Annunci

Alzheimer’s disease

Pag 1 of 1412345...10...Ultima »

Ora

Si fa presto a dire diabete? Milioni di facce, forme, pesi, stazze, misure, terapie, selfie, cazzi e fighe culi e tette in salute. Ricordo quando ero pupo e le comari del condominio, strada, quartiere e città e provincia dicevano a mia mamma: diabete? Ma suo figlio è il ritratto della salute.

Ecco il diabete è il ritratto della salute quindi lasciamo che il negazionismo prevalga rispetto all’evidenza dei dati scientifici, sulla stregua dei complottisti, anti tutto perché la verità siamo noi. Basta terrorismo lasciamo le cose al caso e la casa a casa .

I social offrono un grande vantaggio: tutto si racchiude in due battute che, poi, si propagano all’infinito. L’evoluzione in grande delle quattro chiacchere da bar.

A proposito di noiosissimi dati, eccoli quelli ultimi rilasciati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Causa  Percentuale 
di
morti
Tutti Maschile Femminile
Tutte le cause 100,0 916,1 954,7 877,1
Malattie cardiovascolari 29,34 268,8 259,3 278,4
Malattie infettive e Parassitosi 23,04 211,3 221,7 200,4
Cardiopatia ischemica 12,64 115,8 121,4 110,1
Neoplasia maligna (cancro) 12,49 114,4 126,9 101,7
Malattie cerebrovascolari (Ictus) 9,66 88,5 81,4 95,6
Infezioni respiratorie 6,95 63,7 63,5 63,8
Malattie del tratto respiratorio inferiore 6,81 62,4 62,2 62,6
Malattie respiratorie: asma, enfisema 6,49 59,5 61,1 57,9
Lesioni non intenzionali 6,23 57,0 73,7 40,2
HIV/AIDS 4,87 44,6 46,2 43,0
Broncopneumopatia cronica ostruttiva 4,82 44,1 45,1 43,1
Condizioni perinatali 4,32 39,6 43,7 35,4
Malattie dell’apparato digerente 3,45 31,6 34,9 28,2
Sindromi diarroiche 3,15 28,9 30,0 27,8
Lesioni intenzionali: suicidio, trauma balistico, violenza, guerra, ecc. 2,84 26,0 37,0 14,9
Tubercolosi 2,75 25,2 32,9 17,3
Malaria 2,23 20,4 19,4 21,5
Cancro del polmone 2,18 20,0 28,4 11,4
Incidente stradale: trauma toracico, trauma stradale 2,09 19,1 27,8 10,4
Malattie dell’infanzia: Fibrosi cistica, 1,97 18,1 18,0 18,2
Affezioni neurologiche e psichiatriche 1,95 17,9 18,4 17,3
Diabete mellito 1,73 15,9 14,1 17,7
Miocardiopatia ipertensiva 1,60 14,6 13,4 15,9
Suicidio 1,53 14,0 17,4 10,6
Carcinoma dello stomaco 1,49 13,7 16,7 10,5
Malattie del sistema genitourinario 1,49 13,6 14,1 13,1
Cirrosi epatica 1,38 12,6 16,1 9,1
Nefrite/nefropatie 1,19 10,9 11,0 10,7
Cancro del colon-retto 1,09 10,0 10,3 9,7
Cancro al fegato 1,08 9,9 13,6 6,2
Morbillo 1,07 9,8 9,8 9,9
Violenza 0,98 9,0 14,2 3,7
Mortalità materna in gravidanza e parto: eclampsia, febbre puerperale 0,89 8,2 0,0 16,5
Malattia congenita 0,86 7,9 8,1 7,7
Carenza nutrizionale – Kwashiorkor 0,85 7,8 6,9 8,7
Cancro alla mammella 0,84 7,7 0,1 15,3
Carcinoma dell’esofago 0,78 7,2 9,1 5,2
Miocardiopatie infiammatorie 0,71 6,5 6,7 6,2
Malattia di Alzheimer e altri quadri organici di demenza 0,70 6,4 4,7 8,1
Cadute 0,69 6,3 7,5 5,0
Annegamento 0,67 6,1 8,4 3,9
Avvelenamento 0,61 5,6 7,2 4,0
Linfoma, Mieloma multiplo 0,59 5,4 5,4 5,4
Febbre reumatica 0,57 5,3 4,4 6,1
Cancro orale e Cancro orofaringeo 0,56 5,1 7,1 3,1
Fuochi artificiali 0,55 5,0 3,8 6,2
Pertosse 0,52 4,7 4,7 4,8
Carcinoma della prostata 0,47 4,3 8,6 0,0
Leucemia 0,46 4,2 4,7 3,8
Ulcera peptica 0,46 4,2 5,0 3,5
Malnutrizione grave 0,46 4,2 4,2 4,2
Malattie endocrine 0,43 3,9 3,4 4,4
Asma 0,42 3,9 3,9 3,8
Cancro della cervice uterina 0,42 3,8 0,0 7,7
Cancro del pancreas 0,41 3,7 3,9 3,5
Tetano 0,38 3,4 3,4 3,5
Malattie sessualmente trasmissibili (eccetto l’AIDS) 0,32 2,9 2,9 2,9
Cancro alla vescica 0,31 2,9 4,0 1,7
Meningite 0,30 2,8 2,9 2,7
Ferite di guerra (trauma balistico) 0,30 2,8 5,0 0,5
Sifilide 0,28 2,5 2,7 2,3
Neoplasie che non sono istologicamente maligne 0,26 2,4 2,4 2,4
Anemie da carenza di ferro 0,24 2,2 1,5 2,9
Carcinoma dell’ovaio 0,24 2,2 0,0 4,4
Malattie tropicali, eccetto la malaria 0,23 2,1 2,5 1,6
Epilessia 0,22 2,0 2,2 1,8
Malattie del sistema musculoscheletrico 0,19 1,7 1,2 2,2
Epatite B 0,18 1,7 2,3 1,0
Malattia di Parkinson 0,17 1,6 1,6 1,6
Alcoolismo a lungo termine 0,16 1,5 2,5 0,4
Tossicodipendenza 0,15 1,4 2,2 0,5
Infezioni del tratto respiratorio superiore 0,13 1,2 1,2 1,2
Carcinoma dell’utero 0,12 1,1 0,0 2,3
Malattie dermatologiche 0,12 1,1 0,8 1,4
Melanoma, spinalioma, basalioma 0,12 1,1 1,1 1,0
Epatite C 0,09 0,9 1,1 0,6
Leishmaniosi 0,09 0,8 1,0 0,7
Tripanosomiasi 0,08 0,8 1,0 0,5
Iperplasia prostatica benigna 0,06 0,5 1,0 0,0

 

  1. ^World Health Organization, Annesso Tavola 2: Morti per causa, sesso e strato di mortalità nelle regioni del OMS, stimate per l’anno 2002 (PDF), in The world health report 2004 – changing history, 2004. 



Annunci

Dammi il congegno che mi ingegno

Buongiorno, scusi mi incarta un flash glucose monitoring? No guardi in questo momento non lo tengo se vuole ne ho un altro al taglio, impiantabile. Beh ho spesso prurito per via dei tatuaggi e dei piercing preferisco un tradizionale con innesto sottocute a baionetta. Dialogo di fantasia in un prossimo futuro dove chi seguirà il diabetico probabilmente farà da venditore di dispositivi. Oggi fantasia ma un domani potrebbe diventare realtà.

L’italico Servizio sanitario nazionale (SSN) è fra i pochi “universalistici” rimasti in Europa, ma ancora per poco. La revisione della spesa e lotta a sprechi e corruzione non sono sufficienti. Il Sistema è sotto l’attacco di due forze: l’incremento dei bisogni associati alla cronicizzazione delle patologie negli anziani e l’innovazione tecnologica, che offre soluzioni di grande efficacia ma impone costi ingenti. E entrambi questi fattori hanno al centro la patologia diabetica. Nell’innovazione farmacologica, ad esempio, il 2015 ha segnato uno spartiacque, con l’arrivo dei dispositivi di massa per il rilevamento del glucosio in via continuativa (i sensori e il Libre in specie), che non sostituiscono il controllo tramite prelievo di sangue capillare dal dito. La Tresiba come il prossimo approdo di nuove famiglie di insulina che potrebbero migliorare il compenso glicemico, ma ad alto prezzo. Una terapia per il controllo del colesterolo con le statine costa al SSN circa 350 euro. I nuovi anticorpi monoclonati sostitutivi delle statine, usati in pazienti selezionati, costano 15 volte di più. Questa innovazione “costosa”, associata alle dinamiche demografiche, sarà presto insostenibile.

C’è bisogno di di garantire una sistematica valutazione dell’impatto generato da tutte le spese sanitarie (farmaci, dispositivi, procedure, programmi di sanità pubblica) in termini di sicurezza, efficacia e costo-efficacia per facilitare il disinvestimento da pratiche obsolete e a basso valore, così da liberare risorse per innovazioni il cui valore va accertato. Se nel caso del farmaco si tratterebbe di riorientare il lavoro dell’AIFA (Agenzia italiana del farmaco), per le tecnologie mediche e procedure è fondamentale l’avvio di un sistema nazionale di valutazione della tecnologia sanitaria, per circoscrivere la discrezionalità della decisione politica nei limiti dell’evidenza scientifica, per renderla più razionale e meno “emotiva”, incorporando in un processo trasparente e robusto la prospettiva di pazienti e cittadini.

Questo approccio, adottato negli ultimi 40 anni, dalla maggior parte dei Paesi industrializzati è stato previsto dalla Legge di Stabilità per il 2016 e dalla Legge di Bilancio per il 2017 ma stenta a decollare. Andare verso un modello a favore dell’evidenza scientifica garantirebbe scelte dì allocazione delle risorse pubbliche verso spese che assicurano il maggiore valore possibile in termini di salute.

Chi scrive ritiene assai improbabile il riuscire a salvare il Servizio Sanitario Nazionale, il quale altro non è che un accrocchio di sistemi e pratiche regionali, territoriali. Un ritorno alle mutue corporative parastatali è impossibile sempre per questioni di soldi.

Pertanto nei fatti si fanno e faranno strada percorsi assicurativi sanitari integrativi che porteranno gradualmente verso una assistenza sanitaria privatizzata e comunque garantita ai garantiti, ovvero portatori di reddito.

A conclusione fanno tenerezza i promotori della petizione per chiedere l’erogazione dei sensori a pioggia verso tutti i diabetici. Magari sarebbe più utili fare un manuale per la costruzione fai da te del sensore medesimo.



Un virus può proteggere dal diabete di tipo 1, altri possono aumentarne i rischi

I medici non possono prevedere chi svilupperà il diabete di tipo 1, una malattia autoimmune cronica in cui il sistema immunitario distrugge le cellule necessarie per controllare i livelli di zucchero nel sangue, tale patologia richiede iniezioni multiple di insulina giornaliere e un monitoraggio continuo della glicemia.
Ora, un nuovo studio condotto dalla School of Medicine di Washington, a St. Louis, ha scoperto che i virus nell’intestino possono influenzare la possibilità di una persona di sviluppare la malattia . I bambini le cui comunità virali dell’intestino, o le vibrazioni, sono meno diversificate, hanno maggiori probabilità di generare anticorpi autodistruttivi che possono portare al diabete di tipo 1. Inoltre, i bambini che portano un virus specifico appartenente alla famiglia Circoviridae hanno meno probabilità di affrontare il cammino verso il diabete rispetto a quelli che portano diversi gruppo di virus.
“Abbiamo identificato un virus che è significativamente associato a un rischio ridotto e un altro gruppo di virus che lo è con un aumentato rischio di sviluppare anticorpi contro le cellule dei bambini”, ha detto Herbert “Skip” Virgin IV, MD, PhD. “Sembra che l’equilibrio di questi due gruppi di virus possa controllare il rischio di sviluppare gli anticorpi che possono portare al diabete di tipo 1.”
I risultati, pubblicati online la settimana del 10 luglio in Proceedings of the National Academy of Sciences , suggeriscono un modo per prevedere e forse anche impedirne l’insorgenza
Il diabete di tipo 1 si sviluppa come processo a due fasi. In primo luogo, una persona acquisisce anticorpi contro le cellule del pancreas responsabili della produzione di insulina, un ormone che consente alle cellule di assorbire lo zucchero dal flusso sanguigno in modo che possano bruciarlo per energia. Alcuni bambini generano gli anticorpi – chiamati auto-anticorpi perché mirano alle cellule della persona – ma non sviluppano malattie.
In altri bambini, tuttavia, gli auto-anticorpi indicano un attacco progressivo del sistema immunitario del corpo contro le cellule pancreatiche, uccidendole e ostacolando la capacità del corpo di produrre insulina. Quando il pancreas non può più produrre abbastanza insulina, una persona sviluppa il diabete di tipo 1.
La nuova ricerca segue un precedente studio del Dottorato di Ricerca di Mikael Knip dell’Università di Helsinki e di Ramnik Xavier, MD, del Massachusetts General Hospital e della Harvard Medical School, che ha studiato gli ecosistemi batterici intestinali di 33 bambini che portano i geni e che li ha messi ad alto rischio di sviluppare il diabete di tipo 1. I ricercatori hanno raccolto campioni mensili di base dai bambini dalla nascita all’età di 3 anni e li hanno monitorati per lo sviluppo di auto-anticorpi e la malattia. In un piccolo gruppo di bambini che hanno sviluppato il diabete di tipo 1, il team ha notato alterazioni significative della diversità delle specie batteriche nell’intestino prima della diagnosi. Ma questo studio ha esaminato solo i batteri nei virus non intestinali.

Quindi, Virgin, Guoyan Zhao, PhD, un assistente professore di patologia e immunologia presso l’Università di Washington e colleghi ha preso gli stessi campioni e analizzato la popolazione di virus in un sottoinsieme selezionato di bambini. Essi hanno accuratamente esaminato gli 11 bambini che hanno acquisito auto-anticorpi – cinque dei quali hanno successivamente sviluppato il diabete di tipo 1 – con 11 bambini che non hanno sviluppato gli auto-anticorpi o la malattia. Tutti i 22 bambini hanno trasportato geni che li hanno messi ad alto rischio per sviluppare la patologia.
Un virus precedentemente sconosciuto relativo al circovirus è stato trovato in cinque degli 11 bambini che non hanno sviluppato auto-anticorpi, ma non in uno dei che hanno lo ha fatto. I circovirus sono piccoli virus che infettano una gamma di mammiferi ma raramente legati alla malattia virale.
“Circovirus non sono mai stati associati a malattie nelle persone”, ha detto Zhao, primo autore dello studio. “Molte linee di prove supportano l’associazione inversa tra il virus che abbiamo trovato e lo sviluppo di auto-anticorpi. Ciò suggerisce che avere un circovirus può essere una buona cosa per le persone a rischio elevato di T1D”.
I ricercatori hanno anche trovato differenze in un gruppo di virus chiamati batteriofagi che infettano i batteri nell’intestino, non le cellule umane. I bambini che portano batteriofagi che mirano a specie Bacteroides – uno dei principali gruppi di batteri intestinali – avevano più probabilità di iniziare il percorso verso il diabete.
“Precedenti studi hanno trovato che i cambiamenti nelle specie di Bacteroides sono associati allo sviluppo  del diabete di tipo 1 e qui abbiamo scoperto che i batteractidi sono associati allo sviluppo di auto-anticorpi”, ha detto Virgin. “I nostri risultati supportano l’idea che I Bacteroides o altri batteri, e i virus che li infettano, svolgano un ruolo nel processo patologico che porta al diabete”.
Quando la popolazione virale dell’intestino di ciascun bimbo è stata analizzata nel suo complesso, i ricercatori hanno scoperto che i piccini hanno intrapreso un primo passo verso il diabete e avevano una gamma più limitata di virus rispetto agli altri.
Virgin e Zhao hanno iniziato studi sugli animali per capire quali effetti hanno i circovirus sul sistema immunitario e se il virus può prevenire il diabete.
“C’è una grande verifica che deve essere fatta”, ha detto Virgin. “Dobbiamo vedere se possiamo replicare questi risultati in un altro gruppo di bambini, e poi dobbiamo dimostrare la causalità in un modello di animali. Ma se questi risultati restano, possiamo un giorno essere in grado di prevenire il diabete di tipo 1 trattando i bambini con i circovirus. Vale la pena di indagare.



Pomodoro a sorpresa

Pomodoro a sorpresa
Print
Tipo ricetta: Verdure
Tipo cucina: Italiana
Autore:
Tempo preparazione:
Tempo totale:
Porzione: 4
Un piatto freddo, ove il pomodoro da "contorno" si autopromuove a piatto di portata, diventando "contenitore" di una composta aromatica e gustosa.
Ingredienti
  • pomodori (500 g)
  • uova (n. 2)
  • acciuga sotto sale (n. 2 filetti)
  • funghi sott´olio (n. 1 cucchiaio)
  • capperi sotto aceto (n. 1 cucchiaio)
  • maionese (n. 4 cucchiai)
  • senape (n. 1 cucchiaino)
  • lattuga (n. 4 foglie)
  • sale (q.b.)
Preparazione
  1. - Lavare, asciugare i pomodori
  2. - Tagliare la calotta e asportare la polpa con un cucchiaino
  3. - Salare l´interno dei pomodori e sistemarli capovolti su un tagliere e lasciare riposare per 30 minuti (per eliminare l´acqua di vegetazione)
  4. - Rassodare le uova
  5. - Sciacquare i capperi e scolarli
  6. - Scolare i funghi e dividerli a metà
  7. - Dissalare le acciughe e tritarle finemente
  8. - Mescolare la senape, la maionese, le uova schiacciate con una forchetta i funghi, i filetti di acciuga e i capperi
  9. - Asciugare l´interno dei pomodori con della carta da cucina
  10. - Riempirli con il composto preparato
  11. - Foderare una coppetta di cristallo con una foglia di lattuga lavata e asciugata (una coppetta per ogni pomodoro)
  12. - Adagiare in ogni coppa un pomodoro e servire
Dose per persone: 100 grammi Calorie: 182 Grassi: 14 Carboidrati: 6 Proteine: 7

Ratatouille

Ratatouille
Print
Tipo ricetta: Verdure
Tipo cucina: Francese
Autore:
Tempo preparazione:
Tempo cottura:
Tempo totale:
Porzione: 4
E´ un ragù (o alla francese: ragout) di verdure, di origine nizzarda. Nella versione originale le verdure erano soffritte separatamente e poi riunite per una comune cottura.
Ingredienti
  • melanzane (300g)
  • peperoni (150g)
  • pomodori maturi (400g)
  • zucchine (400g)
  • olio di oliva (n. 2 cucchiai)
  • aglio (n. 2 spicchi)
  • basilico (n. 15 foglie)
  • prezzemolo (n. 3 ciuffi)
  • sale (q.b.)
  • pepe (q.b.)
  • cipolla (n. 1 cipolla piccola)
Preparazione
  1. - Lavare le melanzane e privarle del gambo
  2. - Tagliarle a dadini senza sbucciarle
  3. - Cospargerle di sale, lasciarle spurgare per circa 1 ora in un colapasta poi sciacquare e asciugare
  4. - Affettare l´aglio
  5. - Mondare e tagliare a strisce i peperoni
  6. - Lavare, spuntare e tagliare a fettine spesse le zucchine
  7. - Scaldare l´olio in un tegame, imbiondirvi le cipolle e l´aglio
  8. - Sbucciare i pomodori (per facilitare l´operazione tuffarli in acqua bollente e poi in acqua fredda)
  9. - Privarli dei semi e tagliarli a pezzettini
  10. - Unirli al soffritto e lasciarli insaporire
  11. - Aggiungere i peperoni, le melanzane e le zucchine
  12. - Incorporare il prezzemolo ed il basilico legati a mazzetto salare e pepare
  13. - Coprire e cuocere per 30 minuti a fuoco moderato
  14. - Togliere gli odori, servire la ratatouille cosparsa di prezzemolo e basilico
Dose per persone: 100 grammi Calorie: 119 Grassi: 8 Carboidrati: 9 Proteine: 3,6

Pag 1 of 1412345...10...Ultima »

Diabete

Il diabete tipo 1 sul groppone da un giorno o 54 anni? Non perdere la fiducia e guarda avanti perché la vita è molto di più, e noi siamo forti!
Non sono un medico. Non sono un educatore sanitario del diabete. Non ho la laurea in medicina. Nulla in questo sito si qualifica come consulenza medica. Questa è la mia vita, il diabete – se siete interessati a fare modifiche terapeutiche o altro al vostra patologia, si prega di consultare il medico curante di base e lo specialista in diabetologia. La e-mail, i dati personali non saranno condivisi senza il vostro consenso e il vostro indirizzo email non sarà venduto a qualsiasi azienda o ente. Sei al sicuro qui a IMD. Roberto Lambertini (fondatore del blog dal 3/11/2007).

Newsletter



Informazione

Avete un evento, manifestazione (sportiva e non), convegno sul diabete o legato ad esso? Se la risposta è sì fatemelo sapere attraverso l'invio dei dati e iinformazioni scrivendole nel form presente all'interno della pagina Scrivimi del blog. Le iniziative predette saranno publicizzate all'interno di questo spazio gratuitamente e immediatamente. Grazie per il vostro interesse Roberto Lambertini

Eventi

Sommario post

Categorie post

Commenti recenti

IMD è mobile

Il Mio Diabete social

Il mio diabete

Promuovi anche tu la tua Pagina

Instagram

Google+





Visualizza il profilo LinkedIn di Roberto Lambertini Visualizza il profilo di Roberto Lambertini

Blogosfera

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog


2016 Image Banner 120 x 600