Vivo col Diabete

Un consiglio per cercare di non morire di diabete tipo 1 all’esordio in età giovanile

Faccio mio e del blog l’appello rivolto da Francesca Ulivi su Facebook e di seguito riporto integralmente con un inciso, a memoria futura: in Italia come in Europa e nel Nord America all’accesso dei Pronto Soccorso è statisticamente dimostrato come solo il 50% delle volte viene esaminato il parametro glicemico. Più che rivolgere un appello al Ministero della Salute (che conta una cippa dato lo spezzatino localistico regionale in cui è incaprettata l’organizzazione della  sanità italiana, vedi il caos vaccini), invito la SMEU, La Società di Medicina d’Urgenza, la quale fissa i protocolli medici per i Pronto Soccorso a mettere dentro a questi il controllo dei parametri glicemici come dato OBBLIGATORIO. Infine un consiglio in primis per i genitori di bambini e ragazzi: evitate come la peste i Pronto Soccorso degli ospedali minori ma anche di grandi città che sono sprovviste di un Pronto Soccorso Pediatrico. Nella sfortuna a 2 anni di età di essermi beccato il diabete tipo 1 ho avuto la fortuna di essere portato al Pronto Soccorso Pedriatico del Gozzadini nel Policlinico Sant’Orsola di Bologna.

(Francesca Ulivi)

Alessandro è morto.
Per l’incompetenza di chi lo doveva curare.

Alessandro aveva 13 anni e al secondo ricovero aveva oltre 1.200 di glicemia. 
Il limite per una persona che non ha il diabete è 126.

1.200 di glicemia
È morto il giorno di Santo Stefano, a Salerno. Di arresto cardiaco. Dopo la terza rianimazione.

1.200 di glicemia
Al primo ricovero non gli avevano fatto le analisi e avevano bollato qualunque cosa avesse (diabete di tipo 1) come allergia. Gli avevano dato il cortisone, che in chiunque, anche nei sani, alza la glicemia.

1.200 di glicemia
Quando un diabetico di tipo 1 per un qualsiasi errore arriva sopra 400/500 sembra di morire. Non hai più saliva, una sete da prosciugare l’Eufrate, il cuore che preme sul petto, il fiato che manca, le ossa doloranti, i muscoli rattrappiti, mal di pancia, vomiti nero. Alessandro aveva 1200

1.200 di glicemia
l’autopsia ha oggi confermato che si trattava di diabete di tipo 1 e tutti i 7 medici che lo hanno visitato non se ne sono accorti.

1.200 di glicemia
L’ignoranza dei medici ha ucciso un bambino di 13 anni, che oggi avrebbe potuto essere normalmente vivo, seppur malato di diabete di tipo 1.
Sarebbe bastato un esame della glicemia.

1.200 di glicemia 
Non sono molte le malattie gravi che possono venire ad un bambino o ad un ragazzo. Una di queste è il diabete di tipo 1 e i sintomi sono EVIDENTI: tanta pipì, tanta sete, perdita di peso repentina, infiammazioni genitali, sonno.

1.200 di glicemia
Un ragazzo di 13 anni morto

1.200 di glicemia
Quando mai chi non vive questa malattia orrenda comincerà a capire di cosa si tratta?
Quanti bambini rovinati a vita servono? Quanti adulti con complicanze terribili?
Quanti adulti morti prematuramente?
Cosa serve a tutti voi per capire che il diabete è la terza causa di morte al mondo e serve una cura? Definitiva!

#unaglicemiasalvalavita
CHIEDIAMO AL FUTURO MINISTRO DELLA SALUTE DI OBBLIGARE PS E MEDICI E PEDIATRI DI MEDICINA GENERALE A FARE SEMPRE LO STICK DELLA GLICEMIA. PER QUALUNQUE ACCESSO AL PS, DAL MEDICO O DAL PEDIATRA DI BASE.
10 centesimi per salvare una vita!

Annunci

Categorie:Vivo col Diabete

Con tag:,

Rispondi