sport e movimento

La motivazione a muoversi può iniziare con l’esserne consapevoli

Un programma di meditazione e riduzione dello stress può essere altrettanto efficace nel portare le persone a muoversi più come programmi di esercizi strutturati, secondo un nuovo studio condotto da un ricercatore dell’Iowa State University.

Lo studio ha confrontato due programmi di intervento – riduzione dello stress basata sulla consapevolezza e allenamento con esercizi aerobici – con un gruppo di controllo e cambiamenti misurati nell’esercizio fisico, attività fisica generale e tempo sedentario. Jacob Meyer, un professore associato di kinesiologia dell’ISU, afferma che le persone assegnate ai due interventi erano più attive di quelle del gruppo di controllo, registrando approssimativamente 75 minuti a settimana di attività fisica da moderata a vigorosa dopo gli interventi di otto settimane. I risultati sono pubblicati sulla rivista Medicine & Science in Sports & Exercise.

Meyer e i suoi colleghi dell’Università del Wisconsin-Madison e dell’Università del Mississippi Medical Center sostengono che aiutare gli adulti sedentari a ricevere quei 75 minuti di esercizio fisico può allungare l’aspettativa di vita di quasi due anni. I ricercatori si aspettavano che l’intervento fisico aumentasse l’attività più che l’allenamento di meditazione. Meyer dice di vedere risultati simili dall’intervento di mindfulness in qualche modo sorprendente.

“L’allenamento strutturato è qualcosa come un campo che abbiamo usato per decenni per migliorare l’attività fisica e la salute fisica”, ha detto Meyer. “Vedere un effetto simile sull’attività fisica da un intervento che si concentra sul modo in cui qualcuno pensa o percepisce il mondo, è stato del tutto inaspettato.”

I ricercatori hanno utilizzato un programma di riduzione dello stress basato sulla consapevolezza sviluppato da Jon Kabat-Zinn, che mira a ridurre lo stress attraverso la meditazione, l’auto-consapevolezza e la presenza nel momento, ha detto Meyer. Le persone nell’attenzione alla consapevolezza hanno trascorso 2 ore e mezza alla settimana in classe per imparare a essere consapevoli. Hanno praticato lo stretching e il movimento consapevoli così come esercizi di respirazione da incorporare nelle loro attività quotidiane.

Allo stesso modo, quelli del gruppo di esercizi hanno partecipato a sessioni settimanali di 2 ore e mezza imparando varie tecniche di esercizio e discutendo strategie per cambiare comportamento. Un’ora di ogni lezione era dedicata a un’attività di gruppo come camminare o fare jogging. Meyer dice che entrambi i gruppi sono stati incoraggiati a fare l’intervento a casa per 20-45 minuti al giorno.

Passaggio dall’esercizio strutturato al movimento generale

Mentre gli interventi non aumentavano significativamente il tempo speso nell’esercitarsi o diminuire il tempo sedentario, i partecipanti in genere mantenevano i livelli di attività. Meyer dice che questo è importante dato il lasso di tempo per lo studio. I ricercatori hanno raccolto dati durante l’autunno e all’inizio dell’inverno come parte di uno studio più ampio incentrato sulla stagione del raffreddore e dell’influenza. La variazione stagionale del tempo probabilmente ha contribuito al forte calo dell’attività del gruppo di controllo, ha detto Meyer, ma i gruppi di intervento non hanno riscontrato lo stesso calo.

Lo studio si è concentrato sull’esercitazione in periodi di almeno 10 minuti, ma ha anche monitorato l’attività fisica generale, come camminare dal parcheggio all’ufficio o lavorare nel cortile. Meyer afferma che entrambi i gruppi di intervento hanno visto riduzioni più contenute nei livelli di attività generali rispetto al gruppo di controllo.

I ricercatori hanno usato la soglia dei 10 minuti per essere coerenti con le linee guida federali di 150 minuti di allenamento moderato-vigoroso settimanali, in periodi di almeno 10 minuti, ha detto Meyer. Tuttavia, le raccomandazioni si concentrano solo su una piccola percentuale (1,5 percento) di minuti nella settimana. Questa è una delle ragioni per cui le linee guida aggiornate, previste entro la fine dell’anno, sottolineano l’attività generale, indipendentemente dal periodo di tempo.

“Ci sono benefici per la salute clinica e cardiovascolare nell’allenamento, ma ci sono anche importanti risultati per la salute generale da uno stile di vita più attivo”, ha detto Meyer. “Spostarsi dal pensare di dover stare in palestra per un’ora alla volta per pensare di essere più attivi durante la giornata aiuta le persone a capire come l’attività fisica possa svolgere un ruolo nel contribuire a migliorare la propria salute”.

Addestramento alla resistenza e depressione

Un obiettivo primario della ricerca di Meyer sta nell’esaminare i benefici dell’esercizio per le persone con depressione. Come parte di uno studio separato, Meyer ha lavorato con ricercatori dell’Università di Limerick in Irlanda, e Karolinska Institutet in Svezia, per testare gli effetti dell’allenamento della resistenza sui sintomi della depressione. I risultati, pubblicati su JAMA Psychiatry, hanno rilevato che i pesi e gli esercizi di potenziamento muscolare riducevano significativamente i sintomi depressivi.

La meta-analisi, condotta da Brett Gordon presso l’Università di Limerick, ha incluso 33 studi randomizzati controllati con oltre 1.800 partecipanti. L’allenamento di resistenza ha ridotto i sintomi per gli adulti a prescindere dallo stato di salute, dal volume di allenamento e dal miglioramento o meno della forza, ha detto Meyer. I risultati sembrano simili ai benefici dell’attività aerobica riscontrati in altri studi.

La depressione colpisce oltre 300 milioni di persone, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Meyer sostiene che l’allenamento di resistenza potrebbe offrire un’opzione di trattamento con benefici che vanno oltre la salute mentale. Nel documento, i ricercatori spiegano i costi economici e altri rischi per la salute associati alla depressione. Meyer sostiene che l’allenamento di resistenza offre ai pazienti un’alternativa ai farmaci.

“Per i sentimenti generali di depressione e le fasi iniziali della depressione maggiore, gli antidepressivi e i farmaci possono non essere molto efficaci. C’è anche uno spostamento verso la ricerca di opzioni che non richiedono a qualcuno di iniziare un regime farmacologico in cui potrebbero stare per il resto della loro vita “, ha detto Meyer. “Capire che l’ allenamento per la resistenza sembra avere benefici simili all’esercizio aerobico può aiutare chi convive attraverso scoraggianti opzioni di trattamento farmacologico tradizionale”.

Meyer dice che è necessaria una ricerca futura per sapere se l’esercizio aerobico e l’ allenamento di resistenza funzionano attraverso canali simili per ridurre i sintomi depressivi o lavorano in modo indipendente.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.