Terapie

Le medicazioni rigenerative per ferite favoriscono la guarigione

Le medicazioni antimicrobiche, antiossidanti e antinfiammatorie stimolano la rigenerazione dei tessuti e possono essere particolarmente efficaci nel trattamento di ferite profonde difficili da guarire. Credito: KTU

Un gruppo di ricercatori della Kaunas University of Technology (KTU)  in Lituania, sta sviluppando medicazioni per ferite di prossima generazione con acido ialuronico. Le medicazioni antimicrobiche, antiossidanti e antinfiammatorie stimolano la rigenerazione dei tessuti e possono essere particolarmente efficaci nel trattamento di ferite profonde difficili da guarire.

Delle spese sanitarie totali nell’Unione europea, la gestione delle ferite rappresenta il 2-4 percento. Una singola ferita cronica può costare fino a 10 mila euro per il trattamento, e si stima che fino all’1,5 per cento della popolazione dell’UE abbia una o più ferite simili.

Affinché una ferita profonda possa guarire con successo, la rigenerazione dei tessuti è estremamente importante. Lo sviluppo di medicazioni della prossima generazione che assistono questo processo è una delle maggiori sfide nell’ingegneria dei tessuti. I ricercatori della Kaunas University of Technology (KTU) stanno sviluppando medicazioni per ferite simili a spugne a base di acido ialuronico, un polimero ben studiato che stimola la rigenerazione dei tessuti ed utilizzato in oftalmologia, nella rigenerazione ossea e per altri scopi medici e cosmetici.

“L’acido ialuronico è un polimero naturale trovato negli organismi viventi, che ha proprietà anti-infiammatorie e stimola la rigenerazione dei tessuti. Abbiamo usato per prodotti commerciali a base di acido ialuronico, che di solito sono liquidi o gel densi. Anche se rapidamente assorbito dall’organismo, in questo formare il polimero non ha la struttura necessaria per la costruzione di tessuti “, dice Odeta Baniukaitiene, ricercatrice presso KTU Faculty of Chemical Technology.

Le medicazioni a base di spugna create a KTU hanno una struttura netta, essenziale per lo sviluppo di medicazioni per la rigenerazione dei tessuti. Sebbene i biopolimeri siano spesso scelti per questo scopo in quanto compatibili con i sistemi biologici, le medicazioni a base di spugna sono per lo più a base di alginato o collagene.

“Usiamo la tecnica di liofilizzazione per rendere l’acido ialuronico in una struttura simile a una spugna. La medicazione riempie la ferita e funge da struttura per l’adesione delle cellule, i composti attivi, che riportano antimicrobico, antiossidante, anti-infiammatorio o tessuto stimolano la qualità della rigenerazione e in tal modo la fissano e portano avanti “, afferma Baniukaitiene.

I ricercatori di KTU hanno costruito una impalcatura di acido ialuronico che può essere utilizzata per la rigenerazione dei tessuti. Collaborando con l’Università lituana delle scienze della salute, gli scienziati stanno testando il prototipo in vitro con diversi tipi di cellule. Secondo i ricercatori, la prova nella fase di ricerca concettuale può richiedere ancora qualche anno.

Annunci

Categorie:Terapie

Con tag:,

Rispondi