A Scene at the Sea

Sul bordo del vario

DIABETEASY per partecipare clicca qui

Siete persi tra ombrelloni ombrellai e cose da leggere guardare tra una abbronzatura sul bagnasciuga di questo agosto solo e solare? Siete persi nella ricerca di quel post, articolo che non riuscite a rintracciare nel blog vero? Ebbene sì lo riconosco: dopo 10 anni di pubblicazione e un totale di oltre 4000 pezzi venirne fuori è un bel casino. Io stesso non riesco a trovarne uno scritto e pubblicato sette anni fa circa e quindi non si può procrastinare la necessaria azione di riordino della materia.

Continuità nel variare del tempo e tempi, stuzzicando l’attenzione sulle diverse cose che prendono il cittadino convivente con la condizione denominata: assenza di produzione di cellule beta dagli isolotti contenuti nella ghiandola pancreatica, in sigla APCBISGP. Ecco una nuova modalità per far notare con discrezione che siamo diabetici tipo 1. Almeno così risolviamo il problema di coloro che vivono con imbarazzo tale patologia popolare su entrambi i fronti.

E mentre l’uomo medio italiano fa colazione a casa o al bar io vi sciorino l’ultimo dato della mia HbA1c: 46, precedente 47.

Un altro record storico! Il migliore di sempre!

A poca distanza dal compimento del mio 56esimo anno di vita un risultato, dei risultati impensabili alla luce di un passato diabetico sofferto e pieno di traumi, con molteplici episodi che misero a repentaglio la mia vita.

A cosa debbo tale importante fatto e risultato?

Certo alla continuità frutto della mia capacità di gestire e mantenere livellata monitorata la glicemia, conquista recente, degli ultimi 8/10 anni, in particolare con il passaggio dalle iniezioni multiple d’insulina al microinfusore d’insulina più sensore per il monitoraggio continuo della glicemia.

E ancora una volta il salto, il cambio di marcia, il volo nello spazio lo ha portato l’arrivo del Medtronic 640G: un mutamento epocale nella mia vita di diabetico.

Ma ci tengo a concludere la narrazione dell’argomento facendo una importante considerazione, o meglio ripetendola ancora una volta: tale tecnologia fatta per i diabetici tipo 1 non è adatta a tutti e non solo per questione di soldi ma per altre e molto solide ragioni.

Oltre a servire per chi è in età pediatrica e soffre di svarioni glicemici frutto della crescita e sviluppo, negli adulti che non avvertono le ipoglicemie ad esempio, ci deve essere una forza di volontà e capacità nel sapere gestire tali dispositivi, nel diabetico certo come nel medico diabetologo prescrittore. E tali passaggi non sono affatto scontati, poiché nel corso di questi ultimi anni ho visto diverse situazioni di compari di malattia dotati del congegno senza una adeguata preparazione e messi alla molla.

Ognuno è a suo modo un artista e non tutti siamo Raffaello o Michelangelo ma a volte dei semplici imbrattatori e capire, cogliere la differenza dovrebbe fare da punto di discrimine quando si fanno determinati tipi di scelta.



Sono di broccolino

Il concetto di probabilità, utilizzato a partire dal XVII secolo, è diventato con il passare del tempo la base di diverse discipline scientifiche rimanendo tuttavia non univoco. In particolare su di esso si basa una branca della statistica (la statistica inferenziale), cui fanno ricorso numerose scienze sia naturali che sociali.

La media è quel calcolo che misura una tendenza mediana tra un dato minimo e uno massimo, per noi diabetici il classico dei classici è rappresentato dal parametro della HbA1c che stima l’andamento del glucosio negli ultimi due mesi. Esageriamo?

Indubbiamente l’andamento cognitivo e mentale con la condizione generata dal diabete rappresenta ottimamente quella che è la metafora della curva glicemica fatta di alti e bassi: “effetto montagne russe”, e con altrettanta certezza nel corso della nostra vita abbiamo colto medici e affini dare una lettura della patologia con enfasi diversi: grave, molto grave, gravosa, una bazzecola, si può fare, puoi tutto, dipende, secondo i dati, ecc.

È un po’ come andare di corpo: ci sono i regolari, gli incontinenti e poi gli stitici.

Tra il minimizzare e il massimizzare c’è una certa differenza e siccome ciascuno di noi porta alla collettività un piccolo frammento di verità da un mare di menzogne, saperlo distinguere fa la differenza. L’esperienza fa la differenza come l’informazione non si ferma al titolo ma il corpo centrale sta nell’articolo.

E tra massime e minime succede di trovare le esagerazioni annidate nell’orto e vendute dall’ortolano un tanto al chilo.

La leggerezza e stupidità scellerata con cui viene trattato in modo general generico il diabete: un titolo che contiene tante diverse malattie messe assieme, è impressionante!

L’anno scorso c’era il tormentone estivo dell’olio di oliva come rimedio naturale per abbassare la glicemia e sistemare il diabete. E quest’anno? Tocca ai germogli di broccoli.

Si ma quale forma di diabete? Il tipo 1, il LADA, Mody, Insipido, tipo 2 di origine genetica, tipo 2 di origine metabolica?

La cosa interessante del processo di costruzione delle leggende la si ricava proprio dalla vicenda dei broccoli: Il Mio Diabete fu il primo a livello italiano a lanciare i risultati dello studio che diceva “Un concentrato estratto di germogli di broccoli può aiutare i pazienti con diabete di tipo 2 a gestire lo zucchero nel sangue”.

E da lì si è scatenato l’inferno di titoli ad effetto, tutti a comprare germogli di broccoli, estrattori e rompere i coglioni nei social per sapere se la glicemia si è abbassata e di quanto?

E proprio vero di qualcosa si deve pure parlare e se sono stronzate tanto meglio, d’altronde se pesi due quintali o meno l’importante è affrontare la vita con “leggerezza”.



Diabete

Il diabete tipo 1 sul groppone da un giorno o 54 anni? Non perdere la fiducia e guarda avanti perché la vita è molto di più, e noi siamo forti!
Non sono un medico. Non sono un educatore sanitario del diabete. Non ho la laurea in medicina. Nulla in questo sito si qualifica come consulenza medica. Questa è la mia vita, il diabete – se siete interessati a fare modifiche terapeutiche o altro al vostra patologia, si prega di consultare il medico curante di base e lo specialista in diabetologia. La e-mail, i dati personali non saranno condivisi senza il vostro consenso e il vostro indirizzo email non sarà venduto a qualsiasi azienda o ente. Sei al sicuro qui a IMD. Roberto Lambertini (fondatore del blog dal 3/11/2007).

Newsletter



Informazione

Avete un evento, manifestazione (sportiva e non), convegno sul diabete o legato ad esso? Se la risposta è sì fatemelo sapere attraverso l'invio dei dati e iinformazioni scrivendole nel form presente all'interno della pagina Scrivimi del blog. Le iniziative predette saranno publicizzate all'interno di questo spazio gratuitamente e immediatamente. Grazie per il vostro interesse Roberto Lambertini

Eventi

Sommario post

Categorie post

Commenti recenti

IMD è mobile

Il Mio Diabete social

Il mio diabete

Promuovi anche tu la tua Pagina

Instagram

Blogosfera

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog


2016 Image Banner 120 x 600