Apple Music

La prescrizione sociale di attività migliora la salute e benessere nei diabetici e malati cronici

Palestre, gruppi a piedi, giardinaggio, club di cucina e volontariato hanno dimostrato di lavorare per migliorare la salute e il benessere riportati da un gruppo di persone sul lungo termine.

La chiave del successo è stata un ‘Link Worker’ che ha aiutato i partecipanti a selezionare la loro attività e li ha sostenuti per tutto il programma.

Lo studio approfondito da parte degli accademici dell’Università di Newcastle (Regno Unito)mostra come la prescrizione sociale di attività non mediche aiuta le persone con patologie croniche ed è pubblicato oggi in BMJ Open.

di supportoIl dottor Suzanne Moffatt , lettore in Gerontologia sociale, ha dichiarato: “I risultati dimostrano che la prescrizione sociale, come offerta di impegno per chi, ad esempio, soffre di malattie cardiache, dando l’opportunità di partecipare ad un club di giardinaggio, funziona.

“Le persone che hanno partecipato allo studio hanno detto che la prescrizione sociale li ha resi più attivi, e aiutati a perdere peso e si sentivano meno ansiosi e isolati, per cui stavano meglio.

“E’la prima volta che questi tipi di interventi non medici sono stati completamente analizzati per iaproblemi di salute fisica e i risultati sono molto incoraggianti.

“Quello che anche lo studio ha evidenziato è l’importanza specifica per la persona singola, un Link Worker, per aiutare le persone con problemi a trarre benefici per il loro benessere”.

Non un aiuto medico

I partecipanti hanno riportato di sentirsi profondamente colpiti, fisicamente, emotivamente e socialmente dai loro problemi di salute. Essi hanno dettagliato gli effetti fisici tra cui il dolore, problemi di sonno, effetti collaterali del farmaco e problemi significativi funzionali,  molti hanno spiegato come tutto questo li aveva portati alla depressione e all’ansia e il quadro peggiorava con il divenire più anziani.

Nelle interviste hanno spiegato come, lavorando con un Link Worker, per trovare la giusta attività e per ottenere il supporto nell’affrontare problemi finanziari avevano la fiducia in se stessi, l’autostima e l’indipendenza.

Attività come il giardinaggio, i club di ballo e il lavoro volontario li hanno aiutati a perdere peso e aumentare il fitness che porta a persone a gestire meglio il dolore e la stanchezza, sentendosi meno isolati socialmente e influenzando positivamente l’autostima e il benessere mentale.

 

A chi si rivolge?

Le persone che hanno asma, malattie polmonari ostruttive croniche, diabete (tipo 1 o tipo 2), malattie cardiache, epilessia, osteoporosi, e una qualsiasi di queste condizioni con depressione e/o ansia sono idonee per lo schema.

Il Link Worker aiuta anche i pazienti ad accedere ad altri supporti, servizi e attività locali.



A qualcuno piace al freddo

Suggerimenti per abbracciare la vita all’aria aperta e godersi l’esercizio nel corso della stagione invernale.
Se l’inverno dalle nostre latitudini fa il suo mestiere coloro che amano fare attività fisica, tenersi allenati o comunque non restare fermi opteranno per un post sul tapis roulant nel centro benessere o qualche addominale in palestra. Ma se ci troviamo a vivere in un clima freddo, con alcuni accorgimenti e le necessarie precauzioni possiamo fare la nostra corsetta all’aperto con qualsiasi clima. Vediamo come.

A seconda di quanto sia freddo o nevoso, il più grande ostacolo è nella tua testa. Quindi non pensare troppo. Basta vestirsi correttamente e spingere te stesso fuori dalla porta, perché niente è meglio  per te stesso che aver camminato in un giorno di neve a gennaio.
Ecco alcuni suggerimenti per affrontare la stagione fredda:
Come vestirsi
In caso di dubbio, giocare sul sicuro. “Se è particolarmente freddo, un corridore deve assicurarsi di non avere pelle esposta”, dice Joshua Blomgren, DO, uno specialista di medicina dello sport alla Rush.
A livelli:  coprirsi a strati, tra cui un mix di cime leggero e leggermente più spesso, con un guscio leggero o una giacca se è più freddo o in caso di vento. E come ogni corridore veterano sa, non indossare cotone. riduttori sintetici come Nike Dri-FIT per favorire la traspirazione dalla pelle in modo da rimanere più caldi. prodotti di lana nuovi ci aiutano anche a tenerci più caldi e asciutti.
Cappelli e guanti: Probabilmente c’è bisogno di dire che avrete bisogno di questi accessori, si può perdere un sacco di calore dalla testa e mani. L’aria fredda può anche irritare i polmoni quando ci si sta esercitando, Blomgren dice, nei giorni di super-freddo, indossiamo una sciarpa o passamontagna sopra la bocca e il naso contribuiranno a riscaldare l’aria prima di respirarla.
Pantaloni: Alcune persone sono a disagio a portare i collant, ma forniscono calore e comfort con freddo. Se non si riesce a portarli, indossarli, ci sono i classici “mutandoni” elasticizzati ma con meno opzioni di rapporto forma-montatura.
Prodotti catarifrangenti: Se è nuvoloso e grigio, e in particolare col buio, occorre indossare alcuni capi di abbigliamento dai colori brillanti o un giubbotto catarifrangente così i conducenti di autoveicoli ci possono vedere. 
Cosa portare
Acqua: Anche quando è freddo , è importante rimanere idratati. In condizioni climatiche molte fredde, con il gelo le fontane pubbliche sono spesso chiuise durante i mesi invernali, quindi se si stanno facendo oltre 3 chilometri  portiamoci una bottiglia d’acqua con noi. 
Abiti freschi: non appena abbiamo finito la nostra corsa, assicuriamoci di cambiare rapidamente gli indumenti con vestiti asciutti. Il nostro vestiario intriso di sudore non sente il caldo e l’esposizione prolungata potrebbe portare a ipotermia pericolosa.
Denaro e documenti: Portare sempre con sé un documento d’identità, in caso in d’incidente, insieme con denaro contante per prendere un taxi. Oltre al telefono mobile.
Affrontare gli elementi
Freddo: I primi minuti potrebbero sembrare duri. Ma il tuo corpo si riscalda rapidamente dopo aver avviato l’esercizio, e poi, come un orologio, sarai a tuo agio.
Vento: Prestare attenzione al modo in cui soffia il vento. Raffiche che non si sentono neppure quando sono alle spalle può sembrare brutalile quando ci si gira intorno. Alcuni corridori preferiscono affrontare il vento nella prima parte di una corsa così da avere un percorso più comodo nel finale.
Neve: Un po’ di neve non dovrebbe essere sufficiente a fermarci, evitare i percorsi e strade non ben sgombrate dalla neve, in ogni modo rallentare il passo. Se necessario, è possibile collegare dispositivi di trazione, come Yaktrax, alle scarpe per aver avere maggiore sicurezza.
Ghiaccio:  Le condizioni più impegnative vengono spesso dopo che la neve si è sciolta e poi congela di nuovo. Se le strade e i sentieri sono troppo gelidi, potrebbe essere meglio andare dentro al sospirato/temuto tapis roulant. Nulla rovina una buona corsa come un gomito fratturato.




Diabete

Il diabete tipo 1 sul groppone da un giorno o 54 anni? Non perdere la fiducia e guarda avanti perché la vita è molto di più, e noi siamo forti!
Non sono un medico. Non sono un educatore sanitario del diabete. Non ho la laurea in medicina. Nulla in questo sito si qualifica come consulenza medica. Questa è la mia vita, il diabete – se siete interessati a fare modifiche terapeutiche o altro al vostra patologia, si prega di consultare il medico curante di base e lo specialista in diabetologia. La e-mail, i dati personali non saranno condivisi senza il vostro consenso e il vostro indirizzo email non sarà venduto a qualsiasi azienda o ente. Sei al sicuro qui a IMD. Roberto Lambertini (fondatore del blog dal 3/11/2007).

Newsletter



Informazione

Avete un evento, manifestazione (sportiva e non), convegno sul diabete o legato ad esso? Se la risposta è sì fatemelo sapere attraverso l'invio dei dati e iinformazioni scrivendole nel form presente all'interno della pagina Scrivimi del blog. Le iniziative predette saranno publicizzate all'interno di questo spazio gratuitamente e immediatamente. Grazie per il vostro interesse Roberto Lambertini

Eventi

  • Nessun evento

Sommario post

Categorie post

IMD è mobile

Il Mio Diabete social

Il mio diabete

Promuovi anche tu la tua Pagina

Instagram

Blogosfera

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog


2016 Image Banner 120 x 600