Counseling/consulenze

I giovani a cui vengono prescritti antipsicotici ingrassano è hanno aumentato il rischio di diabete tipo 2

Gli psichiatri sanno che i pazienti che assumono farmaci antipsicotici tendono ad ingrassare. Ora, una nuova ricerca condotta presso la Washington University School of Medicine di St. Louis mostra che i bambini e gli adolescenti trattati con antipsicotici per 12 settimane sperimentano guadagni significativi nel grasso corporeo e diventano anche meno sensibili all’insulina.

I risultati, dai ricercatori della Washington University e della Florida Atlantic University, sono stati pubblicati il ??13 giugno sulla rivista JAMA Psychiatr.
Sebbene originariamente sviluppati e approvati per trattare condizioni come la schizofrenia ad esordio pediatrico, i farmaci antipsicotici sono prescritti per il trattamento del disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) in molti giovani che non rispondono ai farmaci stimolanti, come il Ritalin.
“I farmaci antipsicotici possono essere utili per molti come trattamento per i disturbi del comportamento”, ha detto Ginger E. Nicol, MD, (nella foto) la prima autrice dello studio e professore associato di psichiatria infantile alla Washington University. “Ma sappiamo che questi farmaci hanno anche effetti collaterali che coinvolgono l’aumento di grasso e l’insulino-resistenza, importanti precursori del diabete e delle malattie  I nostri risultati sottolineano la necessità di una maggiore vigilanza sugli effetti collaterali quando si prescrivono questi farmaci.”
I ricercatori hanno studiato 144 giovani della zona di St. Louis, di età compresa tra i 6 e i 18 anni, a cui sono stati prescritti farmaci antipsicotici per il trattamento di disturbi del comportamento distruttivo. I bambini nello studio sono stati scelti casualmente per ricevere uno dei tre antipsicotici: aripiprazolo, olanzapina o risperidone.
Usando le scansioni di assorbimetria a raggi X a doppia energia (DEXA), i ricercatori hanno misurato il grasso corporeo intero dei pazienti prima di prescrivere farmaci antipsicotici; dopo sei settimane di trattamento; e a 12 settimane, quando lo studio si è concluso. I giovani hanno anche ricevuto scansioni MRI all’inizio dello studio e 12 settimane dopo, misurando il grasso sottocutaneo e viscerale nell’addome, noti fattori di rischio per diabete, ipertensione e malattie cardiovascolari. Anche la sensibilità dei bambini all’insulina è stata misurata all’inizio e alla fine del periodo di studio di 12 settimane.
“All’inizio dello studio, circa il 30% dei giovani nel nostro campione erano sovrappeso o obesi, che è esattamente lo stesso tasso che vediamo nella popolazione generale”, ha detto John W. Newcomer, MD, ricercatore principale dello studio e un professore di scienze mediche integrate presso il College of Medicine della Charles Atlantic University della Florida Atlantic. “Ma dopo sole 12 settimane di trattamento, il tasso di quelli considerati sovrappeso o obesi era salito al 46,5%. In sostanza, siamo passati da un bambino su tre a criteri di sovrappeso o obesi, a uno su due criteri di riunione”.

Un farmaco in particolare – olanzapina – ha prodotto i maggiori aumenti di grasso corporeo, ma anche il grasso è aumentato significativamente nei bambini che assumono gli altri due farmaci. Le scansioni DEXA hanno mostrato che circa la metà dell’aumento di peso era acqua, e metà era nuovo grasso.
“Sapevamo che questi farmaci stavano causando un aumento di peso, ma non quanto di tale guadagno fosse grasso”, ha detto Newcomer, che è anche professore a contratto di psichiatria alla Washington University. “Sapevamo anche che i bambini che assumevano antipsicotici avevano un aumentato rischio di diabete, ma fino ad ora nessuno aveva collegato quei punti attraverso un percorso che comportava aumenti nel grasso corporeo e diminuiva la sensibilità all’insulina”.
I guadagni nel grasso corporeo e le perdite nella sensibilità all’insulina sono stati osservati indipendentemente dal fatto che i giovani assumessero o meno farmaci stimolanti. Questo nonostante il fatto che molti bambini con Ritalin o altri stimolanti perdano peso o crescano più lentamente dei loro coetanei che non assumono questi farmaci.
“Alcuni clinici speravano che il trattamento con stimolanti potesse compensare gli aumenti di peso e grasso indotti da antipsicotici”, ha detto Nicol. “Ma nel nostro studio, gli stimolanti non sembrano fare alcuna differenza.”
Poiché i farmaci antipsicotici offrono benefici psichiatrici in molti bambini che non sono psicotici ma hanno disturbi del comportamento distruttivo, Nicol sta studiando interventi volti ad aiutare a prevenire alcuni degli aumenti di grasso corporeo associati al trattamento antipsicotico.
“I medici vengono spesso chiamati in circostanze difficili in cui è necessario un intervento rapido”, ha affermato. “Ad esempio, i bambini con comportamenti di disturbo sono spesso sospesi da scuola e il trattamento può offrire loro la possibilità di ritornare, ma la decisione di usare farmaci antipsicotici deve essere pienamente informata da tutti i rischi, così come i potenziali benefici, del trattamento “.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.