Batticuore

L’app per smartphone ha prestazioni migliori rispetto all’esame tradizionale nella valutazione cardiaca

Un’applicazione per smartphone che utilizza la funzione fotocamera del telefono ha ottenuto risultati migliori rispetto all’esame fisico tradizionale per valutare il flusso di sangue in un’arteria del polso per i pazienti sottoposti ad angiografia coronarica, secondo uno studio randomizzato pubblicato in CMAJ (Canadian Medical Association Journal) .

Questi risultati evidenziano il potenziale delle applicazioni per smartphone nell’aiutare i medici a prendere decisioni al capezzale del malato. “La diffusa disponibilità di smartphone, li rende sempre più utilizzati come diagnostica point-of-care in ambito clinico con costi minimi o nulli”, afferma il dott. Benjamin Hibbert dell’Heart Institute Università di Ottawa, Ontario. “Ad esempio, le fotocamere integrate con software dedicato o sensori di fotodiodi che utilizzano diodi emettitori di luce a infrarossi hanno il potenziale di rendere gli smartphone pletismografi funzionali [strumenti che misurano i cambiamenti nel flusso sanguigno].”

I ricercatori hanno confrontato l’uso di un’applicazione di monitoraggio della frequenza cardiaca (l’applicazione Instant Heart Rate versione 4.5.0 su un iPhone 4S) con il test Allen modificato, che misura il flusso sanguigno nelle arterie radiali e ulnari del polso, una delle quali è usato per accedere al cuore per l’angiografia coronarica. Un totale di 438 partecipanti sono stati divisi in due gruppi; un gruppo è stato valutato utilizzando l’app e l’altro è stato valutato utilizzando un esame fisico tradizionale gold standard (noto come test di Allen). L’app per smartphone ha una precisione diagnostica del 94% rispetto all’84% del metodo tradizionale.

“Il rapporto attuale evidenzia che un’applicazione per smartphone può superare gli attuali standard di cura e fornire una resa diagnostica incrementale nella pratica clinica”, scrive il dott. Hibbert, con i colleghi.

“Tuttavia non sono progettati come dispositivi medici gli smartphone e le app, e iniziano ad essere utilizzati clinicamente – è importante che vengano valutati nello stesso modo rigoroso con cui valutiamo tutte le terapie e i test diagnostici”, afferma l’autore Dr. Pietro Di Santo. “Quando abbiamo progettato l’iRadialstudy, volevamo mantenere la tecnologia ai massimi standard scientifici per assicurarci che i dati a supporto del suo utilizzo fossero il più robusto possibile”.

“Sebbene questa applicazione non sia attualmente certificata per l’uso nell’assistenza sanitaria da parte di enti normativi, il nostro studio evidenzia il potenziale della diagnostica basata su smartphone per aiutare nel processo decisionale clinico al capezzale del paziente”, conclude il dott. Hibbert.

La professione di assistenza sanitaria e le agenzie di regolamentazione dovrebbero affrontare in modo proattivo le sfide associate al portare in pratica le soluzioni di salute mobile (mHealth) per massimizzare i loro benefici, scrive il Dr. Kumanan Wilson, dell’Ospedale di Ottawa e dell’Università di Ottawa, in un commento correlato http://www.cmaj.ca/lookup/doi/10.1503/cmaj.180269

“Indicata come una nuova rivoluzione industriale, l’impatto delle tecnologie digitali sarà sia dirompente che trasformativo”, scrive. “La continua maturazione delle tecnologie, come l’intelligenza artificiale, la realtà virtuale e la blockchain, amplierà ulteriormente le possibilità di mHealth sia nella diagnosi che nel trattamento dell’assistenza sanitaria”.

“Fotopletismografia utilizzando un’applicazione per smartphone per la valutazione della pervietà dell’arteria ulnare: uno studio clinico randomizzato” è pubblicato il 3 aprile 2018.

Categorie:Batticuore, Tecno

Con tag:,,