sport e movimento

La promozione della ciclabilità nelle città può contrastare l’obesità

Il viaggio giornaliero in bicicletta porta a un BMI più basso, secondo uno studio su sette città europee, suggerendo che le città dovrebbero promuovere i pendolari attivi.

Altre città a misura di bicicletta contribuirebbero inoltre a ridurre l’ inquinamento e contrastare l’inquinamento atmosferico, affermano gli autori dello studio.

L’analisi dei dati di sette città europee – parte del progetto PASTA (Physical Activity through the Approaches Approaches, PASTA) finanziato dalla Commissione europea – suggerisce che i ciclisti pesano meno delle loro controparti non attive ognidì. La ricerca è stata condotta dalla Hasselt University e dall’Istituto fiammingo per la ricerca tecnologica, e ha incluso ricercatori dell’Imperial College di Londra.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Environment International, rileva inoltre che guidare una bici elettrica (e-bike) è associato a un BMI più elevato rispetto ai ciclisti regolari. In ordine crescente, i ciclisti hanno il BMI più basso, seguono i camminatori, utenti del trasporto pubblico, motociclisti, utenti di una bici elettrica e infine conducenti di auto, che hanno il BMI più alto.

Seguendo nel tempo oltre 2000 abitanti urbani, il team ha scoperto come gli uomini che passano dalla guida in auto alla bicicletta per il loro viaggio giornaliero perdono in media 0,75 kg di peso, con una diminuzione media del BMI di 0,24. Per le donne, questo era un po ‘meno.

La promozione di viaggi attivi nelle città può quindi fornire un’opportunità per combattere l’epidemia di obesità e contrastare l’inquinamento atmosferico. Come parte del progetto PASTA, i ricercatori hanno elencato una serie di buone pratiche per le città onde promuovere la mobilità attiva.

Combattere l’inquinamento atmosferico e l’obesità

Il co-autore Dr. Audrey de Nazelle, del Center for Environmental Policy dell’Imperial, ha dichiarato: “Il viaggio in auto contribuisce all’obesità e all’inquinamento atmosferico, mentre le biciclette bruciano grassi e non rilasciano inquinamento.

“Oltre a promuovere una salute migliore, le città che incoraggiano la bicicletta si danno una migliore possibilità di raggiungere gli obiettivi di qualità dell’aria”.

Il team ha anche scoperto come le persone che vanno in bicicletta almeno occasionalmente per andare a lavorare o per fare commissioni mantengono il loro peso. Il primo autore dello studio, il dott. Evi Dons della Hasselt University, ha dichiarato: “In questo modo, il ciclismo impedisce alle persone in sovrappeso di ingrassare e a chi ha un peso normale di diventare sovrappeso o obeso”.

Cambiamenti sostenuti

Il nuovo studio ha seguito le persone nel tempo, fornendo un collegamento più concreto tra il ciclismo e BMI rispetto agli studi che hanno appena esaminato le persone in un determinato momento. Significava anche che i risultati non erano distorti prendendo in considerazione coloro che erano già ciclisti, in quanto qualcuno con un peso inferiore ha più probabilità di andare in bicicletta in primo luogo.

Tornando alle stesse persone che hanno iniziato a pedalare, i ricercatori hanno potuto valutare il vero effetto sulla salute delle persone e sul BMI.

Lo studio si concentrava sul viaggiare per le attività quotidiane come andare al lavoro, fare commissioni o prendere i bambini. Ciò significa che le differenze di peso osservate erano indipendenti da possibili variazioni dello stesso dovute al ciclismo ricreativo, al camminare o fare jogging, sport o essere fisicamente attivi sul lavoro.

Categorie:sport e movimento

Con tag:,