Terapie

Segnali positivi dal pianeta diabete

Certamente qualcuno si chiede: ma un diabetico giovanile (inteso con esordio in tale fascia d’età) con la maturità e il valico degli anta due volte tanto che fanno 50 e oltre mantiene interesse per cure, indagini scientifiche e di mercato oppure semplicemente finisce nel calderone infernale diabetico senza distinzioni eziologiche o altro?

Sotto il profilo scientifico non è così, almeno in teoria, ma per quanto riguarda il versante organizzativo e dell’economia sanitaria e delle conseguenti scelte politiche i distinguo non paiono manifestare interesse. Il valico di Adriano nel diabete tipo 1 lo fa il momento tipico della transizione dalla pediatria agli adulti, non solo per un fatto di comfort assistenziale e di maggiore attenzione nell’assistenza, ma perché il livello motivazionale si va a fare sempre più sfumato, almeno per gli uomini mentre per le donne finché sono in età riproduttiva la faccenda è un tantino migliore.

E mentre si cazzeggia a parole parlate e scritte, tra una slide di Powerpoint o altro software, sui massimi sistemi e le minime risorse per far fronte alla fritto misto diabetico oggi vado a portare la sintesi del mio trimestre con i valori ematici e urinari relativi al diabete, mentre domani vi intratterrò con gli esiti della visita di controllo per il diabete.

L’HbA1C dell’ultimo trimestre è di 6.5: Il primo hanno di trascorso diabetico con il nuovo microinfusore Medtronic Minimed 640G ha visto i seguenti valori di glicata – 46 48 48 48 = diabete ottimamente compensato come non mai nei miei 55 anni di T1D.

Gli altri parametri sono sostanzialmente invariati: permane l’insufficienza renale, seppur leggera, colesterolo è nella norma e in ottima salute il fegato. D’altronde cosa si pretende di più dall’uomo con due milze?

Quindi con il passaggio delle stagioni una conferma c’è: la stabilità nel buon compenso glicemico, del mio diabete. Certo alcune cosa da sistemare restano: come l’ipoglicemia che si appalesa nel tardo pomeriggio di regola, e il calo della vista anche se questo ultimo aspetto è probabilmente legato a due aspetti incrociati lungo il percorso della vita: diabete e scorrere degli anni.

La vita è una prova e il diabete è una provetta? Fuochino, in parte le cose stanno così ma poi se tu a fare la parte restante, quella che conta veramente e fa la differenza: un impasto di moto e ragione, emozione e passione che rende unico e irripetibile ogni passaggio nell’esistenza dell’uomo, solo e in collettività.

Annunci

Categorie:Terapie

Con tag:,,