CERN

Facciamoci del male

E’ giunto il tempo delle scelte: occorre non solo il testamento biologico circa la donazione degli organi come sul fine vita ma decidere sulla cosiddetta “libertà di cura” nata con le polemiche suscitata dal metodo terapeutico praticato dal medico modenese Di Bella e mai cessate anzi si sono espanse in ogni tipo di malattia – dal diabete ai tumori passando per l’HIV ed ora approdate sulle vaccinazioni che, come si dovrebbe sapere, sono uno dei pilastri della medicina moderna nella profilassi e prevenzione di importanti condizioni infettive ad ampio contagio.

A questo punto occorre porre ai cittadini una scelta irrevocabile tra medicina allopatica e medicina omeopatica o alternativa.

La questione è seria poiché in questa fase contrassegnata dal caos politico e sociale, caduta delle religioni monoteiste e ritorno ad un animismo rivisitato sotto forma di misticismo e idolatria multiforme, tutto ciò che è Stato, ufficiale viene contrastato e delegittimato nonostante l’evidenza e le prove scientifiche. Ha ragione Einstein: ci sono due cose infinite, l’universo e la stupidità umana.

Comunque questa disperata caduta tra le braccia dei vari imbonitori e ciarlatani sulla pelle di persone credulone o comunque deboli, mette l’accento su alcuni punti ben noti e altrettanto critici della sanità ufficiale: l’incapacità di ascoltare e farsi carico. L’ho visto io in prima persona con il fallimento dell’evento organizzato lo scorso 30 novembre sulla medicina narrativa e diabete. Vai dal medico di base anche per un banale certificato di malattia, e non ha tempo oppure tocca aspettare ore mentre non ti senti bene. Ed io sono mesi che rinuncio, vado in ufficio malato perché impossibilitato ad accedere al servizio. Poi hai i vari dirigenti delle USL che ti parlano in creolo english-bocconiano con qualche frase in italiano, tanto per farsi capire. E tra sette ci si capisce: la Scuola di Medicina dell’Università di Bologna è in mano alle logge massoniche, le quali non hanno interessi ad aprirsi verso l’esterno, tanto c’è internet.

Come diceva mio nonno: bisogna scendere dal pero, dal piedistallo dorato e riprendere il controllo della situazione, a cominciare dalla comunicazione, dalla parola.

Ho il diabete tipo 1 dal 1963 e nel 1969 mi venne la parotite epidemica, meglio conosciuta come orecchioni, fu una esperienza molto brutta e dolora sia per i sintomi che per la cura: tre iniezioni intramuscolari al giorno di cortisone per due settimane, con l’aggiunta di calcio carbonato. La parotite mi ha reso sterile.

Oggi per la parotite è disponibile un vaccino vivo attenuato, capace di indurre l’immunizzazione tramite infezione subclinica e non contagiosa, il quale induce anticorpi in oltre il 95% dei soggetti. In Italia esso è somministrato in combinazione con i vaccini per morbillo e rosolia (MPR), da praticare a partire dal secondo anno di vita.



Averci a cuore

bp2Quando il cuore batte in modo sistematico pompa il sangue a tutte le parti del corpo mediante i vasi sanguigni chiamati arterie per somministrare l’ossigeno e l’energia di cui si ha bisogno. Come il sangue scorre, una forza viene applicata alle pareti delle arterie. Questa forza è chiamata “Pressione del Sangue”. La pressione sanguigna a livello inferiore, viene chiamato ‘diastolica’, e a livello superiore, viene chiamata ‘sistolica.’ Idealmente la pressione sanguigna normale è 120/80 mm/Hg. La pressione regolarmente muta, cambia durante la giornata e si abbassa con il sonno migliorando al risveglio. Il suo livello aumenta quando siamo eccitati, nervosi o iperattivi. Avere la pressione alta tende a produrre uno sforzo extra per il nostro cuore, e a lungo andare questo può portare a ictus e attacchi cardiaci. Misurare la pressione sanguigna a casa con l’aiuto di un buon sfigmomanometro della pressione arteriosa e mantenere un registro delle misurazioni da mostrare al nostro medico i cambiamenti della pressione del sangue durante il giorno.

Come utilizzare un sfigmomanometro per il controllo della pressione sanguigna a casa

Prima di iniziare a monitorare la pressione sanguigna alta in casa, è importante sapere che la differenza della pressione arteriosa tra il braccio sinistro e destro (due arti superiori) è equivalente. Se si sta misurando la pressione arteriosa a casa, le letture sono più facilmente prese dal braccio non dominante. Se i valori di pressione arteriosa a casa sono diverse da quelle prese nello studio del medico, assicurarsi di discuterne di questo aspetto con il medico.

Assicurarsi che il bracciale sia adatto: la misura va presa attorno al braccio superiore e scegliere un monitor fornito con un bracciale in formato corretto.

Restare perfettamente immobile: non fumare, bere bevande contenenti caffeina o fare esercizio 20 minuti prima di misurare la pressione del sangue.

Postura corretta: sedersi con schiena dritta e supportata (su una sedia, per esempio, piuttosto che divano). I piedi devono essere appoggiati sul pavimento; non accavallare le gambe. Il braccio deve essere appoggiato su una superficie piana (ad esempio un tavolo) con il braccio a livello del cuore. Assicurarsi che metà del bracciale sia posto direttamente sopra l’occhio del gomito. Controllare le istruzioni illustrate in dotazione con lo sfigmomanometro di casa.

Prendere più letture: ogni volta che si misura a casa la pressione arteriosa, prendere tre o quattro letture a un uno minuto di distanza dall’altra e registrare tutti i risultati.

Misurare alla stessa ora regolarmente, tale passaggio è ‘importante per valutare le tendenze in corso.

I vantaggi del controllo domestico della pressione alta

Il medico vuole avere un quadro preciso della situazione all’interno delle arterie. La misurazione effettuata presso l’ambulatorio del medico è come un’istantanea. Racconta quello che la pressione sanguigna è in quel momento. Poiché non ci sono indicazioni dall’osservazione domestica non c’è modo di percepire le variazioni della pressione arteriosa, pertanto la misurazione è l’unico modo per ottenere il quadro completo della situazione. Le letture possono variare nel corso della giornata ed essere influenzate temporaneamente da fattori come la dieta, le emozioni, i farmaci. I valori delle letture effettuate nel corso del tempo sono in grado di fornire a noi e al nostro medico un quadro più chiaro della pressione arteriosa. Può essere come una fotografia in movimento, e fornire le informazioni su ciò che sta accadendo con la pressione del sangue nel corso del tempo.

Un diario della pressione può contribuire ad eliminare errori di lettura

Molte persone sperimentano ansia quando si trovano in uno studio medico, che porta a letture temporaneamente più elevate. Questa condizione è comunemente noto come “ipertensione da camice bianco”.  All’altro capo estremo, alcuni individui hanno valori normali dal medico, ma letture elevate al di fuori dell’ambulatorio. Questa condizione è indicata come “ipertensione mascherata”.

Misura più di una volta

Una volta che avete ottenuto il giusto tipo di sfigmomanometro, è necessario utilizzarlo in modo corretto. E’ forte la tentazione di prendere la misura pressione sanguigna per tutta la giornata, solo per vedere come si sta andando. O, forse la tua vita è molto impegnata, e si controlla la pressione del sangue quando ci si ricorda. Nessuno di questi metodi è buono.

Mangiare, il fumo, l’esercizio e bere caffè può influire sui numeri. Per ottenere le migliori letture, l’associazione cardiologi raccomanda di diversificare la misurazione facendone una al mattino appena svegli e l’altra di coricarsi.

E dicono di prendere più di una misurazione ogni volta, almeno in un primo momento. Per aiutare il medico a diagnosticare la pressione alta – o assicurarsi di non averla – la raccomandazione è di controllare almeno due volte al mattino e due volte prima di dormire, ogni giorno per una settimana.

Le persone con diabete 1 debbono controllare la glicemia almeno quattro volte al giorno. Le persone con insufficienza cardiaca cronica devono pesarsi tutti i giorni. La pressione alta è un’altra una di queste condizioni per le quali i pazienti potrebbero essere più coinvolti nella loro cura.

Diabete

Il diabete tipo 1 sul groppone da un giorno o 54 anni? Non perdere la fiducia e guarda avanti perché la vita è molto di più, e noi siamo forti!
Non sono un medico. Non sono un educatore sanitario del diabete. Non ho la laurea in medicina. Nulla in questo sito si qualifica come consulenza medica. Questa è la mia vita, il diabete – se siete interessati a fare modifiche terapeutiche o altro al vostra patologia, si prega di consultare il medico curante di base e lo specialista in diabetologia. La e-mail, i dati personali non saranno condivisi senza il vostro consenso e il vostro indirizzo email non sarà venduto a qualsiasi azienda o ente. Sei al sicuro qui a IMD. Roberto Lambertini (fondatore del blog dal 3/11/2007).

Newsletter



Informazione

Avete un evento, manifestazione (sportiva e non), convegno sul diabete o legato ad esso? Se la risposta è sì fatemelo sapere attraverso l'invio dei dati e iinformazioni scrivendole nel form presente all'interno della pagina Scrivimi del blog. Le iniziative predette saranno publicizzate all'interno di questo spazio gratuitamente e immediatamente. Grazie per il vostro interesse Roberto Lambertini

Eventi

Sommario post

Categorie post

Commenti recenti

IMD è mobile

Il Mio Diabete social

Il mio diabete

Promuovi anche tu la tua Pagina

Instagram

Blogosfera

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog


2016 Image Banner 120 x 600