Annunci

Educazione

Pag 1 of 812345...Ultima »

Microgioie

Una somma di piccole soddisfazioni, brevi momenti, che pochi possono capire, ma noi dovremmo imparare ad apprezzare. Sono quei calcoli dei carboidrati fatti bene, quei momenti di glicemia stabile, i pranzi regali che poi ci lasciano satolli e miracolosamente intatti dalle iperglicemie. Ogni giorno pensiamo ai valori, agli alti e ai bassi, ai carboidrati e ai grassi. Ci arrabbiamo quando la glicemia sale troppo e non riusciamo ad abbassarla, ci spaventiamo quando scende troppo e velocemente va fatta risalire. Pensiamo, in ogni momento, che le cose non vanno abbastanza bene, che dovrebbero andar meglio, che siamo sempre troppo su e troppo giù, che si muove così velocemente da dar vita a grafici che sembrano montagne russe. E come una voce fuori dal coro, che stona e ci disturba, così anche le nostre glicemie fuori posto finiscono per farci pensare che quella giornata, per quanto bella, non lo sia stata davvero. Ed eccole lì le microgioie, quei momenti di cui non ci rendiamo conto, o che ignoriamo con un semplice: è così che dovrebbe andare, in cui il grafico è stabile, resta dentro gli schemi, il pomeriggio scorre sereno, la notte non fa le bizze, arrivare alla mattina è un piacere. Eccole lì le microgioie, che dovremmo collezionare ad una ad una nei nostri libretti glicemici, evidenziarle di verde, cerchiarle perché siano ben chiare per tutti, perché è la loro somma che in realtà dovrebbe spingerci avanti, scaccia il malumore degli errori per farci dire: finora è andata bene, un errore non farà male a nessuno, la prossima andrà meglio!

DAMMI RETTA ADOTTA UNA PROVETTA: SOSTIENI LA RICERCA PER LA CURA DEL DIABETE TIPO 1

Non è certo facile fare i conti con noi stessi ogni giorno, non lo metto in dubbio. Non è certo facile accettare il fatto che, almeno tre volte al giorno, si prendono decisioni e a volte si sbaglia. E se l’errore di un momento ci scuote sempre di più dei momenti che passiamo negli schemi corretti, impariamo a non farci mettere i piedi in testa da chi grida forte per un attimo, impariamo che la somma delle nostre piccole gioie è maggiore degli errori, e che alla fin fine, malgrado Natale si avvicini, un pasto abbondante e il pandoro (perché io preferisco il pandoro sia ben chiaro) ce lo possiamo permettere anche noi, alla faccia di chi dice che se sei diabetico non puoi mangiare dolci!



I pazienti più giovani di nuova diagnosi con diabete di tipo 2 sono colpiti duramente dalla malattia

I fattori di rischio per lo sviluppo di malattie cardiovascolari o di danni agli occhi e ai reni dopo il diabete di tipo 2 sono molto più comuni tra i pazienti con diagnosi prima dei 45 anni rispetto ai pazienti anziani di nuova diagnosi.

La visione comune del diabete di tipo 2 come malattia di una persona anziana sta diventando seriamente obsoleta al passo con il crescente numero di persone di età inferiore ai 45 anni che sviluppano la patologia. Una nuova ricerca dell’Università di Aarhus ora mostra che i giovani di recente diagnosi di diabete di tipo 2 hanno una salute significativamente più povera e quindi con un alto rischio di complicazioni ritardate rispetto ai pazienti con diabete di tipo 2 che contraggono la malattia vent’anni più tardi nella vita.

DAMMI RETTA ADOTTA UNA PROVETTA: SOSTIENI LA RICERCA PER LA CURA DEL DIABETE TIPO 1

Inoltre, i pazienti giovani di nuova diagnosi non sono soddisfatti da un settore sanitario che non è preparato per tale gruppo di pazienti. Hanno esigenze speciali di trattamento intensivo e supporto, e non ne ricevono abbastanza. Questo è secondo i ricercatori dietro lo studio di ricerca, diretto dalla dottoranda Anne Bo e dalla professoressa Helle Terkildsen. Lo studio è stato appena pubblicato nella rivista scientifica Diabetes / Metabolism Research and Reviews.

Lo studio è basato su 5.115 persone che hanno ricevuto una diagnosi con diabete di tipo 2 entro due anni. 516 di queste persone hanno meno di 45 anni. Nel caso del venti per cento dei pazienti più giovani, i ricercatori hanno scoperto i primi segni di danni ai reni, mentre il sette per cento mostrava segni di problemi agli occhi. Vedere i primi segni di complicazioni del diabete tra i giovani pazienti è molto serio, afferma la prof. Anne Bo dell’Università di Aarhus Danimarca.

“Quando i pazienti sono già affetti dal diabete di tipo 2 in così giovane età, il danno può svilupparsi in cecità, insufficienza renale o malattie cardiovascolari potenzialmente letali, poiché devono vivere con la malattia per decenni, in relazione ai fattori di rischio del gruppo, significa che il sistema sanitario può iniziare una prevenzione migliore e più mirata. Sappiamo da studi precedenti che le persone con diabete di tipo 2 che ricevono un trattamento adeguato hanno un rischio minore di morte per malattie cardiache. “, dice Anne Bo.

Lo studio mostra che il gruppo di pazienti giovani di nuova diagnosi ha una situazione sanitaria molto più povera rispetto ai pazienti più anziani. I pazienti giovani sono più in sovrappeso, hanno livelli di zucchero nel sangue più bassi, livelli di colesterolo più alti e pressoché la stessa presenza di ipertensione.

La condizione dei più giovani con diabete di tipo 2 sembra anche sorprendere il sistema sanitario, afferma Anne Bo.

“Possiamo osservare dallo studio che i pazienti più giovani ricevono generalmente un trattamento troppo limitato molto meno preventivo con farmaci come gli antipertensivi, i farmaci ipolipemizzanti e gli anticoagulanti, inoltre dichiarano di fare poco esercizio e fumano di più dei pazienti anziani, il che indica la necessità di ripensare il modo in cui il settore sanitario organizza il trattamento del diabete di tipo 2, e non meno importante, come i giovani diabetici di tipo 2 incontrano gli operatori sanitari “, afferma Anne Bo.

Si riferisce alle esperienze personali dei pazienti che sono state registrate in connessione con lo studio. Vi sono esempi di pazienti che sono stati diagnosticati in una consultazione di 15 minuti con il loro medico di famiglia. Successivamente, potrebbero tornare a casa e ottenere maggiori informazioni daGoogle sulla convivenza con il diabete, trovando spesso alcune descrizioni severe e/o errate se non pericolose.

“Ricevere una diagnosi così seria è un grosso shock ed è molto scoraggiante essere mandati a casa dopo che gli è stato detto che dovresti tornare tra tre mesi per un controllo.Molti pazienti hanno un sacco di sensi di colpa e vergogna per il diabete di tipo 2 , che si relaziona con lo stile di vita. Si sentono molto soli quando si tratta di affrontare una malattia che è comunemente associata agli anziani, inoltre la comunicazione del medico generico è più spesso adattata ai vecchi e ciò può anche contribuire alla spiegazione del perché la salute del giovane e proporzionalmente più povera in questi pazienti “, afferma Anne Bo.

Normalmente, il diabete di tipo 2 è una malattia che le persone ottengono intorno ai sessanta anni, ma all’inizio di quest’anno una panoramica dello Steno Diabetes Center di Copenaghen ha dimostrato che la tendenza internazionale verso un numero sempre più giovane di malattie si applica anche alla Danimarca.

Tuttavia, la domanda sul perché il gruppo di pazienti diabetici più giovani stia crescendo è complessa, dice Helle Terkildsen Maindal, professore di promozione della salute presso l’Università di Aarhus, responsabile della ricerca presso lo Steno Diabetes Center di Copenhagen.

“L’obesità e l’inattività aiutano a scatenare il diabete in persone che sono forse predisposte per motivi ereditari o hanno un rischio geneticamente più elevato di diabete, di conseguenza, le abitudini alimentari e l’esercizio fisico svolgono un ruolo importante nella prevenzione”, afferma il professor Helle Terkildsen Maindal. Ma lei vuole lavorare per garantire che il diabete di tipo 2 non si trasformi in un problema individuale, anche se le persone possono fare molto per prevenire il peggioramento della malattia.

“Si tratta di una malattia che dipende in larga misura dalla società in cui viviamo e dalle sue condizioni di vita e abitudini: non è l’ignoranza o la pigrizia che porta al 50% delle persone tra 35 e 44 anni in Danimarca a essere sovrappeso e quindi a rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. Riguarda le strutture sociali, le condizioni di lavoro e cose come il nostro esercizio e le abitudini alimentari. Inoltre, esiste un sistema sanitario che non è progettato in modo appropriato per questo gruppo. Il gruppo di età ha difficoltà a venire ai controlli perché si svolgono nel bel mezzo dell’orario di lavoro. I nostri prossimi studi riguarderanno il modo in cui organizziamo il trattamento e i servizi di supporto in base alle esigenze del gruppo target. Possiamo farlo coinvolgendo i pazienti più giovani stessi e i loro professionisti nello sviluppo delle misure preventive e del trattamento a loro offerti”, afferma Helle Terkildsen Maindal.



Ecco spiegata l’importanza di un controllo cardiologico precoce nei giovani diabetici

Secondo una nuova ricerca danese, i giovani diabetici potrebbero avere un rischio sette volte maggiore di morire per arresto cardiaco improvviso rispetto ai loro coetanei che non hanno il diabete. Vedi report pubblicato sulla rivista Circulation.

DAMMI RETTA ADOTTA UNA PROVETTA: SOSTIENI LA RICERCA PER LA CURA DEL DIABETE TIPO 1

Lo studio sottolinea l’importanza del monitoraggio cardiaco precoce e continuo nei bambini e nei giovani adulti con diabete di tipo 1 e di tipo 2, ha dichiarato Jesper Svane, uno studente universitario in cardiologia presso l’ospedale universitario di Copenaghen in Danimarca.
Svane ha recentemente presentato i risultati preliminari dello studio presso le Sessioni Scientifiche dell’American Heart Association, un raduno di scienziati e medici di tutto il mondo che si scambiano idee sulle ultime ricerche e progressi nella salute del cuore e del cervello.
“Penso che i genitori siano probabilmente già a conoscenza dei sintomi e dei dolori dei loro figli, quindi questo messaggio è più per i medici, per un maggiore monitoraggio cardiaco”, ha detto Svane. I bambini e i giovani adulti con una morte cardiaca improvvisa spesso hanno avuto sintomi di dolori al petto o svenimenti in anticipo, ha detto.
“Quando hai un giovane con diabete, devi essere consapevole che questa persona ha un rischio più elevato di malattie cardiache anche se sono giovani, anche con il diabete di tipo 1”.
Il diabete è una malattia causata dalla glicemia troppo alta. Il glucosio derivante dal cibo è la principale fonte di energia del corpo ed è regolato dall’insulina, un ormone prodotto dal pancreas. Nel tempo, il diabete può causare una serie di problemi di salute, tra cui danni ai vasi sanguigni e ai nervi, come quelli che controllano il cuore e i vasi sanguigni.
Il tipo 1 si verifica più spesso nei bambini e nei giovani adulti ed è causato dal sistema immunitario che attacca le cellule produttrici di insulina nel pancreas. Il tipo 2, diagnosticato a qualsiasi età ma solitamente negli adulti, si verifica quando non c’è abbastanza insulina o quando il corpo non la usa bene. Uno stile di vita sedentario, l’obesità e l’ipertensione possono aumentare il rischio di questo tipo di diabete.
Gli studi hanno dimostrato che le persone con diabete hanno un rischio maggiore di morte prematura, ma Svane e i colleghi ricercatori hanno detto che c’è stata poca ricerca sui tassi e le cause di morte tra i giovani diabetici.
Il loro ampio studio nazionale attingeva dai registri dettagliati per patologia, farmaci e morte della Danimarca. Ha incluso informazioni su tutti i cittadini danesi dai 1 ai 35 anni dal 2000 al 2009 – così come gli adulti dai 36 ai 49 anni dal 2007 al 2009.

I ricercatori hanno affermato che il 5% delle 14.294 persone morte durante quel decennio soffriva di diabete, mentre il 70% aveva il Tipo 1 e il 30% aveva il Tipo 2.
Lo studio ha rilevato che le persone con diabete avevano otto volte più rischio di morire per tutti i tipi di malattie cardiache . La morte cardiaca improvvisa è stata la causa nel 17% delle persone con diabete e i ricercatori hanno calcolato che era sette volte più comune rispetto a quelli senza diabete .
La morte cardiaca improvvisa è innescata da un malfunzionamento elettrico nel cuore che lo fa battere in modo irregolare. Può accadere in modo brusco e senza preavviso. Una volta che l’azione di pompaggio del cuore viene interrotta e il sangue non può raggiungere il cervello, i polmoni o altri organi, la persona perde conoscenza e non ha polso. La morte può accadere in pochi minuti senza trattamento.
Ogni anno, oltre 350.000 americani hanno un arresto cardiaco al di fuori di un ospedale. Solo circa uno su 10 sopravvive.
Queste statistiche sono il motivo per cui l’American Heart Association e altri gruppi sanitari e comunitari in tutto il paese stanno spingendo per una maggiore formazione sulla RCP (Rianimazione cardiopolmonare) nelle scuole. Meno della metà degli arresti cardiaci fuori dall’ospedale ricevono RCP prima dell’arrivo di un medico – e le probabilità di sopravvivenza sono più alte per le persone che lo fanno.
Attualmente, 37 stati e Washington, DC, hanno approvato leggi  per richiedere un corso di Rianimazione alla scuola superiore, secondo le statistiche dell’AHA.
Robert Campbell, MD, cardiologo pediatrico presso il Children’s Healthcare di Atlanta Sibley Heart Center in Georgia, ha detto che la formazione nelle scuole è di preparare “chiunque e tutti” ad essere pronti a eseguire un intervento con la RCP.
Campbell è direttore medico di Project SAVE, un programma che l’ospedale pediatrico ha iniziato nel 2004 per aiutare a prevenire improvvisi decessi per arresto cardiaco . Finora, circa 1.200 scuole della Georgia hanno seguito la formazione con il progetto SAVE, che comprende la creazione di piani d’azione di emergenza, l’educazione alla RCP e le esercitazioni. Il programma inoltre allena le persone a utilizzare un defibrillatore automatico esterno, o AED, un dispositivo portatile che controlla e ripristina il cuore al suo ritmo normale.
“È un’abilità di base per salvare una vita”, ha detto Campbell. “Non è scienza missilistica, e non è neanche qualcosa che non puoi cercare su Google nel bel mezzo di un arresto cardiaco.”



L’educazione è essenziale per una salute ottimale con il diabete

Quando hai il diabete, non sei certamente solo. Il diabete è una delle condizioni croniche più comuni che colpiscono oltre 3 milioni di persone in Italia. Circa il 5% delle persone con diabete ha il tipo 1. Il diabete di tipo 2 è più comune e si verifica in circa il 95% dei casi. Se sei una donna con una storia di diabete gestazionale durante la gravidanza, il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 con l’età è del 40% -60% e aumenta dal 50% al 75%, se sei obesa.

DAMMI RETTA ADOTTA UNA PROVETTA: SOSTIENI LA RICERCA PER LA CURA DEL DIABETE TIPO 1

Prima di sviluppare il diabete di tipo 2, si verifica spesso un prediabete. E’ prediabete quando i livelli di glucosio nel sangue sono più alti del normale, ma non abbastanza per una diagnosi di diabete. Gli esperti stimano che circa 84 milioni di persone di almeno 18 anni hanno il prediabete.

Autogestione

L’autogestione è basilare per una vita attiva con la tua malattia cronica. Indipendentemente dal tipo di diabete che hai, gestirai autonomamente circa il 95 percento delle tue terapia per il 99% del tuo tempo. L’istruzione e il supporto degli educatori del diabete sono essenziali per sviluppare le capacità e la fiducia necessarie nel gestire il diabete. Non solo dovresti essere ben informato sul tuo diabete quando ti viene diagnosticato, ma essere educato annualmente e specificamente per i tuoi obiettivi di trattamento e per aiutarti a prevenire le complicazioni.

Quando si verificano sfide al livello di abitudini e attività, capacità di gestione, convinzioni sanitarie e/o benessere, l’educazione e il supporto all’autogestione del diabete possono aiutarti ad adattarti. Inoltre, ogni volta che i fattori complicano l’autogestione, come altri problemi di salute, l’invecchiamento o la gravidanza, è generalmente necessaria un’educazione aggiuntiva al diabete.

Standards

Fai ricerche per trovare servizi disponibili per la tua educazione sull’autogestione del diabete. Controlla se i servizi sono accreditati presso il tuo centro di riferimento in diabetologia.

Abilità

Le abilità così come il supporto decisionale sono necessari per autogestire il diabete  nel quotidiano come per tutta la vita. Mangiare sano, essere attivi, monitorare, assumere farmaci, risolvere i problemi, ridurre i rischi e far fronte ai problemi di salute.

Supporto

In aggiunta al tuo team di diabetologia, idealmente avrai il supporto dai familiari e amici. Il tuo sistema di supporto dovrebbe anche incoraggiare il follow-up di routine con il tuo team e la consultazione dello stesso in caso si presentasse una necessità, un quesito.

Successo

Se hai il diabete, chiedi un consiglio per l’educazione e l’autogestione del diabete. Prendi il controllo, sii proattivo e cerca i servizi relativi all’educazione del diabete per ottimizzare il tuo diabete.

Come sappiamo: (dati forniti dalla Regione Emilia-Romagna ad esempio) il 100% dei bambini e adolescenti partecipa a programmi educativi per il diabete, per gli adulti la cifra è del 90%. I programmi di educazione all’utilizzo del microinfusore d’insulina e CGM durano 5 giorni. Il team di diabetologia (medico, infermiere, dietista, psicologo, podologo) è presente in tutti i principali centri di riferimento nelle città con popolazione superiore ai 60000 abitanti.



ADA: La chiave sta nella gestione dello stile di vita per curare i pazienti con diabete tipo 2

Negli standard per assistenza medica di quest’anno, l’American Diabetes Association sottolinea che la gestione dello stile di vita è la chiave per curare i pazienti con diabete, secondo un articolo pubblicato in Osteopathic Family Physician.

“La pietra angolare del trattamento dei pazienti con diabete è la gestione dello stile di vita. Nel vasto panorama dei consigli sulla dieta e l’esercizio fisico, è importante fornire raccomandazioni basati sulla gestione degli stili di vita ai nostri pazienti affetti da diabete ” , afferma Kim Pfotenhauer, docente di medicina presso il dipartimento di cure primarie della Touro University College of Osteopathic Medicine. “Quest’anno, gli standard di assistenza medica di ADA hanno presentato una sezione più robusta sulla gestione dello stile di vita. Queste informazioni sono state compilate per essere un facile riferimento per il medico osteopatico con le ultime raccomandazioni “.

Nel loro articolo, Pfotenhauer e colleghi hanno esaminato le più importanti raccomandazioni sullo stile di vita dell’ADA per aiutare i medici di famiglia a fornire ai loro pazienti la migliore cura per il diabete. Gli standard di cura ora raggruppano la gestione dello stile di vita in una nuova sezione che si concentra su:

  • attività fisica;
  • terapia nutrizionale;
  • consulenza per la cessazione del fumo;
  • assistenza psicosociale;
  • istruzione di autogestione del diabete;
  • supporto al self-management del diabete.

L’ADA raccomanda che i pazienti con diabete prendano parte a esercizi aerobici, di resistenza, flessibilità ed equilibrio. Gli esercizi aerobici possono migliorare la funzione cardiorespiratoria e la sensibilità all’insulina; la formazione di resistenza può aumentare la massa muscolare e la forza; gli esercizi di flessibilità contribuiranno ad aumentare la gamma di movimenti attorno alle articolazioni; e gli esercizi di equilibrio possono ridurre il rischio di cadute tra gli anziani con diabete.

I pazienti con diabete di tipo 2 dovrebbero ridurre il loro comportamento sedentario, il quale fa aumentare il rischio di mortalità e morbilità, hanno scritto i ricercatori. I pazienti più giovani con diabete di tipo 1 possono anche vedere benefici dall’attività fisica, inclusa la ridotta mortalità e la possibile stabilità del glucosio nel sangue. Per i giovani con diabete di tipo 2, ADA raccomanda un minimo di 1 ora al giorno di attività fisica moderata / alta 3 giorni alla settimana.

I ricercatori hanno scritto che le persone con diabete dovrebbero ricevere una terapia nutrizionale medica individualizzata, preferibilmente da un dietista registrato. Le diete dovrebbero avere modelli di alimentazione sani contenenti cibi nutrienti, come si vede nella dieta mediterranea, gli approcci dietetici per arrestare l’ipertensione (DASH) e le diete vegetali. È necessario sottolineare i carboidrati con più fibre e ridurre il carico glicemico, evitare le bevande zuccherate così da poter controllare e ridurre il rischio di patologie cardiovascolari (CVD) e fegato grasso.

Le ricerche precedenti hanno dimostrato che la cessazione del fumo è associata a un notevole beneficio (riduzione rischio da CVD) nei pazienti con diabete di tipo 2. Nelle loro raccomandazioni aggiornate, ADA consiglia ai medici di valutare il paziente per problemi di diabete e altre difficoltà psicosociali.”

Il diabete di tipo 2 colpisce tutti gli aspetti della vita di una persona. A volte questo può diventare opprimente, determinando una diminuzione dell’autogestione “, afferma Pfotenhauer. “Riconoscere questi tempi di sofferenza e curarli adeguatamente può portare un paziente al controllo e migliorare o prevenire le complicazioni”.

Gli standard nazionali raccomandano che i pazienti con diabete partecipino all’istruzione nell’autogestione del diabete per acquisire conoscenze su come prendersi cura sé per l’autogestione della patologia, per imparare a implementare queste strategie a lungo termine. L’istruzione all’autogestione del diabete può migliorare la conoscenza del diabete, i comportamenti di auto-cura, la qualità della vita, nel calare di peso, con costi per l’assistenza sanitaria minori e una migliorata A1C.

“Non c’è una strategia più importante di altre. Il trattamento di ogni aspetto dello stile di vita dei pazienti è importante per migliorare la gestione delle malattie “, ha detto Pfotenhauer. “Come medico di famiglia osteopatica, creando una relazione a lungo termine ci dà il vantaggio di condividere le strategie di gestione dello stile di vita in momenti in cui il paziente è pronto e in grado di ascoltare per migliorare i tempi della vita stessa”.



Pag 1 of 812345...Ultima »

Diabete

Il diabete tipo 1 sul groppone da un giorno o 54 anni? Non perdere la fiducia e guarda avanti perché la vita è molto di più, e noi siamo forti!
Non sono un medico. Non sono un educatore sanitario del diabete. Non ho la laurea in medicina. Nulla in questo sito si qualifica come consulenza medica. Questa è la mia vita, il diabete – se siete interessati a fare modifiche terapeutiche o altro al vostra patologia, si prega di consultare il medico curante di base e lo specialista in diabetologia. La e-mail, i dati personali non saranno condivisi senza il vostro consenso e il vostro indirizzo email non sarà venduto a qualsiasi azienda o ente. Sei al sicuro qui a IMD. Roberto Lambertini (fondatore del blog dal 3/11/2007).

Newsletter



Informazione

Avete un evento, manifestazione (sportiva e non), convegno sul diabete o legato ad esso? Se la risposta è sì fatemelo sapere attraverso l'invio dei dati e iinformazioni scrivendole nel form presente all'interno della pagina Scrivimi del blog. Le iniziative predette saranno publicizzate all'interno di questo spazio gratuitamente e immediatamente. Grazie per il vostro interesse Roberto Lambertini

Eventi

  • Nessun evento

Sommario post

Categorie post

Il Mio Diabete social

Il mio diabete

Promuovi anche tu la tua Pagina

Instagram

Blogosfera

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog


2016 Image Banner 120 x 600