Annunci

africa

Pag 1 of 1012345...10...Ultima »

Il ruolo dei supermercati nelle scelte di prodotti con meno calorie: una via interessante esplorare

DIABETEASY per partecipare clicca qui

I supermercati potrebbero aiutare i loro clienti a consumare meno calorie facendo piccole modifiche alle ricette dei prodotti alimentari di propria marca per ridurre le calorie contenute nell’articolo, senza pertanto notificare esplicitamente i consumatori, secondo uno studio pubblicato sull’International Journal of Behavioral Nutrition and Physical Activity. La cosiddetta riformulazione “silenziosa” del prodotto può essere una strategia promettente per la quale i rivenditori di alimenti potrebbero contribuire ad abbassare l’apporto calorico nella popolazione, suggeriscono ricercatori dell’Università di Copenaghen.

Il professor Jørgen Dejgaard Jensen, autore principale dello studio, ha dichiarato: “La riformulazione silenziosa dei prodotti non otterrà una drastica riduzione dell’apporto calorico nella popolazione, ma sembra che non vi siano dubbi sul fatto che possa ridurre l’assunzione di calorie e facendolo con un costo relativamente basso.”

I ricercatori hanno analizzato i dati di una riformulazione silenziosa di otto prodotti, condotta da una catena danese di vendita al dettaglio tra il marzo 2013 e il 2014. Il rivenditore ha apportato modifiche alle ricette della sua marca di maionese, yogurt di frutta, pane di segale con semi di zucca, pane, carote, panini a grani interi e muesli al cioccolato. Le etichette di fatto nutrizionali sono state aggiornate per riflettere i cambiamenti che non sono stati annunciati ai clienti.

I ricercatori hanno scoperto che per sei prodotti a quali erano state riviste le calorie riportate al ribasso, le vendite totali nella categoria – ad esempio ‘panini’ o ‘yogurt’ – erano scesi tra lo 0 e il 7 per cento dopo i cambiamenti. Alcuni clienti avevano scambiato il pane di segale riformulato e il cereale con cioccolato per alternative a calorie maggiori, il che aveva compromesso l’effetto calorico riducente della riformulazione per i generi di prodotti ‘cioccolato muesli’ e ‘pane’. Tuttavia, per la maggior parte degli articoli, tali effetti indiretti di sostituzione sono stati superati dall’effetto positivo della riformulazione.

Precedenti studi che hanno valutato simili interventi non hanno tenuto conto se i consumatori avevano scambiato i prodotti riformulati per altri della stessa categoria, ad esempio un tipo di cereale per un altro. Tuttavia, nel valutare l’efficacia delle riformulazioni dei prodotti, occorre tenere conto dei possibili cambiamenti nel comportamento dei consumatori per evitare di sovrastimare gli effetti nella salute pubblica di tali interventi, secondo i ricercatori.

Il professor Jensen ha dichiarato: “Le riformulazioni del prodotto esaminate nello studio possono essere considerate come modifiche” marginali “nelle ricette, mirate a mantenere il gusto e l’aspetto originario dei singoli prodotti. Ha indicato che attraverso una sequenza di riformulazioni marginali del prodotto, è possibile modificare in modo significativo le caratteristiche nutrizionali dei prodotti alimentari e mantenere ancora l’accettazione dei prodotti da parte dei consumatori “.

I ricercatori hanno anche studiato se le risposte comportamentali influenzerebbero il fatturato delle vendite al dettaglio. Hanno scoperto che l’impatto delle riformulazioni del prodotto sul fatturato di vendita del rivenditore è stato molto piccolo, il che indica che tali riforme possono essere effettuate a costi relativamente bassi per i dettaglianti

Il professor Jensen ha aggiunto: “La riformulazione dei prodotti alimentari è considerata come una delle varie misure per combattere l’aumento della prevalenza del sovrappeso e dell’obesità. I ??produttori di alimenti stanno sviluppando e commercializzando continuamente nuovi prodotto a ‘low calorie’, ‘low-fat’ eccetera. “Tuttavia, il potenziale nella promozione della salute di una riformulazione del prodotto più silenziosa è stata ampiamente ignorato nella ricerca. I nostri risultati suggeriscono che tale opzione nei prodotti a marchio della catena di supermercati possono essere efficaci nel ridurre il consumo di calorie da parte dei consumatori”.



Stai ignorando le gengive?

DIABETEASY per partecipare clicca qui

Il contatto con il dentista potrebbe non essere il preferito nel tuo elenco di cose da fare, ma questi controlli sono importanti non solo per i denti, ma anche per le gengive.

La malattia delle gengive o gengivite può essere difficile da catturare. E può portare al più grave problema della periodontite.
Le ragioni per cui preoccuparsi? La parodontite è associata a problemi di salute più gravi , come le malattie cardiache e diabete, che condividono una comune infiammazione nei collegamenti, spiegano esperti presso l’American Academy of Parodontology.
Alcune condizioni mediche e scelte di stile di vita ti fanno più sensibile alla malattia delle gengive . Se fumi, prendi farmaci che portano a rendere la bocca secca, una scarsa nutrizione o si verificano livelli elevati di stress, è più probabile che sviluppino gengiviti. Se le gengive malsane hanno precedenti nel tuo albero familiare o se avete già malattie cardiache, diabete o artrite, siete anche a rischio maggiore.
È importante conoscere il livello di rischio perché la maggior parte delle persone non presenta sintomi fino ai 30 o 40 anni, quando la malattia potrebbe già essere in una fase avanzata.
I segni di avvertimento della gengivite sono alito cattivo che non andrà via; gengive rosse, gonfie, sensibili o allentate o che sanguinano facilmente; E denti sensibili o allentati che rendono difficile la masticazione.
Per abbassare il rischio di malattie gengivali, spazzolare i denti e la lingua dopo ogni pasto. Usare il filo interdentale almeno una volta al giorno. E prendere l’abitudine di utilizzare collutorio per rimuovere i batteri.
Inoltre, assicuratevi di andare a regolari check-up dentali. Se il vostro dentista osserva i primi sintomi di disturbi delle gengive, potrebbe essere necessario una visita da uno specialista, il paradontologo.



Donne e il diabete – il nostro diritto ad un futuro sano

Mancano tre mesi esatti alla Giornata Mondiale del Diabete 2017. 

Il tema del World Diabetes Day 2017 è: le donne e il diabete – il nostro diritto ad un futuro sano.

La campagna promuoverà l’importanza di un accesso fruibile ed equo a tutte le donne a rischio o che vivono con diabete nei farmaci e tecnologie essenziali per il diabete, nell’istruzione, autogestione e nelle informazioni necessarie per ottenere risultati ottimali per il diabete e così rafforzare la loro capacità di prevenire il tipo 2 diabete.

L’IDF (International Diabetes Federation) rilascia il materiale per la campagna da maggio a settembre così da aiutare le organizzazioni e comuità di diabetici in tutto il mondo a prepararsi per la Giornata Mondiale del Diabete il 14 novembre.

Messaggi chiave

Tutte le donne con diabete richiedono un accesso equo e fruibile alle cure e all’istruzione per gestire meglio il loro diabete e per la loro salute.

Supporto nei fatti
Attualmente esistono oltre 199 milioni di donne che vivono con il diabete . Il totale è destinato ad aumentare a 313 milioni entro il 2040.
Due su cinque donne con diabete sono in età riproduttiva, con oltre 60 milioni di donne in tutto il mondo.
Il diabete è la nona causa principale di morte nelle donne a livello mondiale, provocando 2,1 milioni di decessi all’anno .
Le donne con diabete di tipo 2 hanno quasi 10 volte in più di probabilità di avere una malattia coronarica rispetto alle donne senza la condizione.
Le donne con diabete di tipo 1 hanno un rischio aumentato di aborti spontanei o di avere un bambino con malformazioni .
Cosa deve essere fatto
I sistemi sanitari devono prestare attenzione adeguata alle specifiche esigenze e priorità delle donne.
Tutte le donne con diabete devono avere accesso ai medicinali e alle tecnologie essenziali per il diabete, all’istruzione di autogestione e alle informazioni necessarie per ottenere risultati ottimali sulla malattia.
Tutte le donne con diabete devono avere accesso ai servizi di pianificazione pre-concepimento per ridurre i rischi durante la gravidanza.
Tutte le donne e le ragazze devono avere accesso all’attività fisica per migliorare i loro risultati di salute.
Le donne in gravidanza richiedono un migliore accesso alla screening, alla cura e all’istruzione per ottenere risultati positivi per la salute della madre e del bambino.

Supporto dei fatti
1 su 7 nati è influenzato dal diabete gestazionale (GDM).
IDF stima che 20,9 milioni pari al 16,2% delle donne nel 2015 ha avuto una qualche forma di iperglicemia in gravidanza. Circa la metà delle donne con una storia di GDM svilupperà il diabete di tipo 2 entro cinque – dieci anni dopo il parto.
Metà di tutti i casi di iperglicemia in gravidanza si verificano nelle donne al di sotto dei 30 anni .
La stragrande maggioranza dei casi di iperglicemia in gravidanza sono nei paesi a basso e medio reddito, dove l’accesso alle cure materne è spesso limitato.
Cosa deve essere fatto
Le strategie di prevenzione del diabete di tipo 2 devono concentrarsi sulla salute materna e sull’alimentazione come negli altri comportamenti riguardanti la salute prima e durante la gravidanza, nonché la nutrizione infantile e della prima infanzia.
Le visite di assistenza prenatale durante la gravidanza devono essere ottimizzati per la promozione della salute nelle donne giovani e l’individuazione precoce del diabete e della GDM .
La screening per il diabete e la GDM dovrebbe essere integrato in altri interventi e servizi sanitari maternali a livello primario di assistenza sanitaria per assicurare una diagnosi precoce, una migliore assistenza alle donne e una ridotta mortalità materna .
Gli operatori sanitari dovrebbero essere addestrati nell’identificazione, trattamento, gestione e nel monitoraggio del diabete durante la gravidanza .
Le donne e le ragazze sono agenti chiave nell’adozione di stili di vita sani per migliorare la salute e il benessere delle generazioni future.

Supporto dei fatti
Fino al 70% dei casi di diabete di tipo 2 potrebbe essere prevenuto attraverso l’adozione di uno stile di vita sano.
Il 70% delle morti premature tra gli adulti è in gran parte dovuto al comportamento iniziato durante l’adolescenza .
Le donne, come madri, hanno un’influenza enorme sullo stato di salute a lungo termine dei loro figli .
La ricerca ha dimostrato che quando le madri ricevono un maggiore controllo sulle risorse, migliorano l’attenzione sul cibo, la salute dei bambini e l’alimentazione e l’istruzione .
Le donne sono i portatori delle abitudini alimentari e di vita e quindi hanno il potenziale di guidare la prevenzione dalla famiglia e oltre.
Cosa deve essere fatto
Le donne e le ragazze dovrebbero essere autorizzate ad un accesso semplice e equo alle conoscenze e risorse per rafforzare la capacità di prevenire il diabete di tipo 2 nelle loro famiglie e meglio tutelare la propria salute.
La promozione delle opportunità di esercizio fisico nelle ragazze adolescenti, in particolare nei paesi in via di sviluppo, deve essere una priorità per la prevenzione del diabete.



E dopo il pancreas artificiale? Quello elettronico…

Come si sa noi italiani per quanto riguarda l’aiuto alla ricerca per la cura e l’innovazione terapeutica nel diabete tipo 1 abbiamo il braccino corto, per non dire focomelico. invece oltreoceano le fondazioni che sostengono finanziariamente la ricerca sono migliaia e tra queste c’è la Knapp Family Foundation.

L’Istituto Feinstein per la Ricerca Medica della Northwell Health ha ricevuto una borsa pari a 1 milione di $ da The Knapp Family Foundation per lanciare un programma di ricerca che esplorerà la medicina bioelettronica per il trattamento del diabete, tra cui un pancreas elettronico, secondo un comunicato stampa dell’istituto.

“Il diabete colpisce la nostra famiglia e impatta milioni di altre famiglie in tutto il mondo e per questo motivo ci siamo appassionati a sostenere gli sforzi innovativi e scientifici dell’Istituto Feinstein per combattere questa condizione debilitante” , spiega Charles Knapp, presidente della Fondazione della famiglia Knapp, nel comunicato.

Questa sovvenzione supporterà un programma per lo sviluppo di un dispositivo impiantabile che regoli il metabolismo del glucosio del paziente senza l’uso dell’insulina; invece, il dispositivo modulerà percorsi neurali specifici.

“Il nuovo programma di ricerca supporterà il nostro sviluppo di dispositivi che aiutino il corpo a guarire, senza fare affidamento sui farmaci, ma piuttosto sul nostro sistema nervoso per fornire nuove e sicure opzioni di trattamento per una condizione che affligge molti americani”, Chad Bouton, MS , Vice presidente di ingegneria avanzata per la Northwell Health e direttore del Centro di Medicina Bioelettronica dell’Istituto Feinstein, ha dichiarato nel comunicato.

I ricercatori mirano sia al diabete di tipo 1 che di tipo 2 con la loro tecnologia.



Ampia scelta

Fresca, ricca d’acqua e sali minerali la frutta e la verdura di Agosto ci aiuta a tirarci su, a rinfrescarci, a dissetarci e soprattutto a evitare una pericolosa disidratazione del nostro organismo.

Tanto attese queste vacanze estive sono finalmente arrivate, e che c’è di più piacevole se non gustare una bella fetta di anguria dopo la siesta pomeridiana o assaporare un buonissimo e salutare piatto di spaghetti aglio olio e peperoncino per cena al ritorno da una faticosa e rovente giornata al mare?

E allora vediamo cosa possiamo trovare sui banchi del mercato in questo caldo e ozioso mese di Agosto.

Verdura

Peperoni

Una particolarità del Peperone è che risulta essere molto ricco di Vitamina C, e molto poco calorico. Difficile da digerire ( soprattutto se non spellato) ha però proprietà antiossidanti con effetti benefici sulla salute, essendo un ottima prevenzione contro l’invecchiamento precoce, contro tumori e malattie cardiovascolari.

Dalle diverse varietà, una tra le più particolari è certamente il peperoncino, dal sapore piccante, e dalle molteplici proprietà disinfettanti, antibatteriche e soprattutto afrodisiache.

Ravanelli

Croccanti e dal sapore piccante, i rossi Ravanelli aggiungono quel gusto in più ad insalate e piatti freddi. Fantastici da bere, in un cocktail analcolico insieme a pomodori e lattuga, i ravanelli contengono un buon livello di Vitamina C.

Dalle proprietà calmanti era usato dagli antichi romani come rimedio per l’insonnia. Ideale da coltivare negli orti domestici, questo ortaggio ha inoltre proprietà diuretiche e depurative ed è un ottimo alleato per la nostra pelle, se frullati e stesi come maschera sul nostro viso, i ravanelli, ci aiutano infatti ad eliminare le fastidiose macchie che possono formarsi dopo la tintarella estiva.

Frutta

Anguria

Fresca e dissetante, l’Anguria è la regina del nostro cesto di frutta del mese di Agosto. Sotto forma di sorbetto ma anche semplicemente tagliata a fette, l’anguria (o cocomero) è ottima per concludere una leggera cenetta estiva.

Questo frutto, dalla polpa rossa e carnosa arricchita da semini neri o bianchi, contiene per il per il 90% acqua, con pochissime calorie è dunque consigliata nelle diete ipocaloriche, ovviamente senza esagerare. Paragonabile ad un elisir di lunga vita, per le sue proprietà antiossidanti, l’anguria è veramente uno dei piaceri di questa calda e colorata estate.

More

Da Agosto ad inizio Settembre, le More così dolci e succose ci fanno leccare letteralmente i baffi se mangiate come dessert, spolverate con un po’ di zucchero di canna o ancor meglio ricoperte di morbida crema. Ricchissime di antiossidanti, di vitamina C, sono un’ottima prevenzione contro i tumori.

Dall’elevato contenuto di fibre, grazie alla elevata quantità di semini, le more hanno anche proprietà depurative, diuretiche, antireumatiche e ci aiutano a combattere le malattie cardiovascolari mantenendo pulite ed elastiche le arterie, poiché contribuiscono ad eliminare il colesterolo “cattivo” dal sangue. La raccolta di more selvatiche, per buonissime marmellate fatte in case, potrebbe essere una buona scusa per armarsi di secchiello, e prepararsi ad una bella escursione campagnola.



Pag 1 of 1012345...10...Ultima »

Diabete

Il diabete tipo 1 sul groppone da un giorno o 54 anni? Non perdere la fiducia e guarda avanti perché la vita è molto di più, e noi siamo forti!
Non sono un medico. Non sono un educatore sanitario del diabete. Non ho la laurea in medicina. Nulla in questo sito si qualifica come consulenza medica. Questa è la mia vita, il diabete – se siete interessati a fare modifiche terapeutiche o altro al vostra patologia, si prega di consultare il medico curante di base e lo specialista in diabetologia. La e-mail, i dati personali non saranno condivisi senza il vostro consenso e il vostro indirizzo email non sarà venduto a qualsiasi azienda o ente. Sei al sicuro qui a IMD. Roberto Lambertini (fondatore del blog dal 3/11/2007).

Newsletter



Informazione

Avete un evento, manifestazione (sportiva e non), convegno sul diabete o legato ad esso? Se la risposta è sì fatemelo sapere attraverso l'invio dei dati e iinformazioni scrivendole nel form presente all'interno della pagina Scrivimi del blog. Le iniziative predette saranno publicizzate all'interno di questo spazio gratuitamente e immediatamente. Grazie per il vostro interesse Roberto Lambertini

Eventi

  • Nessun evento

Sommario post

Categorie post

Il Mio Diabete social

Il mio diabete

Promuovi anche tu la tua Pagina

Instagram

Blogosfera

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog


2016 Image Banner 120 x 600