Advertisements

Alcohol by volume

Pomodoro a sorpresa

Pomodoro a sorpresa
Print
Tipo ricetta: Verdure
Tipo cucina: Italiana
Autore:
Tempo preparazione:
Tempo totale:
Porzione: 4
Un piatto freddo, ove il pomodoro da "contorno" si autopromuove a piatto di portata, diventando "contenitore" di una composta aromatica e gustosa.
Ingredienti
  • pomodori (500 g)
  • uova (n. 2)
  • acciuga sotto sale (n. 2 filetti)
  • funghi sott´olio (n. 1 cucchiaio)
  • capperi sotto aceto (n. 1 cucchiaio)
  • maionese (n. 4 cucchiai)
  • senape (n. 1 cucchiaino)
  • lattuga (n. 4 foglie)
  • sale (q.b.)
Preparazione
  1. - Lavare, asciugare i pomodori
  2. - Tagliare la calotta e asportare la polpa con un cucchiaino
  3. - Salare l´interno dei pomodori e sistemarli capovolti su un tagliere e lasciare riposare per 30 minuti (per eliminare l´acqua di vegetazione)
  4. - Rassodare le uova
  5. - Sciacquare i capperi e scolarli
  6. - Scolare i funghi e dividerli a metà
  7. - Dissalare le acciughe e tritarle finemente
  8. - Mescolare la senape, la maionese, le uova schiacciate con una forchetta i funghi, i filetti di acciuga e i capperi
  9. - Asciugare l´interno dei pomodori con della carta da cucina
  10. - Riempirli con il composto preparato
  11. - Foderare una coppetta di cristallo con una foglia di lattuga lavata e asciugata (una coppetta per ogni pomodoro)
  12. - Adagiare in ogni coppa un pomodoro e servire
Dose per persone: 100 grammi Calorie: 182 Grassi: 14 Carboidrati: 6 Proteine: 7

Advertisements

Ratatouille

Ratatouille
Print
Tipo ricetta: Verdure
Tipo cucina: Francese
Autore:
Tempo preparazione:
Tempo cottura:
Tempo totale:
Porzione: 4
E´ un ragù (o alla francese: ragout) di verdure, di origine nizzarda. Nella versione originale le verdure erano soffritte separatamente e poi riunite per una comune cottura.
Ingredienti
  • melanzane (300g)
  • peperoni (150g)
  • pomodori maturi (400g)
  • zucchine (400g)
  • olio di oliva (n. 2 cucchiai)
  • aglio (n. 2 spicchi)
  • basilico (n. 15 foglie)
  • prezzemolo (n. 3 ciuffi)
  • sale (q.b.)
  • pepe (q.b.)
  • cipolla (n. 1 cipolla piccola)
Preparazione
  1. - Lavare le melanzane e privarle del gambo
  2. - Tagliarle a dadini senza sbucciarle
  3. - Cospargerle di sale, lasciarle spurgare per circa 1 ora in un colapasta poi sciacquare e asciugare
  4. - Affettare l´aglio
  5. - Mondare e tagliare a strisce i peperoni
  6. - Lavare, spuntare e tagliare a fettine spesse le zucchine
  7. - Scaldare l´olio in un tegame, imbiondirvi le cipolle e l´aglio
  8. - Sbucciare i pomodori (per facilitare l´operazione tuffarli in acqua bollente e poi in acqua fredda)
  9. - Privarli dei semi e tagliarli a pezzettini
  10. - Unirli al soffritto e lasciarli insaporire
  11. - Aggiungere i peperoni, le melanzane e le zucchine
  12. - Incorporare il prezzemolo ed il basilico legati a mazzetto salare e pepare
  13. - Coprire e cuocere per 30 minuti a fuoco moderato
  14. - Togliere gli odori, servire la ratatouille cosparsa di prezzemolo e basilico
Dose per persone: 100 grammi Calorie: 119 Grassi: 8 Carboidrati: 9 Proteine: 3,6

I livelli di vitamina D collegati nel diabete a neuropatia autonomica cardiovascolare

download-6Negli adulti con diabete tipo 1 e tipo 2, sia gli alti che i bassi livelli sierici di vitamina D sono associati a neuropatia autonomica cardiovascolare, secondo un’analisi dei dati del paziente in pool. Ricerca pubblicata su Diabetes Medicine, ottobre 2016.
“Gli attuali risultati mostrano un inversa, a forma di U associazione tra livelli di vitamina D e neuropatia autonomica cardiovascolare mel diabete,” Christian Stevns Hansen, MD, uno studente con dottorato nel dipartimento di epidemiologia clinica presso lo Steno Diabetes Center di Gentofte della Novo Nordisk, Danimarca, e colleghi hanno scritto. “Ciò indica che i livelli benefici della vitamina D sono limitati ad una gamma siero specifica, ed entrambi i livelli troppo bassi e o troppo alti sono dannosi per il sistema nervoso autonomo; Tuttavia, sono necessari studi osservazionali più grandi per confermare questi risultati “.

Hansen e colleghi hanno analizzato i dati di 113 adulti con diabete tipo 1 e tipo 2 e senza aritmia cardiaca esistente (58% uomini; età media, 56 anni, BMI medio, 27,6 kg / m²; durata media del diabete, 22 anni) dall’ambulatorio al Steno Diabetes center in Danimarca tra il maggio 2013 e dicembre 2014. I partecipanti hanno fornito campioni di sangue per la valutazione di vitamina D2 e D3, colesterolo totale, HbA1c e la creatinina sierica. I pazienti sono stati sottoposti a screening per neuropatia autonomica cardiovascolare (CAN) con tre prove sui riflessi cardiovascolari analizzati come variabili continue: la respirazione profonda (E / I) il rapporto, che giace a piedi (30/15 ratio) e la manovra di Valsalva, così come una valutazione di 5 minuti della frequenza cardiaca a riposo e gli indici di variabilità della frequenza cardiaca.

All’interno della coorte, 14% soddisfaceva i criteri per una diagnosi di CAN; nessun paziente aveva grave carenza di vitamina D; a significare che il livello della vitamina D era 83,4 nmol / L. I ricercatori hanno osservato un inverso, a forma di U in associazione tra livelli sierici di vitamina D e il rapporto E / I, il rapporto 30/15 e tre indici variabilità della frequenza cardiaca ( P < .05). Dopo aggiustamento per età e sesso, il livello di vitamina D è stata associata in modo non lineare con la diagnosi CAN ( P < .05). In analisi di regressione lineare, i ricercatori hanno osservato che un aumento del livello di vitamina D da 25 nmol / L a 50 nmol / L è stato associato ad un aumento del 3,9% in rapporto E / I (95% CI, 0,1-7,9) e il 4,8% nel 30/15 ratio (95% CI, 4,7-9,3). Tuttavia, quando i livelli di vitamina D sono aumentate da 125 nmol / L a 150 nmol / L, i ricercatori hanno osservato una diminuzione del 2,6% in rapporto E / I (95% CI, -5.8-0.1) e del 4,1% nel rapporto di 30/15 (95 % CI, -5.8 a -0.5).

I ricercatori hanno osservato nessun cambiamento nei risultati associati ad un aumento dei livelli di vitamina D da 85 nmol / L a 110 nmol / L; il tipo di diabete non ha avuto effetto modificanti.

“I nostri dati suggeriscono che l’associazione tra vitamina D e CAN è guidata principalmente da anomalie nel sistema nervoso parasimpatico, dato che solo il rapporto E / I e il rapporto di 30/15 sono stati associati con la vitamina D,” hanno scritto i ricercatori. “Inoltre, abbiamo trovato che la vitamina D associata con gli indici di variabilità della frequenza cardiaca [quadratico medio delle differenze successive] e potenza ad alta frequenza, che indica anche un effetto sul sistema nervoso parasimpatico.”

Portale diabete (USA) si arricchisce di dati e più potenti strumenti di ricerca

distalsymmetIl diabete  tipo 2 AMP 2 Knowledge Portal (link è esterno) una biblioteca online e motore per lo sviluppo di nuove scoperte ha notevolmente ampliato i dati e le funzionalità di ricerca per accelerare il ritmo del progresso scientifico. Navigazione personalizzabile e semplificata, insieme ai dati aggregati provenienti da più di 100.000 campioni di DNA dalla ricerca sono supportati dal NIH e altre istituzioni, così da favorire una nuova comprensione del diabete, aumentando la capacità degli utenti di condividere e valutare i contenuti.

Un prodotto di Accelerating Medicines Partnership (AMP) del NIH National Health Insitute per il diabete di tipo 2, il portale aperto nel 2015, consente l’esplorazione di facile utilizzo delle reti internazionali di informazioni genetiche umane legate al diabete di tipo 2. Allo stato attuale, i ricercatori e il pubblico possono cercare informazioni da gene, variante genetica e della regione; indici di accesso alle varianti genetiche; ed eseguire analisi genetiche personalizzate utilizzando strumenti versatili. I dati individuali rimarranno confidenziali.

Chiunque può ora interrogare i dati dettagliati dal portale; i ricercatori in precedenza autorizzati possono accedere a tali contenuti, mentre altri potranno visualizzare i risultati aggregati. Un account Google è tutto ciò che è necessario per utilizzare il portale, disponibile anche in lingua spagnola. Perché la forza del portale dipende dalla partecipazione della comunità, le persone sono incoraggiate a presentare i dati, commenti e altri materiali.

Ora comprensivo dei dati dei collaboratori europei, così da permettere agli amministratori di continuare ad espandere la rete per includere contenuti a livello nazionale e internazionale.

Diabete

Il diabete tipo 1 sul groppone da un giorno o 54 anni? Non perdere la fiducia e guarda avanti perché la vita è molto di più, e noi siamo forti! Non sono un medico. Non sono un educatore sanitario del diabete. Non ho la laurea in medicina. Nulla in questo sito si qualifica come consulenza medica. Questa è la mia vita, il diabete - se siete interessati a fare modifiche terapeutiche o altro al vostra patologia, si prega di consultare il medico curante di base e lo specialista in diabetologia. La e-mail, i dati personali non saranno condivisi senza il vostro consenso e il vostro indirizzo email non sarà venduto a qualsiasi azienda o ente. Sei al sicuro qui a IMD. Roberto Lambertini (fondatore del blog dal 3/11/2007)

Newsletter

Informazione

Avete un evento, manifestazione (sportiva e non), convegno sul diabete o legato ad esso? Se la risposta è sì fatemelo sapere attraverso l'invio dei dati e iinformazioni scrivendole nel form presente all'interno della pagina Scrivimi del blog. Le iniziative predette saranno publicizzate all'interno di questo spazio gratuitamente e immediatamente. Grazie per il vostro interesse Roberto Lambertini

Eventi

  • Nessun evento

Sommario post

Categorie post

IMD è mobile

Il Mio Diabete social

Il mio diabete

Promuovi anche tu la tua Pagina

Instagram

Google+





Visualizza il profilo LinkedIn di Roberto Lambertini Visualizza il profilo di Roberto Lambertini

Blogosfera

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog


2016 Image Banner 120 x 600