Ricerca

L’infiammazione cronica di mezza età collegata alla fragilità in seguito?

mezza_et

Uno studio condotto su circa 6.000 americani seguiti per 24 anni dalla mezza alla tarda età adulta ha scoperto che avere un’infiammazione cronica nella mezzo del cammin di nostra vita può essere collegato a un aumento del rischio di fragilità e di salute generale peggiore decenni più tardi.

Un rapporto sullo studio, condotto dagli investigatori della Johns Hopkins Medicine, è pubblicato nel numero di marzo di The Journal of Gerontology . Complessivamente per il campione di studio, ogni deviazione standard di infiammazione più elevata registrata nella mezza età ha prodotto un aumento del 39% delle probabilità di fragilità circa 24 anni dopo. Queste associazioni erano più forti tra i bianchi rispetto agli afro-americani. La prevalenza della fragilità in età avanzata tra le persone che avevano bassi livelli di infiammazione durante la mezza età era del 4-5%. Tuttavia, la prevalenza della fragilità nella vita successiva tra gli adulti con alti livelli di infiammazione durante la mezza età era del 9%, circa il doppio.

Gli investigatori avvertono che il loro studio non stabilisce una relazione di causa ed effetto tra la definizione di infiammazione cronica e fragilità, che è generalmente allineata con la salute, la debolezza e l’incapacità di prosperare in generale negli adulti più anziani .

Ma i risultati, dicono, si aggiungono all’evidenza che “la mezza età adulta è un periodo di esposizione potenzialmente importante” e i risultati dello studio “forniscono supporto per le teorie che suggeriscono un ruolo per l’infiammazione sistemica nello sviluppo della fragilità e della cattiva salute correlata in età avanzata, “dice l’autore principale dello studio Keenan Walker, Ph.D., un borsista post-dottorato in neuropsicologia clinica presso la Johns Hopkins University School of Medicine. “I nostri risultati supportano anche l’idea di come i processi patologici che portano alla fragilità possano iniziare decenni prima del suo esordio, in modo simile ad altre condizioni croniche come la demenza”. Mentre i ricercatori dicono che i dati sono troppo preliminari per suggerire lo screening dei biomarker per la fragilità,

I ricercatori, inoltre, non possono dire con certezza in base a questo studio che il trattamento dell’infiammazione può ridurre il rischio di fragilità, dice il coautore Jeremy Walston, MD, Raymond e Anna Lublin, professore di Geriatria presso la Johns Hopkins. “Tuttavia, il National Institutes of Health ha recentemente sponsorizzato studi clinici su potenziali interventi per l’infiammazione cronica”, dice. Questi includono uno che la Johns Hopkins sta valutando: se gli integratori di lattoferrina, una sostanza trovata nel latte materno che promuove la crescita di batteri benefici nell’intestino e promuove la funzione del sistema immunitario, riduce l’infiammazione negli anziani.
Per lo studio in corso, Walker ei suoi colleghi hanno analizzato i dati di 5.760 adulti nei loro 70 anni che hanno partecipato allo studio sul rischio di Arteriosclerosi nelle comunità, un’indagine nazionale a lungo termine di circa 16.000 adulti che vivono in quattro comunità statunitensi: Washington County, Maryland; Contea di Forsyth, North Carolina; la periferia nord-occidentale di Minneapolis; e Jackson, Mississippi. La salute dei partecipanti è stata seguita nel corso di cinque esami medici, a partire dal 1987-1989, quando avevano 40 e 50 anni. La quinta e più recente visita medica e valutazione si è si è svolta nel preriodo nel 2011-2013.

I ricercatori hanno esaminato specificamente le misure di cinque marcatori di infiammazione nel flusso sanguigno (conta dei globuli bianchi, fibrinogeno, fattore di von Willebrand e fattore VIII) raccolti durante le visite di studio iniziali dei partecipanti. I livelli di biomarcatori infiammatori sono stati combinati per creare un punteggio composito di infiammazione, che è stato utilizzato come indicatore del livello complessivo di flogosi di ciascun partecipante.

Successivamente, tutti i partecipanti che hanno completato la quinta visita sono stati classificati come fragili, pre-fragili o robusti a seconda di quanti dei seguenti attributi avevano in quel momento: esaurimento, lentezza, bassa attività fisica, debolezza e perdita di peso. Quelli ritenuti fragili rispondevano a tre o più di questi criteri, mentre quelli classificati come pre-fragili soddisfacevano uno o due dei criteri, e quelli classificati come robusti non soddisfacevano nessuno dei criteri. I ricercatori hanno usato analisi statistiche per determinare se i marcatori di infiammazione nella mezza età potevano prevedere la fragilità successiva e valutato se la razza o il sesso influenzassero questa relazione.

Nel complesso, hanno trovato, il 7% dei partecipanti studiati erano fragili alla quinta visita degli anni ’70, e il 48% era pre-fragile alla quinta visita. Rispetto ai partecipanti robusti, quelli che erano fragili o pre-fragili erano più anziani (quattro e tre anni più vecchi, rispettivamente), più probabilità di essere femmine e afro-americane, avevano livelli di istruzione più bassi e maggiori livelli di fattori di rischio cardiovascolare come l’aumento dell’indice di massa corporea, la pressione sanguigna e il colesterolo totale e condizioni di salute croniche come l’ipertensione, il diabete e la malattia coronarica.

Gli investigatori hanno anche esaminato le misure della proteina C-reattiva (CRP) marcatore del sangue – una proteina che aumenta in risposta all’infiammazione da una varietà di fonti tra cui infezioni, malattie cardiache e cancro – raccolte durante la seconda visita dello studio (1990-1992) e quarta visita (1996-1999), quando la maggior parte dei partecipanti era ancora in mezza età. I partecipanti sono stati classificati come aventi un CRP “basso” o “elevato”, utilizzando in queste visite un cutoff di 3 mg / L, che è comunemente usato per definire l’infiammazione sistemica .

Anche dopo aggiustamento per caratteristiche demografiche quali età, sesso e istruzione, e per condizioni concomitanti come diabete e ipertensione , ogni aumento della deviazione standard in visita 2 CRP è stato associato a una probabilità maggiore del 32% di sintomi di fragilità durante la visita 5 , che si è verificata 21 anni dopo. Ogni aumento della deviazione standard nella visita 4 CRP è stato associato a una probabilità maggiore del 52% di caratteristiche di fragilità durante la visita 5, che si verifica 15 anni dopo. Tra i partecipanti, 2.690 erano robusti, 2.749 erano pre-fragili e 391 erano fragili.

I partecipanti che avevano un elevato CRP alle visite 2 e 4 o che passavano a una CRP elevato durante il periodo di sei anni avevano maggiori probabilità di soddisfare successivamente criteri di fragilità rispetto a coloro che mantenevano bassa CRP.

“La mezza età adulta può essere un periodo particolarmente importante per la cattiva salute negli adulti più anziani per molteplici ragioni”, dice Walker. “In primo luogo, è nella mezza età quando l’incidenza di malattie croniche comuni, come il diabete, inizia ad accelerare. In secondo luogo, rispetto agli individui che sviluppano la malattia sistemica e l’infiammazione in età avanzata, gli individui che manifestano queste condizioni nella mezza età possono avere un esposizione e quindi sono più suscettibili agli effetti fisiologici deleteri “.

“Ci sono studi in corso per vedere se la diminuzione dei livelli di infiammazione, soprattutto nei gruppi di età più avanzata, può impedire la progressione del declino nella mobilità e nei muscoli che contribuiscono alla fragilità”, dice Walston. “Restando sintonizzati, speriamo di poter dire con maggiore precisione in un futuro non troppo lontano che il trattamento dell’infiammazione cronica ridurrà il rischio di declino muscolare e fragilità correlata”.