Ricerca

Le gocce oculari alla curcuma potrebbero trattare il glaucoma

Un derivato della curcuma potrebbe essere utilizzato in collirio per trattare le prime fasi del glaucoma, trova un nuovo studio guidato dai ricercatori dell’UCL e dell’Imperial College di Londra.

Nel nuovo documento pubblicato in Scientific Reports, i ricercatori riportano un nuovo metodo per distribuire la curcumina, estratta dalla curcuma speziata gialla, direttamente nella parte posteriore dell’occhio mediante colliri, superando la sfida della scarsa solubilità della curcumina.

Il team di ricerca ha scoperto che il collirio può ridurre la perdita di cellule retiniche nei ratti, che è noto per essere un segno precoce di glaucoma. Stanno anche studiando come il collirio possa essere usato quale strumento diagnostico per una serie di condizioni.

“La curcumina è un composto eccitante che si è dimostrato promettente nel rilevare e trattare la neurodegenerazione implicata in numerose condizioni dell’occhio e del cervello dal glaucoma alla malattia di Alzheimer, quindi essere in grado di somministrarlo facilmente in colliri può finire per aiutare milioni di persone”, ha detto l’autrice principale dello studio, Prof.ssa Francesca Cordeiro (UCL Institute of Ophthalmology, Western Eye Hospital e Imperial College London).

Il glaucoma è un gruppo di condizioni oculari che colpiscono oltre 60 milioni di persone in tutto il mondo e portano alla cecità irreversibile in 1 caso su 10. La condizione coinvolge principalmente la perdita di cellule gangliari della retina, un tipo di neurone situato vicino alla superficie della retina. Fermare la perdita di queste cellule all’inizio non è ancora possibile, quindi ciò è un obiettivo chiave della ricerca sul glaucoma.

La curcumina si è dimostrata in precedenza utile per proteggere le cellule gangliari della retina quando somministrata per via orale. Per lo studio corrente, i ricercatori stavano cercando di trovare un metodo più affidabile per consegnarla. La somministrazione orale è difficile perché la curcumina ha scarsa solubilità, in modo da non facilmente sciogliersi e venir assorbita nel flusso sanguigno, e comporterebbe l’assunzione di grandi quantità di compresse (fino a 24 al giorno) il che può causare effetti indesiderati gastrointestinali.

Il team ha sviluppato un nuovo nanocarrier, in cui la curcumina è contenuta all’interno di un tensioattivo combinato con uno stabilizzante, entrambi noti per essere sicuri per l’uso umano e già presenti in prodotti per gli occhi esistenti. Il nanocarrier può essere utilizzato in colliri per fornire carichi molto più elevati di curcumina rispetto ad altri prodotti in via di sviluppo, aumentando la solubilità del farmaco di un fattore di quasi 400.000 e localizza la curcumina negli occhi anziché in tutto il corpo.

I ricercatori hanno inizialmente testato il prodotto su cellule che vengono utilizzati per modellare il glaucoma, prima di effettuare le prove in ratti con patologie oculari che coinvolgono la perdita dei gangliari delle cellule della retina.

Dopo l’uso due volte al giorno dei colliri nei ratti per tre settimane, la perdita di cellule gangliari della retina è stata significativamente ridotta rispetto ai controlli corrispondenti e il trattamento è risultato ben tollerato senza segni di irritazione o infiammazione agli occhi.

Avendo trovato un modo efficace per somministrare la curcumina, i ricercatori sperano che possa essere usato anche per diagnosticare la malattia di Alzheimer, poiché la curcumina è nota per legarsi ai depositi di proteina beta amiloide implicati nell’Alzheimer e può essere rilevata nella retina con fluorescenza per evidenziare le proteine ??maligne.

“Ora stiamo studiando gli usi diagnostici di questi colliri insieme ad altri modi per visualizzare la retina, poiché i test oculari possono essere l’occasione per rilevare i segni di neurodegenerazione con un test semplice e non invasivo”, ha detto il co-autore principale Dr. Ben Davis (UCL Institute of Ophthalmology e Imperial College London).

Il professor Cordeiro ha aggiunto: “Dato che viviamo più a lungo, malattie come il glaucoma e l’Alzheimer sono in costante aumento e riteniamo che le nostre scoperte potrebbero dare un contributo importante ad aiutare la vita delle persone colpite da queste malattie devastanti”.

Annunci

1 risposta »

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.