American Diabetes Association

Pag 1 of 1512345...10...Ultima »

ADA aggiorna le linee guida sull’ipertensione nel diabete

Controllo pressione

DIABETEASY per partecipare clicca qui

Per la maggior parte dei pazienti con diabete e ipertensione, una combinazione tra monitoraggio della pressione sanguigna clinico e a casa, un obiettivo BP inferiore a 140/90 mm Hg, un trattamento antiipertensivo individualizzato e una modifica dello stile di vita sono fondamentali per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari aterosclerotiche , Insufficienza cardiaca e complicazioni microvascolari, secondo le nuove linee guida rilasciate dall’American Diabetes Association.

L’affermazione, redatta da nove esperti diabetologi per conto dell’ADA, aggiorna gli ultimi progressi in materia di assistenza, poiché l’associazione aveva pubblicato le precedenti  sull’argomento nel 2003. L’aggiornamento incorpora i risultati di recenti prove degne di nota BP, tra cui ACCORD, ADVANCE, SPRINT e la terapia ottimale per il trattamento in terapia ipertensiva (HOT), e include un nuovo algoritmo grafico aggiunto per il trattamento dell’ipertensione accertata nei pazienti diabetici.

“Ci sono un certo numero di nuovi risultati in questo documento”, ha detto  George Bakris, MD, professore di medicina e direttore del ASH Comprehensive Hypertension Center presso la University of Chicago Medicine e co-autore della dichiarazione. “C’è una raccomandazione per controllare la BP permanente nelle visite iniziali tra le persone con diabete onde valutare sia la funzione autonoma che l’esaurimento del volume potenziale. Mentre c’è una posizione forte per ottenere come obiettivo una BP inferiore a 140/90 mm Hg, e c’è una chiara raccomandazione per una BP di meno di 130/80 mm Hg una volta che il paziente capisce di avere un elevato rischio CV “.

Le analisi successive di un follow-up a lungo termine di ACCORD (ACCORDIAN) e di più meta-analisi in migliaia di pazienti suggeriscono che una BP inferiore a 140 mmHg mostra chiaramente una riduzione significativa degli eventi cardiovascolari e una rallentata progressione della nefropatia, Bakris afferma.

“Coloro che ottengono una BP inferiore a 130 mm Hg mostrano una ulteriore, seppur minore, riduzione degli eventi CVD, ma non degli eventi renali”, ha detto.

I piani di gestione dello stile di vita per abbassare la BP sono anche evidenziati nella linea guida e includono suggerimenti sulla perdita di peso, nutrizione e aumento dell’attività fisica. La dichiarazione descrive inoltre l’approccio consigliato per l’uso di farmaci nel trattamento dell’ipertensione nelle persone affette da diabete, che dipende dalla BP iniziale, dalla salute del rene, dalla risposta al trattamento e dagli effetti avversi.

Gli ACE inibitori non sono indicati – e non devono essere usati – negli adulti che sono normotensivi o hanno microalbuminuria, indipendentemente dal livello di BP del paziente, ha detto Bakris. E’ inevitabile l’inibizione del sistema renina-angiotensina (RAS) nelle persone con escrezione di albumina di almeno 300 mg al giorno che hanno l’ipertensione, ha detto, e vi è una raccomandazione per evitare una BP diastolica inferiore a 60 mm Hg.

“In quelli con ipertensione e meno di 300 mg di albuminuria, è indicata la terapia iniziale con un bloccante RAS, un bloccante dei canali di calcio o un diuretico simile a tiazide e quelli che sono almeno 20/10 mm Hg al di sopra dell’obiettivo BP Combinazioni di pillole singole di bloccanti RAS / bloccanti del canale di calcio o bloccanti / diuretici RAS “, ha detto Bakris.

La dichiarazione sottolinea che le donne con preesistente ipertensione o ipertensione gestazionale lieve (BP <160/105 mmHg) e nessuna evidenza di danno d’organo non devono essere trattati con i farmaci antipertensivi, in quanto non v’è alcun beneficio che superi chiaramente i potenziali rischi , hanno notato gli autori. Gli obiettivi di BP e le linee guida per la medicina includono anche per le pazienti in gravidanza con diabete che richiedono un trattamento per l’ipertensione.

La dichiarazione ha anche notato che non vi è alcuna prova che i farmaci per BP migliorino i risultati della salute nei pazienti con diabete ma senza ipertensione.

“Negli ultimi 2 decenni abbiamo visto una diminuzione della morbilità e della mortalità causate da malattie  CVD [aterosclerotiche] nei pazienti diabetici e le prove indicano che i progressi nel controllo della pressione sanguigna sono probabilmente la chiave di tali miglioramenti”, William T. Cefalu, MD, Capo scientifico, medico e ufficiale di missione per l’ADA, ha detto in un comunicato stampa. “Dato che si sono stati progressi clinici e farmacologici, è indispensabile che i medici, gli educatori e i pazienti diabetici rimangano al passo con le raccomandazioni più attuali di cura le quali possono portare a una migliore salute cardiovascolare per le persone diabetiche e, in ultima analisi, a scongiurare le complicazioni correlate “.

Il documento è pubblicato online in Diabetes Care



Il diabete tipo 2 può essere monitorato con le nostre ricerche su Google

L’emergere del diabete di tipo 2 potrebbe essere monitorato in modo più efficace usando le nostre ricerche di Google, aiutando i funzionari della sanità pubblica a tenere traccia della malattia e fermare la sua diffusione – secondo la ricerca dell’Università di Warwick e pubblicata in Nature’s Scientific Reports.

Guidato da Nataliya Tkachenko nel Dipartimento di Scienze Informatiche, un nuovo studio propone che parole chiave immesse nei motori di ricerca – o pubblicate su social media – che sono correlate a sintomi e fattori di rischio del diabete, forniscono informazioni accurate in tempo reale su come è probabile che la malattia si propaghi in aree specifiche e quali sono le condizioni sottostanti.

I ricercatori hanno esaminato i fattori di rischio del diabete da due principali modelli di sorveglianza del Regno Unito che controllano la malattia in coloro che sono in pericolo di svilupparlo o ne soffrono già – tra cui il sesso, l’età, il peso, l’indice di massa corporea , le abitudini di vita e storia familiare del diabete.

Hanno quindi analizzato i dati di Google Trends da parte delle persone della zona centrale di Londra e hanno confrontato i tassi di fluttuazione settimanali delle parole chiave ricercate correlate a questi fattori di rischio, tipo: “come perdere peso”, “come smettere di fumare” e le ricerche sullo stesso” Diabete”.

“I comportamenti di auto-diagnosi online possono essere efficacemente finanziati come strumenti di monitoraggio sanitario in tempo reale, con tutto il potenziale utile a prevedere le malattie croniche e non trasmissibili.

“A differenza della diffusione di malattie (ad es., influenza), tali condizioni hanno uno sviluppo lento e sono in gran parte dipendenti dagli stili di vita personali e comunitari, fattori attualmente scomparsi nei modelli di screening. I comportamenti on-line umani potrebbero contribuire a colmare il divario tra” Il paesaggio mondiale della sanità umana e gli strumenti di monitoraggio sintetici, prevalentemente biocentrici “.

Il diabete di tipo 2 è una crescente preoccupazione per la salute pubblica nel Regno Unito e richiede numerosi test medici diagnostici complessi per identificare la patologia (inclusi test fisici, campioni di urina, test di glucosio nel sangue e test per misurare il livello di insulina nel sangue).

Le persone si rivolgono sempre più a Internet per auto-diagnosi di malattie. Nel 2015, il 21,8% delle persone in Gran Bretagna ha scelto di autocertificare le malattie utilizzando Internet, invece di consultare la famiglia o i medici – secondo Google UK. Le tracce del motore di ricerca costituiscono pertanto un pool di dati crescente, che può essere sfruttato dai professionisti della salute e dai decisori per progettare programmi di screening di nuova generazione.

I dati in linea dei motori di ricerca e dei social media sono in gran parte inutilizzati dai professionisti medici, ma potrebbero rivoluzionare il modo in cui i diabetici di tipo 2 e altre gravi condizioni croniche vengono presentati in tempi e in aree geografiche specifiche.

Essere in grado di tenere traccia delle malattie così come emergono e individuare i rischi che potrebbero causare dalla loro ulteriore diffusione, diverrebbe utile per informare i funzionari della sanità pubblica sul modo migliore per affrontarle.



Composta di pompelmi con bresaola e rucola

Composta di pompelmi con bresaola e rucola
Print
Tipo ricetta: Antipasti
Tipo cucina: Italiana
Autore:
Tempo preparazione:
Tempo totale:
Porzione: 4
Una sorta di insalata composita, rinfrescante, adatta all´alimentazione estiva, ma capace di fare la sua bella figura come antipasto non tradizionale.
Ingredienti
  • bresaola (100 g)
  • succo di limone (4 cucchiai)
  • pompelmi rosati (n. 2)
  • cuori di lattuga (n. 2)
  • rucola (50 g)
  • olio extravergine d´oliva (2 cucchiai)
  • senape (1 cucchiaino)
  • sale (q.b.)
  • pepe (q.b)
Preparazione
  1. - Dividere i pompelmi a metà orizzontalmente
  2. - Estrarre la polpa con un coltellino
  3. - Ricavare i mezzi spicchi e privarli della pellicina bianca
  4. - Tagliare a listerelle molto sottili la bresaola
  5. - Lavare e mondare la rucola e la lattuga
  6. - Tagliare a striscioline le verdure
  7. - Unire in un insalatiera la bresaola, le verdure e la polpa di pompelmo
  8. - Sbattere in una scodella il succo di limone con il sale e il pepe
  9. - Unire la senape e l´olio
  10. - Condire con la salsa l´insalata e mescolare
  11. - Riempire con la preparazione i 4 pompelmi svuotati e servire
Dose per persone: 100 grammi Calorie: 149 Grassi: 9 Carboidrati: 8 Proteine: 10

Attività fisica su misura della condizione diabetica del paziente

Protocolli e pratica personalizzate per fare esercizio fisico possono variare a seconda della condizione diabetica specifica che una persona ha, questo emerge dal congresso annuale in base dell’American Association of Nurse Practitioners.

“Non ci sono scuse per non esercitarsi se hai il diabete con una comorbilità.E’ solo una scusa,” Afferma Geraldine Q. Young, DNP, APRN, FNP-BC, CDE , Alcorn State University, Natchez, Mississippi. “Questo protocollo è stato progettato per aiutare i pazienti con il diabete ad impegnarsi nell’esercizio fisico indipendentemente dalla comorbilità.”

Il diabete è attualmente la settima causa di morte negli Stati Uniti, e che, sulla base delle tendenze attuali, 1 su 3 americani avranno diabete entro il 2050. Inoltre, l’American Diabetes Association afferma che il costo totale stimato dei diabetici diagnosticati nel 2012 è stato di $ 176 miliardi di dollari in spese mediche dirette e $ 69 miliardi di dollari in una minore produttività.

Young ha detto di aver inizialmente reclutato 30 pazienti con diabete di tipo 2 per il suo studio. L’età media dei partecipanti era di 57.5 anni, l’80% era di sesso femminile, e il 96% erano neri. I partecipanti hanno ricevuto un questionario che ha esaminato i comportamenti precedenti correlate, fattori personali, così come i benefici e le difficoltà nel fare esercizi fisic, A1C, indice di massa corporea e circonferenza vita sono stati tutti misurati al basale.

Secondo il manifesto di Young:

• pazienti con retinopatia diabetica nello studio hanno ricevuto un protocollo di pratica dell’esercizio fisico  camminando (marcia), nuoto e/o in sella a una cyclette  da camera stazionaria. Evitare jogging, sport di contatto di, sollevamento pesi e/o eventuali movimenti della testa tensivi o rapidi;

• pazienti con nefropatia diabetica nello studio ha ricevuto un protocollo di pratica dell’esercizio fisico:camminando (marcia), nuoto e/o esercizio di intensità lieve o moderata. Evitare esercizio fisico intenso e/o prolungata;

• pazienti con diabete nello studio che non hanno avuto complicazioni hanno ricevuto un protocollo di esercizio fisico camminando di buon passo, aerobica in acqua, andare in bicicletta, tennis e ballo e/o balli di gruppo;

• pazienti con neuropatia diabetica periferica nello studio hanno ricevuto un protocollo di esercizio con nuoto, in sella a una cyclette da camera e/o un vogatore, ed evitare di fare jogging, passeggiate e/o arrampicate vivaci;

• pazienti con neuropatia diabetica autonomica nello studio hanno ricevuto un protocollo di esercizio per camminare, nuotare e utilizzando un tapis roulant a casa, evitare intenso esercizio fisico e prolungata.

I 24 dei partecipanti sono tornati per un esame di follow-up dopo 8 settimane. Di questi, il 54% aveva HbA1C tornata alla normalità, e il 50% vedeva diminuzioni nelle loro circonferenze BMI e peso.

“I benefici dell’esercizio fisico sono cresciuti, e le barriere che lo impedivano diminuite, sulla base della prescrizione personalizzata su misura del paziente”, ha detto.



Monitoraggio continuo glicemico: dove stanno i problemi? Una interessante indagine made in USA da San Diego

I medici e operatori sanitari sono e restano un fattore chiave per rendere disponibili i pazienti ad adottare la tecnologia avanzata per la terapia e controllo del diabete.

“L’adozione della tecnologia CGM (monitoraggio continuo glicemia) è basso rispetto al microinfusore per insulina e non viene così rapidamente adottato come si prevedev anni fa,” Molly L. Tanenbaum, PhD, una psicologia borsista post-dottorato presso la Stanford University School of Medicine, ha detto durante una presentazione . “Sappiamo che il CGM porta benefici oggettivi, come aumento del tempo nel range di riferimento, diminuzione degli eventi ipoglicemici e una migliore qualità della vita.”

Per comprendere meglio il ruolo degli operatori sanitari nell’adozione e problematiche circa l’accesso e continuità operativa della tecnologia per il diabete, Tanenbaum e colleghi hanno esaminato 209 tra medici e specialisti sanitari che trattano pazienti con tale malattia: 47% erano infermieri, il 22% dietologi, il 15% erano endocrinologi e il 16% educatori del diabete certificati; 92% erano donne, il 59% erano di età superiore a 49 anni e il tempo medio di anzianità di servizio, in pratica, era di 14 anni. Gli operatori sono stati invitati a rispondere se la tecnologia facilitava il loro operato, se hanno avuto il tempo per tenere il passo con i cambiamenti nella tecnologia e di aiutare i pazienti in clinica con i dispositivi e i dati raccolti. 

I ricercatori hanno descritto che il 39% degli intervistati come è ancora pronto ad incoraggiare i pazienti ad adottare il CGM. Tale gruppo ritiene che il CGM non apporti benefici ai loro pazienti. Hanno riferito di aver avuto troppo poco tempo per utilizzare i dati CGM con i loro pazienti in clinica. Questo gruppo ha anche evidenziato le difficoltà a tenere il passo con le nuove tecnologie. Solo il 18% dei loro pazienti usa CGM, la maggior parte dei loro pazienti era affetto da diabete di tipo 2, e gli stessi operatori hanno in carico pazienti adulti in stragrande maggioranza anziché pediatrici o giovani.

Il 20%  degli intervistati ha indicato che erano pronti ad adottare le nuove tecnologie per il diabete e crede nell’uso CGM e del suo beneficio per i pazienti. Hanno riferito di aver avuto abbastanza tempo per aiutare i pazienti con la tecnologia e revisione dei dati. Circa il 33% dei loro pazienti utilizzano CGM; hanno avuto la più alta percentuale di pazienti con diabete di tipo 1 e il loro mix di assistiti erano in prevalenza  in età pediatrica che giovani adulti.

L’altro 41% degli intervistati sono stati designati come “prudente” nell’adottare la tecnologia del diabete. Circa il 30% dei loro pazienti stava usando CGM. Hanno trattato diabetici e adulti di tipo 1 e di tipo 2 così come i bambini.

“Quello che si è distinto su questo gruppo era il loro principale ostacolo fosse derivato dalle difficoltà di “comprendonio” dei loro pazienti all’uso del CGM”, ha detto Tanenbaum. “Se avessero dei modi per superare queste barriere, potremmo potenzialmente vedere un cambiamento dei tassi di assorbimento CGM.”

Questi operatori hanno riferito che i pazienti diventerebbero “nervosi” per fare affidamento sulla tecnologia: i pazienti non amano indossare dispositivi e temono circa il loro malfunzionamento in corso d’opera.

“Mentre lavoriamo per affrontare gli ostacoli dei pazienti, e capire meglio come gli strumenti lavorano con loto, vogliamo fare in modo di essere in grado di allineare  medici ed e pazienti in modo che siamo sulla stesso pezzo per superare barriere e difficoltà“, ha detto Tanenbaum.



Pag 1 of 1512345...10...Ultima »

Diabete

Il diabete tipo 1 sul groppone da un giorno o 54 anni? Non perdere la fiducia e guarda avanti perché la vita è molto di più, e noi siamo forti!
Non sono un medico. Non sono un educatore sanitario del diabete. Non ho la laurea in medicina. Nulla in questo sito si qualifica come consulenza medica. Questa è la mia vita, il diabete – se siete interessati a fare modifiche terapeutiche o altro al vostra patologia, si prega di consultare il medico curante di base e lo specialista in diabetologia. La e-mail, i dati personali non saranno condivisi senza il vostro consenso e il vostro indirizzo email non sarà venduto a qualsiasi azienda o ente. Sei al sicuro qui a IMD. Roberto Lambertini (fondatore del blog dal 3/11/2007).

Newsletter



Informazione

Avete un evento, manifestazione (sportiva e non), convegno sul diabete o legato ad esso? Se la risposta è sì fatemelo sapere attraverso l'invio dei dati e iinformazioni scrivendole nel form presente all'interno della pagina Scrivimi del blog. Le iniziative predette saranno publicizzate all'interno di questo spazio gratuitamente e immediatamente. Grazie per il vostro interesse Roberto Lambertini

Eventi

Sommario post

Categorie post

Commenti recenti

IMD è mobile

Il Mio Diabete social

Il mio diabete

Promuovi anche tu la tua Pagina

Instagram

Blogosfera

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog


2016 Image Banner 120 x 600