Diabetes mellitus

Pag 1 of 2112345...1020...Ultima »

Io l’insulina non ho per questo me la fo

Pensavate me lo fossi scordato eh? Invece no! anche se il 99% dei diabetici, dei diabetologi manco lo sa cosa è successo 96 anni fa!

96 anni fa precisamente il 27 luglio 1921 venne dato l’annuncio universale della realizzazione dell’insulina come farmaco da parte di un gruppo di ricercatori, scienziati canadesi

Frederick Banting, e uno studente in medicina suo assistente, Charles Best, isolarono una sostanze che, iniettata ai cani resi diabetici (ricordiamo le precedenti esperienze di Minkowski e Von Mering), li riportava alla normalità, eliminando lo zucchero in eccesso dal sangue e dalle urine. John MacLeod, nel cui laboratorio dell’Università di Toronto i due lavoravano, fu molto interessato ai loro studi e suggerì anche il nome della nuova molecola. Poiché era prodotta dalle isole pancreatiche, regioni ben definite del pancreas che producono ormoni, consigliò di battezzarla insulina. La sostanza ottenuta da Banting e Best nel cane fu estratta e purificata successivamente anche dal pancreas dei bovini. E proprio l’insulina bovina venne utilizzata per la prima volta nell’uomo. A fungere da cavia consenziente fu un amico di Banting, esasperato dal proprio diabete. Dopo le iniezioni di insulina la sua salute migliorò nettamente, dando il via a una nuova era nella terapia del diabete. Fino ad allora, infatti, l’unica cura possibile era la dieta, che doveva essere rigida e moderata. Gli accorgimenti di tipo restrittivo nell’alimentazione facevano migliorare il quadro clinico, ma non ottenevano grossi risultati, a lungo andare. L’avvento dell’insulina cambiò il destino di tanti malati, trasformando la loro vita. La scoperta dell’ormone era tanto importante da consentire a Banting e MacLeod, con il disappunto di Best, tagliato fuori dai due(ricordiamo che in seguito Banting decise di condividere il Premio con Best), di ricevere il premio Nobel per la medicina e la fisiologia due soli anni dopo la loro scoperta. Un record di rapidità rimasto ineguagliato, vista l’usuale lentezza degli accademici svedesi nel riconoscere il merito dei premiati.

Sono trascorsi 96 anni da quel giorno: e il tempo passa tra quattro anni saranno i 100, un secolo; e fu a partire da quella fatidica data che tutti i diabetici privi d’insulina, oggi denominati pazienti con diabete tipo 1, potevano contare sul farmaco che gli avrebbe consentito di continuare a vivere. Anche oggi come ogni anno, e sempre in questo piccolo angolo di rete, desidero ricordare testimoniare una data ai più dimenticata, omessa. Quante cose diamo per scontate, usiamo con spregio e sciatteria magari, senza sapere il tanto lavoro e impegno che c’è stato per la loro realizzazione. L’insulina questa scoperta dimenticata che fa parte della storia e realtà quotidiana dell’umanità, di noi diabetici tutti. Oggi tutti, chi più chi meno aneliamo alla guarigione ma dobbiamo ricordare come tutto fa parte di una catena e allora per un attimo riflettiamo e ricordiamo. A proposito: in Italia mai nulla è stato dedicato a Banting e soci in memoria di questa importante e vitale scoperta – l’insulina – né una strada un vicolo una rotonda un monumento dove far depositare gli escrementi ai piccioni e altri volatili. Sveglia che aspettiamo?

Grazie Banting, Best e tutti coloro che per primi fecero da pionieri in una delle tappe più importanti nella storia della medicina moderna.



Composta di pompelmi con bresaola e rucola

Composta di pompelmi con bresaola e rucola
Print
Tipo ricetta: Antipasti
Tipo cucina: Italiana
Autore:
Tempo preparazione:
Tempo totale:
Porzione: 4
Una sorta di insalata composita, rinfrescante, adatta all´alimentazione estiva, ma capace di fare la sua bella figura come antipasto non tradizionale.
Ingredienti
  • bresaola (100 g)
  • succo di limone (4 cucchiai)
  • pompelmi rosati (n. 2)
  • cuori di lattuga (n. 2)
  • rucola (50 g)
  • olio extravergine d´oliva (2 cucchiai)
  • senape (1 cucchiaino)
  • sale (q.b.)
  • pepe (q.b)
Preparazione
  1. - Dividere i pompelmi a metà orizzontalmente
  2. - Estrarre la polpa con un coltellino
  3. - Ricavare i mezzi spicchi e privarli della pellicina bianca
  4. - Tagliare a listerelle molto sottili la bresaola
  5. - Lavare e mondare la rucola e la lattuga
  6. - Tagliare a striscioline le verdure
  7. - Unire in un insalatiera la bresaola, le verdure e la polpa di pompelmo
  8. - Sbattere in una scodella il succo di limone con il sale e il pepe
  9. - Unire la senape e l´olio
  10. - Condire con la salsa l´insalata e mescolare
  11. - Riempire con la preparazione i 4 pompelmi svuotati e servire
Dose per persone: 100 grammi Calorie: 149 Grassi: 9 Carboidrati: 8 Proteine: 10

Tra cazzeggio e carteggio

Oggi e domani chi scrive tratterà di due argomenti molti stringenti nella vita quotidiana dei malati di diabete, come di qualsiasi altra patologia e degli ipocondriaci, occupanti abusivi di spazio pubblico dedito all’assistenza sanitaria.

Quella branca della medicina che rientra sotto la specializzazione di Diabete Endocrinologia e Malattie del Ricambio è oggi sempre più assorbita da pratiche legali che cliniche e diagnostiche.

Tra insulina Tresiba e altre tipologie in arrivo, poi metformina, sulfoniluree, inibitori DPP-4 e GLP-1 agonisti dei recettori – farmaci per il diabete tipo 2 – i piani terapeutici personali sono all’ordine del giorno per lo specialista.

Stante il fenomeno epidemiologico di massa che riveste il tipo 2 come il prediabete e sindrome metabolica – anticamere del diabete di massa con 5 milioni di colpiti in tutta la penisola, questi malati che sono trattati o con dieta, o pastiglie, o pastiglie combinate con insulina, vengono presi in carico dai medici di medicina generale di base che nelle USL hanno la delega a seguirli.

Ma per i diabetici che fanno terapia, ad esempio, con gli inibitori DPP-4 occorre il piano terapeutico personale il quale può rilasciarlo solo il medico specialista (diabetologo), tale atto ha sei mesi di validità e il farmaco appartenente alle predette categorie viene fornito solo dalla farmacia ospedaliera della USL. Pertanto succede che il paziente ogni sei mesi deve fare la trafila medico di base > consulenza diabetologica, e naturalmente ogni tre mesi andare in farmacia a farsi dare il farmaco.

Finché un soggetto è autosufficiente si fa, ma se non è così?

L’Italia è il paese dove si parla di tutto, si straparla da sempre e un delle frase fatte più usate è: la sanità vicina ai bisogni del cittadino. Occorre capire quale.

Il diabete è una malattia per vecchi: il 60% dei tipi 2 ha oltre 65 anni e di questi il 30% non è autosufficiente, allora qualcuno deve provvedere alla fascia fragile?

Senza tante astrazioni un esempio l’ho in casa: il suocero di 90 anni, una sorta di “paziente inglese”, deve fare ogni sei mesi la trafila predetta, un impegno e carico funzionale tutto sulle spalle della mia compagna.

Perché se ne frega di queste situazioni e invece di fare castelli di carta da manifesti dei diritti del diabetico, carta di Sant Vincent, piani nazionali, regionali, provinciali, comunali e frazionali che poi non semplificano la vita delle persone, soprattutto di coloro che non ce la fanno, si utilizzano mezzi e risorse, ad esempio per decentrare ste operazioni nelle case della salute. E non parlo di telemedicina perché per i medici è un tabù.

E non oso immaginare quando i “baby boomers” ovvero i nati tra fine anni 50 e inizio anni 60 come me, si troveranno nelle condizioni del “paziente inglese”: stante la situazione attuale non ci resterà che il suicidio assistito.



Diabetici tipo 1 piccini: il pancreas artificiale ancora una volta mostra i benefici nei test sul circuito

Uno studio pilota tra i bambini con diabete di tipo 1 condotto da Centro per la Tecnologia Applicata nella Terapia sul Diabete dell’Università della Virginia (UVA), ha rilevato che il pancreas artificiale lì sviluppato  aiuta piccini e genitori a controllare l’evoluzione della patologia nei partecipanti ai test.

L’obiettivo del pancreas artificiale è quello di monitorare in modo automatico e regolare i livelli di zucchero nel sangue, eliminando la necessità per le persone con diabete tipo 1 di bucarsi le dita per controllare la glicemia frequentemente e iniettare manualmente l’insulina.  La piattaforma dispone di uno smartphone riconfigurato in esecuzione mediante algoritmi avanzati che in modalità wireless sono collegati ad un monitor il quale controlla la curva glicemica e una pompa di insulina indossata dal paziente, entrambi connessi a un sito remoto di monitoraggio.
“Oltre a regolare automaticamente la quantità di insulina da consegnare, un altro importante vantaggio del pancreas artificiale è quello di prevenire gli eventi ipoglicemici che possono avere conseguenze catastrofiche ed è una delle situazioni più pericolose per i bambini con diabete di tipo 1 e dei loro genitori,” ha detto Daniel R. Chernavvsky, MD, del Centro UVA e ricercatore nel Centro Tecnologico per il diabete. Chernavvsky è anche Chief Medical Officer di TypeZero Technologies, Inc., un operatore sanitario digitale e una società di medicina personalizzata situata a Charlottesville, che ha concesso in licenza il sistema di pancreas artificiale.
Lo studio ha confrontato quanto bene 12 bambini tra i 5 e 8 anni d’età, sono stati in grado di controllare il diabete con la loro pompa di insulina e il monitoraggio continuo del glucosio rispetto al solito pancreas artificiale adattato per l’uso con i bambini piccoli mediante i controlli dei genitori. I bambini nel processo sono stati seguiti per 68 ore in una località utilizzando il pancreas artificiale, e un altro gruppo sempre per  68 ore usando il regime di trattamento terapeutico classico in casa. Durante l’utilizzo del pancreas artificiale, i bambini nello studio avevano in media  livelli di zucchero nel sangue più bassi e hanno trascorso più tempo all’interno del target glicemico regolare e senza un aumento del fattore ipoglicemia, o basso livello dello zucchero nel sangue .
“I dati mostrano che il pancreas artificiale, che rilascia insulina con un metodo automatico per le persone con diabete di tipo 1, sembra essere sicuro ed efficace per l’uso nei bambini di età 5-8 anni”, ha detto il ricercatore Mark DeBoer, MD UVA School of Medicine. Il passo successivo il potenziale, ha detto, per seguire i bambini in un tempo più lungo per valutare l’efficacia del pancreas artificiale durante la normale routine di un piccino a scuola e casa.
I ricercatori UVA continuano il loro lavoro sul pancreas artificiale per i bambini, l’iscrizione è ancora in corso per gli studi clinici che faranno da test finali per il pancreas artificiale nelle persone con diabete di tipo 1 dai 14 anni in su.



Una conferma: comorbidità, bassa istruzione aumentano il livello di rischio durante la transizione verso la cura degli adulti nei giovani con diabete tipo 1

I giovani adulti con diabete di tipo 1 in transizione da pediatrica alla cura degli adulti hanno più probabilità di avere scarso controllo glicemico se avevano un HbA1c superiore prima del passaggio, eventuali comorbidità o nessuna istruzione universitaria, rispetto a coloro che una più bassa HbA1c prima della transizione, senza comorbidità ed un livello di istruzione superiore, secondo un’analisi dei dati da un centro di diabete canadese. Indagine pubblicata su Journal of Diabetes.

“L’obiettivo di questo studio era di valutare gli esiti predittori di diabete di tipo 1 nei giovani adulti transitati dalla diabetologia pediatrica a quella degli adulti in un centro del diabete  relativamente uniforme nella cura del diabete, permettendo l’isolamento degli effetti delle caratteristiche del paziente, per aiutarci a prevedere chi aveva risultati più scadenti e, di conseguenza, adottare modifiche nelle strategie e una più stretto follow-up per i partecipanti durante il periodo di transizione,” Abeer Ala SSAF, MD, assistente professore di pediatria presso l’Università di Giordania, e colleghi hanno scritto.

In uno studio retrospettivo, Alassaf e colleghi hanno analizzato i dati di 102 giovani adulti con diabete di tipo 1 seguiti 1 anno prima e un anno dopo il trasferimento dalla pediatria agli adulti in un centro del diabete canadese (55% uomini, età media, 22 anni ; età media al momento della diagnosi, 10 anni). Utilizzando le cartelle cliniche e un database di transizione prospettico, i ricercatori hanno valutato quattro esiti post-transizione: HbA1c nel primo anno di cura negli adulti, il numero di visite in ospedale a causa di iperglicemia durante la cura negli adulti, il numero di visite in ospedale a causa di ipoglicemia durante la cura negli adulti, e il numero di visite cliniche del diabete durante l’ultimo anno di cura negli adulti.

I ricercatori hanno utilizzato l’analisi di regressione lineare per valutare diverse variabili indipendenti come possibili predittori di esiti adulti, tra cui l’età al momento della diagnosi, il sesso, indice di massa corporea al momento della transizione, comorbidità, regime aggiornato di insulina e il controllo metabolico pediatrico, così come la storia di correlata al  diabete e le visite in ospedale durante l’assistenza pediatrica.

All’interno della coorte, il 68% erano studenti al momento della più recente visita negli adulti; 39% ha avuto comorbidità, tra cui l’ipotiroidismo, la malattia di Graves, celiachia, asma e ipertensione. I ricercatori individuato correlazioni tra i valori pediatrici e adulti di HbA1c (osservati r = ; 0.73 P < e tra la frequenza delle visite in ospedale per iperglicemia prima e dopo la transizione (.001) r = 0.38; P < .001). Non ci sono state osservate correlazioni tra il numero di visite cliniche annuali pediatriche e adulti, anche se la frequenza clinica presenze è sceso da una media 2,71 visite all’anno a 2,09 visite all’anno tra assistenza pediatrica e per adulti ( P < .001).

I ricercatori hanno trovato che la presenza predittiva di eventuali comorbilità, HbA1c media per adulti (differenza media di HbA1c, 0,71%; 95% CI, 0,15-1,27), così come HbA1c pediatrica nell’ultimo anno prima del passaggio (0,67% per ogni 1% di aumento dell’HbA1c; 95 % CI, 0,51-,84).

“Nel singolo centro non v’è stato alcun cambiamento precoce significativo nel controllo glicemico da fine pediatria a cura negli adulti ([media] HbA1c, 8,82% contro 8,95%, rispettivamente; p = 0,317), e c’era una forte correlazione che suggerisce come il 53% della variazione di HbA1c dei giovani adulti si spiega con valori di HbA1c durante l’infanzia “, ha scritto i ricercatori. “La questione è controversa in letteratura, con alcuni studi che confermano i nostri risultati, mentre altri mostrano alcuna differenza nella HbA1c tra assistenza pediatrica e adulta.”

I predittori di ospedalizzazione per iperglicemia incluso una storia di ospedalizzazione pediatrica per iperglicemia (rate ratio di incidenza, 1,2; 95% CI, 1,02-1,41) e avere una scuola superiore contro l’istruzione universitaria (rate ratio di incidenza, 3,13; 95% CI 1,12-8,73 ).

“I partecipanti con solo una formazione di scuola ha avuto un 213% di più alta incidenza di ricoveri ospedalieri rispetto ai partecipanti con formazione universitaria dopo l’adeguamento per altre variabili”, i ricercatori ha scritto. “Ciò può essere spiegato, in parte, dall’associazione visto in analisi univariata tra livello di istruzione più basso e un scadente controllo glicemico.” 



Pag 1 of 2112345...1020...Ultima »

Diabete

Il diabete tipo 1 sul groppone da un giorno o 54 anni? Non perdere la fiducia e guarda avanti perché la vita è molto di più, e noi siamo forti!
Non sono un medico. Non sono un educatore sanitario del diabete. Non ho la laurea in medicina. Nulla in questo sito si qualifica come consulenza medica. Questa è la mia vita, il diabete – se siete interessati a fare modifiche terapeutiche o altro al vostra patologia, si prega di consultare il medico curante di base e lo specialista in diabetologia. La e-mail, i dati personali non saranno condivisi senza il vostro consenso e il vostro indirizzo email non sarà venduto a qualsiasi azienda o ente. Sei al sicuro qui a IMD. Roberto Lambertini (fondatore del blog dal 3/11/2007).

Newsletter



Informazione

Avete un evento, manifestazione (sportiva e non), convegno sul diabete o legato ad esso? Se la risposta è sì fatemelo sapere attraverso l'invio dei dati e iinformazioni scrivendole nel form presente all'interno della pagina Scrivimi del blog. Le iniziative predette saranno publicizzate all'interno di questo spazio gratuitamente e immediatamente. Grazie per il vostro interesse Roberto Lambertini

Eventi

Sommario post

Categorie post

Commenti recenti

IMD è mobile

Il Mio Diabete social

Il mio diabete

Promuovi anche tu la tua Pagina

Instagram

Blogosfera

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog


2016 Image Banner 120 x 600