Ricerca

Immunologia: scoperto un gene che apre ai misteri della nostra immunità

genediscoverL‘agenzia scientifica nazionale australiana CSIRO ha identificato un nuovo gene che svolge un ruolo fondamentale nella regolazione della risposta immunitaria dell’organismo alle infezioni e alle malattie.

La scoperta potrebbe portare allo sviluppo di nuovi trattamenti per l’influenza, l’artrite e persino il cancro.

Il gene, chiamato C6orf106 o “C6”, controlla la produzione di proteine ??coinvolte in malattie infettive , cancro e diabete. Il gene esiste da 500 milioni di anni, ma il suo potenziale è solo ora compreso.

“Il nostro sistema immunitario produce proteine ??chiamate citochine che aiutano a fortificare il sistema immunitario e lavorano per impedire che virus e altri agenti patogeni si riproducano e causino malattie “, ha detto il dott. Cameron Stewart, ricercatore del CSIRO.

“C6 regola questo processo disattivando la produzione di alcune citochine per impedire alla nostra risposta immunitaria di andare fuori controllo.

“Le citochine regolate da C6 sono implicate in una varietà di malattie tra cui il cancro, il diabete e i disturbi infiammatori come l’artrite reumatoide”.

La scoperta aiuta a migliorare la comprensione del nostro sistema immunitario, e si spera che questa comprensione consentirà agli scienziati di sviluppare nuove terapie più mirate.

La Dott.ssa Rebecca Ambrose fa parte del team CSIRO che ha scoperto il gene e co-autore del recente articolo che ha annunciato la scoperta nel Journal of Biological Chemistry.

“Anche se il genoma umano è stato prima completamente sequenziato nel 2003, ci sono ancora migliaia di geni di cui sappiamo molto poco”, ha detto la dottoressa Rebecca Ambrose, ex ricercatrice del CSIRO, che ha sede presso l’Hudson Institute of Medical Research.

“È emozionante considerare che il C6 esiste da più di 500 milioni di anni, è stato preservato e tramandato da organismi semplici fino agli esseri umani, ma solo ora stiamo approfondendo la sua importanza”.

Avendo scoperto la funzione di C6, i ricercatori hanno il privilegio di nominarlo, e stanno cercando l’aiuto della comunità scientifica per farlo.

“Il nome attuale, C6orf106, riflette la posizione del gene all’interno del genoma umano , piuttosto che riferirsi a una particolare funzione”, ha detto il dott. Stewart.

“Pensiamo di poter fare meglio di così, e stiamo invitando il pubblico a darci dei  suggerimenti.”

Una lista ristretta di nomi sarà resa disponibile per l’approvazione finale da parte di una terza parte governativa.

La svolta si basa su decenni di lavoro nelle malattie infettive, da parte dei ricercatori del CSIRO, l’agenzia scientifica nazionale australiana.

Categorie:Ricerca, Vivo col Diabete

Con tag:,,