole e dei lettini solari sono le principali cause prevenibili di cancro.

“Non c’è alcuna garanzia contro il cancro, ma conoscendo i maggiori fattori di rischio possiamo impilare le probabilità a nostro favore per contribuire a ridurre il nostro rischio individuale di malattia, piuttosto che perdere tempo a preoccuparci di notizie false”.

Nota personale: tale risultato va oltre il cancro e si estende anche a patologie quali il diabete e molto altro ancora. Teniamolo sempre presente ed è questa una delle ragioni per cui ho deciso di uscire dai social a partire dal 1 giugno 2018.