Blood sugar

Pag 1 of 1912345...10...Ultima »

Io l’insulina non ho per questo me la fo

Pensavate me lo fossi scordato eh? Invece no! anche se il 99% dei diabetici, dei diabetologi manco lo sa cosa è successo 96 anni fa!

96 anni fa precisamente il 27 luglio 1921 venne dato l’annuncio universale della realizzazione dell’insulina come farmaco da parte di un gruppo di ricercatori, scienziati canadesi

Frederick Banting, e uno studente in medicina suo assistente, Charles Best, isolarono una sostanze che, iniettata ai cani resi diabetici (ricordiamo le precedenti esperienze di Minkowski e Von Mering), li riportava alla normalità, eliminando lo zucchero in eccesso dal sangue e dalle urine. John MacLeod, nel cui laboratorio dell’Università di Toronto i due lavoravano, fu molto interessato ai loro studi e suggerì anche il nome della nuova molecola. Poiché era prodotta dalle isole pancreatiche, regioni ben definite del pancreas che producono ormoni, consigliò di battezzarla insulina. La sostanza ottenuta da Banting e Best nel cane fu estratta e purificata successivamente anche dal pancreas dei bovini. E proprio l’insulina bovina venne utilizzata per la prima volta nell’uomo. A fungere da cavia consenziente fu un amico di Banting, esasperato dal proprio diabete. Dopo le iniezioni di insulina la sua salute migliorò nettamente, dando il via a una nuova era nella terapia del diabete. Fino ad allora, infatti, l’unica cura possibile era la dieta, che doveva essere rigida e moderata. Gli accorgimenti di tipo restrittivo nell’alimentazione facevano migliorare il quadro clinico, ma non ottenevano grossi risultati, a lungo andare. L’avvento dell’insulina cambiò il destino di tanti malati, trasformando la loro vita. La scoperta dell’ormone era tanto importante da consentire a Banting e MacLeod, con il disappunto di Best, tagliato fuori dai due(ricordiamo che in seguito Banting decise di condividere il Premio con Best), di ricevere il premio Nobel per la medicina e la fisiologia due soli anni dopo la loro scoperta. Un record di rapidità rimasto ineguagliato, vista l’usuale lentezza degli accademici svedesi nel riconoscere il merito dei premiati.

Sono trascorsi 96 anni da quel giorno: e il tempo passa tra quattro anni saranno i 100, un secolo; e fu a partire da quella fatidica data che tutti i diabetici privi d’insulina, oggi denominati pazienti con diabete tipo 1, potevano contare sul farmaco che gli avrebbe consentito di continuare a vivere. Anche oggi come ogni anno, e sempre in questo piccolo angolo di rete, desidero ricordare testimoniare una data ai più dimenticata, omessa. Quante cose diamo per scontate, usiamo con spregio e sciatteria magari, senza sapere il tanto lavoro e impegno che c’è stato per la loro realizzazione. L’insulina questa scoperta dimenticata che fa parte della storia e realtà quotidiana dell’umanità, di noi diabetici tutti. Oggi tutti, chi più chi meno aneliamo alla guarigione ma dobbiamo ricordare come tutto fa parte di una catena e allora per un attimo riflettiamo e ricordiamo. A proposito: in Italia mai nulla è stato dedicato a Banting e soci in memoria di questa importante e vitale scoperta – l’insulina – né una strada un vicolo una rotonda un monumento dove far depositare gli escrementi ai piccioni e altri volatili. Sveglia che aspettiamo?

Grazie Banting, Best e tutti coloro che per primi fecero da pionieri in una delle tappe più importanti nella storia della medicina moderna.



Ciro una volta

C’era una voglia e adesso non c’è più: quella di impegnarsi per un obiettivo, un qualcosa da raggiungere nella vita per migliorarsi e migliorare gli altri, anche quanto ci circonda. Forse le vogli cambiano oppure semplicemente svaniscono grazie al venire meno delle aspettative rimaste schiacciate tra illusioni e delusioni.

Le favole, semplici lezioni di morale comune, quelle sono svanite da un po’, tra la merceologia del moderno, innovativo che poi così nuovo non mi sembra.

La neuropatia autonomica pone dei problemi fisiologici non più rinviabili, tra qui

alterazioni cardiovascolari

ipotensione ortostatica, quindi un calo pressorio passando dal clinostatismo all’ortostatismo

tachicardia a riposo

allungamento del tratto QT all’ECG che predispone all’insorgenza di aritmie o alla morte improvvisa

alterazioni gastrointestinali

ritardato svuotamento dello stomaco

difficoltà a defecare

gastroparesi

alterazioni urologiche/genitali

disfunzioni vescicali, difficoltà a orinare

vescica neurogena

Oltre ad essere questioni molto critiche per l’organismo sono, senza tante finezze letterarie, una gran bella rottura di coglioni. Ma state sereni: non sono per tutti ma per pochi eletti diabetici tipo 1 e comunque ai giovani adulti non interessano.

Ma occorre avere consapevolezza in quanto, tranne il solito mantra del buon compenso glicemico, rimedi terapeutici non esistono.

E così, indipendentemente da come andranno le cose da qui al prossimo novembre 2017, per l’iniziativa finale in occasione dei 10 anni del blog, dopo comincerò col prendermi un periodo sabbatico da buona parte degli impegni presi con la realtà diabetica, tranne che per la gestione del blog medesimo.



Molti diabetici di tipo 1 producono ancora insulina 


L’insulina viene ancora prodotta in quasi la metà dei pazienti che hanno avuto il diabete di tipo 1 per più di dieci anni. Lo studio condotto dai ricercatori dell’Università di Uppsala, in Svezia è stata ora pubblicata online dalla rivista medica Diabetes Care. Il diabete di tipo 1, una malattia cronica che debutta soprattutto durante l’infanzia o l’adolescenza, si è sempre pensato che provocasse la perdita completa della produzione di insulina nei pazienti. Tuttavia, con l’uso di dosaggi di insulina sofisticati che sono stati introdotti negli ultimi anni, questo è ora dimostrato non essere vero in tutti i casi.

In uno studio dell’Università di Uppsala più di un centinaio di diabetici tipo 1  sono stati esaminati all’Uppsala University Hospital. Quasi la metà dei pazienti adulti che hanno avuto il diabete di tipo 1 da almeno dieci anni ancora producono insulina.

Lo studio ha mostrato notevoli differenze nel sistema immunitario tra i pazienti con perdita completa della loro produzione di insulina e pazienti che ancora producono insulina. I pazienti con residua produzione di insulina avevano molti più alti livelli ematici di interleuchina-35, una proteina anti-infiammatoria, un segnale di recente scoperta del sistema immunitario. Hanno anche molte più cellule immunitarie che producono l’interleuchina-35 e smorzano gli attacchi del sistema immunitario.

Non è ancora noto se i pazienti hanno livelli più alti di interleuchina-35 già al momento della comparsa della malattia, o se tali livelli sono aumentati nel corso degli anni, fermando gli attacchi del sistema immunitario verso le cellule produttrici di insulina come risultato. Un precedente studio dallo stesso gruppo di ricerca ha dimostrato che entrambi i pazienti con nuova diagnosi di diabete di tipo 1 e i pazienti con malattia di lunga data, in media, hanno più bassi livelli di interleuchina-35, rispetto agli individui sani. Il precedente studio ha anche mostrato che lo sviluppo del diabete potrebbe essere impedito, e che il diabete pienamente sviluppato potrebbe essere invertito, con un trattamento tramite interleuchina-35  in modelli animali con diabete di tipo 1.

I risultati del presente studio in Diabetes Care possono aumentare l’interesse a sviluppare l’interleuchina-35 in un farmaco per il trattamento del diabete di tipo 1. La scoperta che quasi la metà dei pazienti con diabete tipo 1 diabete hanno qualche residua produzione di insulina rende anche interessante per lasciare che i pazienti testino nuove terapie che possono indurre la rigenerazione dei restanti cellule che producono insulina. Tale studio è stato avviato dall’Uppsala University Hospital.



Pomodoro a sorpresa

Pomodoro a sorpresa
Print
Tipo ricetta: Verdure
Tipo cucina: Italiana
Autore:
Tempo preparazione:
Tempo totale:
Porzione: 4
Un piatto freddo, ove il pomodoro da "contorno" si autopromuove a piatto di portata, diventando "contenitore" di una composta aromatica e gustosa.
Ingredienti
  • pomodori (500 g)
  • uova (n. 2)
  • acciuga sotto sale (n. 2 filetti)
  • funghi sott´olio (n. 1 cucchiaio)
  • capperi sotto aceto (n. 1 cucchiaio)
  • maionese (n. 4 cucchiai)
  • senape (n. 1 cucchiaino)
  • lattuga (n. 4 foglie)
  • sale (q.b.)
Preparazione
  1. - Lavare, asciugare i pomodori
  2. - Tagliare la calotta e asportare la polpa con un cucchiaino
  3. - Salare l´interno dei pomodori e sistemarli capovolti su un tagliere e lasciare riposare per 30 minuti (per eliminare l´acqua di vegetazione)
  4. - Rassodare le uova
  5. - Sciacquare i capperi e scolarli
  6. - Scolare i funghi e dividerli a metà
  7. - Dissalare le acciughe e tritarle finemente
  8. - Mescolare la senape, la maionese, le uova schiacciate con una forchetta i funghi, i filetti di acciuga e i capperi
  9. - Asciugare l´interno dei pomodori con della carta da cucina
  10. - Riempirli con il composto preparato
  11. - Foderare una coppetta di cristallo con una foglia di lattuga lavata e asciugata (una coppetta per ogni pomodoro)
  12. - Adagiare in ogni coppa un pomodoro e servire
Dose per persone: 100 grammi Calorie: 182 Grassi: 14 Carboidrati: 6 Proteine: 7

Un messaggio allunga la vita

Gloria Favela

Ispanici a basso reddito con diabete di tipo 2 che hanno ricevuto messaggi di testo relativi alla salute ogni giorno per sei mesi vedevano miglioramenti nei loro livelli di zucchero nel sangue che eguagliavano quelli risultanti da alcuni farmaci ipoglicemizzanti, i ricercatori dello Scripps Whittier Diabetes Institute lo riportano oggi .

La sperimentazione clinica denominata Dulce Digital rappresenta il primo studio randomizzato controllato circa l’uso di messaggi di testo per aiutare i meno abbienti ispanici a migliorare l’autogestione del diabete attraverso il controllo glicemico.

I risultati sono stati pubblicati su Diabetes Care in una versione pre-print on-line dello studio, che è stato programmato per essere stampato in un prossimo numero della rivista.

“Come unintervento a basso costo, crediamo che i messaggi di testo hanno un grande potenziale per migliorare la gestione del diabete, soprattutto tra i pazienti che lottano, a causa del lavoro, trasporto e altre barriere, per accedere ai servizi di assistenza sanitaria”, ha detto Athena Philis-Tsimikas, MD, vice presidente corporate di Scripps Whittier. “I dati dal nostro nuovo studio dimostra che questo è un approccio efficace.”

Il diabete è un’epidemia in rapida crescita, che affligge 29.1 milioni di americani e che costa più di $ 245miliardi all’anno, secondo il Diabetes Institute. Gli ispanici affrontano un rischio più elevato di sviluppare la malattia – 13,9 per cento rispetto al 7,6 per cento dei bianchi non-ispanici.

Lo studio Dulce Digital è stato condotto tra l’ottobre 2012 e agosto 2014 con 126 partecipanti che sono stati reclutati da Healthcare, una organizzazione sanitaria comunitaria no profit, nelle contee del sud della California di San Diego e Riverside.

I partecipanti erano o non assicurati o la ricevevano la copertura medica dall’Ente Comunale di Assistenza. La maggior parte di loro erano di mezza età, di sesso femminile, nati in Messico ed avevano una formazione scolastica elementare.

Tutti i partecipanti hanno guardato un video didattico sul diabete di 15 minuti, ricevuto un misuratore di glucosio nel sangue e le istruzioni sull’uso dello stesso, e ricevuto accesso alle cure tradizionali comprese le visite volontarie con un medico di base, un educatore del diabete certificato e formazione per l’auto-gestione del diabete di gruppo.

I 63 partecipanti che sono stati assegnati in modo casuale al gruppo di studio hanno ricevuto due o tre brevi messaggi di testo al giorno, all’inizio del processo, che sono diminuiti leggermente nel corso dei successivi sei mesi. I partecipanti hanno usato i propri cellulari, o sono stati forniti dai ricercatori, e ciascuno di loro ha ricevuto $ 12 al mese per coprire i costi dei SMS impiegati nello studio.

In media, ogni partecipante ha ricevuto 354 messaggi nel corso dello studio. I testi coprivano una serie di messaggi educativi, motivazionali e pratici. Per esempio:

Usare piccoli piatti! Così le porzioni possono sembrare più grandi e ci si può sentire più soddisfatti dopo aver mangiato.
Ci vuole una squadra! Ottenere il supporto necessario – familiari, amici e gruppi di sostegno possono aiutarci ad avere successo.
Tic, tac. Prendere il farmaco alla stessa ora ogni giorno!
È ora di controllare il livello di zucchero nel sangue. Si prega di inviare i vostri risultati.
Lo studio ha riguardato l’emoglobina A1C, un esame del sangue che misura la glicemia media nel corso degli ultimi due o tre mesi. Per le persone che non hanno il diabete, un livello di A1C normale è inferiore al 5,7 per cento.

All’inizio dello studio Dulce Digital, i gruppi dei partecipanti combinati registravano una linea di base media A1C del 9,5 per cento. Dopo tre mesi, l’A1C medio del gruppo che ha ricevuto i testi era migliorata al 8,5 per cento, mentre il gruppo di controllo ha avuto una media di A1C 9,3 per cento. A sei mesi, A1C media del gruppo di studio era ancora 8,5 per cento, mentre il gruppo di controllo ha registrato una media del 9,4 per cento.

Valley Center, California., L’artista murale Gloria Favela, 48 anni, è stata una dei partecipanti al gruppo di studio che ha visto grandi miglioramenti.

“Quando il programma è continuato, la mia A1C è scesa, e alla fine ho ottenuto un livello veramente buono,” ha detto.

Favela riferisce che i messaggi sono stati particolarmente utili nei giorni in cui la sua attenzione si è concentrata sulla pittura, non sul monitoraggio dello zucchero nel sangue o concentrandosi su ciò che stava mangiando e bevendo. “Tendo a essere molto occupata”, ha spiegato. 

Durante lo studio, i testi hanno portato la gestione quotidiana della salute alla ribalta con poco o nessuno sforzo da parte mia, ha detto Favela. “Erano bei e dolci ricordi. E ‘e hanno fatto molto per me”.

Dopo la fine del processo, il 96 per cento dei partecipanti del gruppo di studio ha detto che i messaggi di testo li ha aiutati a gestire il diabete “molto”. La stessa quantità ha detto che vorrebbe continuare a ricevere messaggi di testo digitali Dulce, e il 97 per cento consiglierebbero il programma per amici e familiari.

I ricercatori hanno anche scoperto che i partecipanti che inviavano un messaggio coi loro livelli di glucosio nel sangue più spesso avevano migliori  misure di A1C rispetto agli altri partecipanti del gruppo di studio che lo hanno fatto di meno. Essi hanno ipotizzato che il volume di testi inviati per SMS riflette un livello generale elevato di impegno e partecipazione al programma.

“Presi insieme, questi risultati suggeriscono che, su scala più ampia, un semplice approccio mediante sistema di messaggistica, a basso costo come quello offerto attraverso Dulce Digital ha il potenziale di dare beneficio in modo significativo a molte persone che lottano ogni giorno per gestire il loro diabete e mantenerle in salute “, ha detto il dottor Tsimikas.



Pag 1 of 1912345...10...Ultima »

Diabete

Il diabete tipo 1 sul groppone da un giorno o 54 anni? Non perdere la fiducia e guarda avanti perché la vita è molto di più, e noi siamo forti!
Non sono un medico. Non sono un educatore sanitario del diabete. Non ho la laurea in medicina. Nulla in questo sito si qualifica come consulenza medica. Questa è la mia vita, il diabete – se siete interessati a fare modifiche terapeutiche o altro al vostra patologia, si prega di consultare il medico curante di base e lo specialista in diabetologia. La e-mail, i dati personali non saranno condivisi senza il vostro consenso e il vostro indirizzo email non sarà venduto a qualsiasi azienda o ente. Sei al sicuro qui a IMD. Roberto Lambertini (fondatore del blog dal 3/11/2007).

Newsletter



Informazione

Avete un evento, manifestazione (sportiva e non), convegno sul diabete o legato ad esso? Se la risposta è sì fatemelo sapere attraverso l'invio dei dati e iinformazioni scrivendole nel form presente all'interno della pagina Scrivimi del blog. Le iniziative predette saranno publicizzate all'interno di questo spazio gratuitamente e immediatamente. Grazie per il vostro interesse Roberto Lambertini

Eventi

Sommario post

Categorie post

Commenti recenti

IMD è mobile

Il Mio Diabete social

Il mio diabete

Promuovi anche tu la tua Pagina

Instagram

Blogosfera

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog


2016 Image Banner 120 x 600