Donne e diabete

Rischio di parto prematuro previsto in modo affidabile da un nuovo test

Gli scienziati dell’UC San Francisco hanno sviluppato un test per prevedere il rischio di parto prematuro di una donna quando è tra le 15 e le 20 settimane di gravidanza, il che potrebbe consentire ai medici di trattarli precocemente e quindi prevenire gravi complicanze in seguito alla gravidanza.

La nascita pretermine è la principale causa di morte per i bambini al di sotto dei cinque anni negli Stati Uniti, e le percentuali sono in aumento sia negli USA che in tutto il mondo. È spesso associato a infiammazione e ha molte cause potenziali, tra cui un’infezione acuta nella madre, esposizione a tossine ambientali o condizioni croniche come l’ipertensione e il diabete.

Le nuove schermate di test riguardano 25 biomarker d’infiammazione e attivazione del sistema immunitario, nonché per i livelli di proteine ??che sono importanti per lo sviluppo della placenta. In combinazione con informazioni su altri fattori di rischio, come l’età e il reddito della madre, il test può prevedere se una donna è a rischio di parto prematuro con una precisione superiore all’80%. Nelle gravidanze a più alto rischio: nascite pretermine che si verificano prima delle 32 settimane o in donne con preeclampsia, una complicanza potenzialmente fatale della gravidanza caratterizzata dall’ipertensione arteriosa nella madre – il test ha predetto quasi il 90% dei casi.

Nello studio, pubblicato giovedì 24 maggio 2018, nel Journal of Perinatology, i ricercatori hanno costruito un test completo che ha catturato nascite pretermine spontanee, il che si verifica quando il sacco amniotico si rompe o le contrazioni iniziano spontaneamente e “indica” la nascita pretermine, in cui un medico induce il travaglio o esegue un taglio cesareo perché la salute della madre o del bambino è a rischio. I ricercatori volevano anche essere in grado di identificare il rischio di preeclampsia, che non è incluso nei test attuali per il parto pretermine.

“Esistono cause multifattoriali di nascita pretermine, ed è per questo che ci sentivamo come se avessimo bisogno di costruire un modello il quale tenesse conto di più percorsi biologici”, ha detto la prima autrice Laura Jelliffe-Pawlowski, PhD, professore associato di epidemiologia e biostatistica presso UCSF. “Il modello funziona particolarmente bene per i primi parti pretermine e preeclampsia, il che suggerisce che stiamo effettivamente catturando gravi tipi di parto pretermine”.

I ricercatori hanno sviluppato lo schermo utilizzando campioni di sangue prelevati da 400 donne come parte della routine di assistenza prenatale durante il secondo trimestre, confrontando le donne che hanno partorito prima delle 32 settimane, tra 32 e 36 settimane e dopo 38 settimane (a termine). I ricercatori hanno prima testato i campioni per oltre 60 diversi fattori immunitari e di crescita, riducendo in ultima analisi il test a 25 fattori che insieme potrebbero aiutare a prevedere il rischio di parto prematuro. Quando altri dati, incluso se la madre aveva o meno più di 34 anni migliorando l’accuratezza del test di un ulteriore 6%.

I ricercatori hanno detto che il test potrebbe aiutare a prevenire alcuni casi di parto pretermine. Sulla base della probabilità derivata dal test, La gravida potrebbe discutere con il suo medico il modo migliore per seguire e cercare di ridurre il rischio. Alcuni casi di parto prematuro, compresi quelli causati dalla preeclampsia, possono essere prevenuti o ritardati prendendo l’aspirina, ma il trattamento è più utile se iniziato prima delle 16 settimane. I medici potranno anche valutare le donne ad alto rischio per le infezioni sottostanti che non sarebbero altrimenti rilevate ma bensì essere trattate. Per gli altri, un attento monitoraggio da parte del proprio medico potrebbe aiutare a segnalare i primi segni di travaglio, come l’accorciamento cervicale, che può essere prevenuto con il trattamento con progesterone.

“Speriamo che questo test possa portare a più istruzione e counselling delle donne sul loro livello di rischio in modo che sappiano sulla nascita pretermine e che aspetto hanno la preeclampsia o i primi segni del travaglio”, ha detto Jelliffe-Pawlowski, che è il direttore del Precision Health and Discovery con la California Preterm Birth Initiative di UCSF . “Se siamo in grado di portare le donne in ospedale il prima possibile, anche se sono già in travaglio, possiamo usare i farmaci per evitare le contrazioni. Ciò potrebbe dargli qualche giorno in più prima del parto, il che può essere davvero importante per il bambino.”

Al momento è disponibile un test per parto prematuro, ma è costoso e solo con schermi per nascita pretermine spontanea, non per i segni che potrebbero portare a nascite premature indicate o per preeclampsia. Jelliffe-Pawlowski ha detto che il nuovo schermo avrebbe probabilmente una frazione del costo, rendendolo più accessibile alle donne che ne hanno più bisogno.

“Uno dei motivi per cui siamo maggiormente entusiasti di questo test è che vediamo un potenziale per affrontare il parto prematuro nei soggetti più a rischio, comprese le donne a basso reddito, le donne di colore e le donne che vivono in paesi poveri” afferma. “Vogliamo assicurarci che stiamo sviluppando qualcosa che abbia il potenziale per aiutare tutte le donne, comprese quelle più bisognose”.

 

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.