Complicanze varie/eventuali

Le specifiche del fluido IV non influenzano i risultati neurologici nei bambini con DKA

I risultati neurologici nei bambini con chetoacidosi diabetica sono simili indipendentemente dal tasso di somministrazione o dal contenuto di cloruro di sodio dei fluidi per via endovenosa, secondo uno studio pubblicato nel New England Journal of Medicine del 14 giugno.

Nathan Kuppermann, MD, MPH, dell’Università della California, Davis, e colleghi hanno assegnato casualmente 1.255 bambini con chetoacidosi diabetica (1.389 episodi) a uno dei quattro gruppi di trattamento in un disegno fattoriale 2-by-2 (0,9 o 0,45% di contenuto di cloruro di sodio e tasso di somministrazione rapido o lento).

I ricercatori hanno scoperto che il punteggio di Glasgow Coma Scale (GCS) è sceso a meno di 14 in 48 episodi e che il danno cerebrale clinicamente evidente si è verificato in 12 episodi. Non ci sono state differenze significative tra i gruppi rispetto alla percentuale di episodi in cui il punteggio GCS è sceso al di sotto di 14, l’entità del declino nel punteggio GCS, o la durata del tempo in cui il punteggio GCS era inferiore a 14; rispetto ai risultati dei test di memoria a breve termine; o per quanto riguarda l’incidenza di lesioni cerebrali clinicamente apparenti durante il trattamento per chetoacidosi diabetica. Anche i punteggi di memoria post-recupero e IQ erano simili tra i gruppi.

“Né la velocità di somministrazione né il contenuto di cloruro di sodio dei fluidi per via endovenosa hanno influenzato significativamente i risultati neurologici nei bambini con chetoacidosi diabetica “, scrivono gli autori.

Annunci