Ricerca

La stimolazione cerebrale profonda migliora i sintomi del diabete tipo 2

Un team di ricercatori di diverse istituzioni nei Paesi Bassi e della Yale University negli Stati Uniti ha trovato prove che suggeriscono come la stimolazione cerebrale profonda (DBS) può aiutare a trattare il diabete di tipo 2. Nel loro articolo pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine, il gruppo descrive cosa accadde quando un singolo paziente con un disturbo mentale fu trattato con DBS.

La storia è iniziata, riferiscono i ricercatori, quando un paziente con disturbo ossessivo-compulsivo non ha risposto ai trattamenti tradizionali. I suoi dottori hanno suggerito di provare la DBS come aveva mostrato in altri con la stessa condizione. Dopo il trattamento, i medici hanno scoperto che non solo il paziente mostrava miglioramenti nei sintomi del DOC, ma anche una riduzione dei sintomi del diabete di tipo 2. Ciò li ha portati a testare altri pazienti OCD sottoposti a trattamenti DBS. Così facendo, hanno scoperto che tutti i soggetti mostravano un aumento della sensibilità all’insulina.

Durante la DBS per OCD, una piccola quantità di elettricità si concentra su una parte del cervello chiamata accumbens del nucleo: è stato scoperto che è in parte responsabile dell’elaborazione della motivazione e della ricompensa. La piccola scossa aiuta a riportare il cablaggio a uno stato normale. I ricercatori hanno scoperto che stimola anche lo striato ventrale, che è coinvolto nella regolazione dei livelli di glucosio nel corpo. E il glucosio è, ovviamente, un tipo di carburante zuccherino per le cellule. L’insulina ormonale regola questo processo.

Nei pazienti con diabete di tipo 2, vari fattori contribuiscono a ridurre la produzione di insulina, con conseguente aumento dei livelli di glucosio nel sangue, i quali può causare una miriade di problemi. Il trattamento per i pazienti diabetici di solito comporta l’iniezione di insulina o di farmaci che inducono il fegato a produrre meno glucosio e/o a rendere le cellule più sensibili all’insulina. Ora, sembra che la DBS possa fare all’incirca la stessa cosa, cioè rendere le cellule più sensibili all’insulina, il che, a sua volta, significa che non ci vuole tanto per alimentare le cellule.

I ricercatori non stanno suggerendo la DBS come trattamento per il diabete, tali procedure sono troppo invasive. Invece, evidenziano che la loro scoperta potrebbe aiutare nello sviluppo di altri trattamenti in grado di funzionare in modo simile.

Il cervello sta emergendo come un importante regolatore del metabolismo sistemico del glucosio. L’accumulo di dati da studi su animali e osservazionali sull’uomo suggerisce che la segnalazione di dopamina striatale gioca un ruolo nella regolazione del glucosio, ma attualmente mancano evidenze dirette nell’uomo. 

Annunci