Terapie

L’auto-monitoraggio del diabete di tipo 2 riduce i costi di follow-up di oltre la metà

5b3628450af5a

L’auto-monitoraggio del diabete di tipo 2 riduce i costi di follow-up di oltre la metà. Credito: Università della Finlandia orientale (UEF Viestintä)

L’auto-monitoraggio del diabete di tipo 2 utilizzato in combinazione con un sistema di feedback elettronico si traduce in un notevole risparmio sui costi dell’assistenza sanitaria, specialmente nelle aree scarsamente popolate, un nuovo studio condotto dalla University of Eastern Finland ce lo dice

L’autocontrollo offre notevoli risparmi sui costi complessivi della cura del diabete di tipo 2, nonché su quelli di viaggio dei pazienti . Il test dell’emoglobina glicata è una parte importante della gestione del diabete e anche un elemento di costo considerevole. Sostituendo metà delle visite di follow-up richieste con auto-misure e feedback elettronico, i costi totali annuali del monitoraggio della emoglobina glicata sono stati ridotti di quasi il 60%, portando il costo per paziente da 280 EUR (300 USD) a 120 EUR (130 USD). Con un numero inferiore di visite di controllo richieste, i costi medi di viaggio annuali dei pazienti sono stati ridotti di oltre il 60 per cento, da 45 EUR (48 USD) a 17 EUR (18 USD) per paziente. Lo studio è stato pubblicato sull’International Journal of Medical Informatics .

Eseguito nella regione della Carelia settentrionale in Finlandia, lo studio applica l’analisi geospaziale basata sui sistemi di informazione geografica (GIS) combinata con i registri dei pazienti. Questa è stata la prima volta che i costi del diabete di tipo 2 di follow-up sono stati sistematicamente calcolati in un servizio sanitario distrettuale di cura in Finlandia. Lo studio ha analizzato 9.070 pazienti con diagnosi di diabete di tipo 2. I costi combinati di viaggio e tempo ammontano al 21% quelli totali del monitoraggio della emoglobina glicata per i pazienti con diabete di tipo 2.

“L’efficienza economica della cura del diabete di tipo 2 potrebbe essere migliorata prendendo in considerazione non solo i costi diretti del monitoraggio della emoglobina glicata, ma anche quelli indiretti, come i costi di viaggio dei pazienti”, il ricercatore Aapeli Leminen dell’Università di La Finlandia orientale ci dice.

Lo studio ha utilizzato un modello di costo georeferenziato per analizzare l’accessibilità all’assistenza sanitaria e i diversi costi associati al follow-up del diabete di tipo 2 . I costi dei viaggi e o tempi dei pazienti sono stati analizzati esaminando in che modo i servizi sanitari potrebbero essere raggiunti a piedi o in bicicletta, oppure utilizzando un’auto privata, un autobus o un taxi. Secondo Leminen, la combinazione di registri dei pazienti e GIS apre nuove opportunità di ricerca nel settore dell’assistenza sanitaria .

“Questo modello di costo che abbiamo ora testato nella parte orientale della Finlandia può essere facilmente utilizzato anche in altri luoghi per calcolare i costi di diverse malattie, come il cancro e le patologie  cardiovascolari”.