Annunci

North Korea

Pag 1 of 612345...Ultima »

I ricercatori trovano cambiamenti funzionali nel cervello dei pazienti con diabete di tipo 1

I ricercatori dell’Istituto di Neuroscienze e dei sistemi complessi (UBICS) dell’Università di Barcellona hanno identificato differenze nel modello di attivazione neurofunzionale nei pazienti con diabete di tipo 1. Lo studio, condotto con tecniche di neuroimaging, rappresenta un passo importante verso la comprensione di come il diabete di tipo 1 può colpire il cervello durante l’attività cognitiva e potrebbe avere implicazioni nel trattamento per le persone che soffrono di questa malattia metabolica.

T1D è una malattia cronica causata dalla mancanza di insulina, un ormone che controlla lo zucchero nel sangue. Questo tipo di diabete costringe i pazienti a prendere l’insulina più volte al giorno, ed è una delle cause di possibili complicanze a vista, renali e cardiovascolari.
Cambiamenti nell’attività cerebrale
Il nuovo studio ha esplorato con la Risonanza Magnetica funzionale (fMRI) per esaminare lo schema di attivazione neuronale in 22 pazienti con diabete di tipo 1 e di un gruppo di controllo di 16 persone sane, mentre conducevano compiti mnemonici con stimoli verbali e visivi. Questa tecnica misura l’ attività cerebrale durante le attività con le quali i cambiamenti nel flusso sanguigno si verificano nel cervello, a seconda delle aree, con un consumo di energia più elevato.
“La risposta comportamentale ai compiti durante l’esperimento era quasi la stessa in entrambi i gruppi, ma l’attività cerebrale era diversa nei pazienti T1D che mostravano un’attivazione corticale più bassa di quelli nel gruppo controllo”, dice Joan Guàrdia.
L’adattamento per bilanciare la disfunzione cognitiva
Questi risultati supportano l’idea che il T1D ha un impatto sulla attività cerebrale  e la mostra in alcune circostanze, il cervello di questi pazienti si adatta a prevenire disturbi cognitivi.
“Attivazioni nella giusta zona frontale inferiore si sono osservate, il cervelletto e il putamen nei pazienti T1D può essere una risposta adattativa per raggiungere lo stesso livello di prestazioni comportamentali di quelle in pazienti sani”, spiega Joan Guàrdia.
Secondo i ricercatori, questi cambiamenti nel modello di attivazione cerebrale potrebbe essere adattamenti neuroplastici alla deregolamentazione del glucosio causata dalla mancanza di insulina.
“Se questi risultati saranno confermati, saranno importanti per la progettazione di programmi sulla manutenzione dell’attività cognitiva per le persone con questa malattia, un approccio che non è molto comune in questo momento”, conclude il ricercatore.

Ricerca pubblicata su PLOSone



Annunci

Sogliola alla calabrese

Sogliola alla calabrese
Print
Tipo ricetta: Pesci
Tipo cucina: Italiana
Autore:
Tempo preparazione:
Tempo cottura:
Tempo totale:
Porzione: 4
La sogliola è uno dei pesci più ricercati ed apprezzati per la bontà della sua carne. E´ un pesce di mare che vive in fondali profondi, è di forma appiattita ed ha gli occhi sul lato in cui la pelle è di colore bruno-verdastro. La parte inferiore del corpo è di colore bianco e solitamente è la parte che la sogliola adagia sui fondali. Dotata di carni magre e facilmente sfilettabili, la sogliola si presta con sicurezza all´alimentazione dei bambini e degli anziani. La sogliola è prevalentemente utilizzata in forma di filetto e viene sovente commercializzata in forma congelata. La sogliola è il pesce a cui la cucina europea dedica più ricette.
Ingredienti
  • sogliole (600 g)
  • cipolla (n. ½)
  • aglio (n. 2 spicchi)
  • peperoni dolci gialli (250 g)
  • pomodori pelati (300 g)
  • olio d´oliva extravergine (n. ½ cucchiaio)
  • sale (n. 4 pizzichi)
Preparazione
  1. - Lavare e pulire le sogliole (4 sogliole da 150 g)
  2. - Sventrarle e togliere loro la pelle
  3. - Affettare finemente la cipolla
  4. - Lavare e pulire dai semi i peperoni
  5. - Tagliarli a listarelle
  6. - Scolare e spezzettare la polpa di pomodoro
  7. - Soffriggere la cipolla con l´olio e 2 spicchi d´aglio in un tegame di coccio
  8. - Eliminare gli spicchi d´aglio
  9. - Unire la polpa di pomodoro e i peperoni
  10. - Salare e cuocere a fuoco lento per 15 minuti
  11. - Mettere le sogliole nel tegame e coprire
  12. - Cuocere a fuoco lento
  13. - Scuotere di tanto in tanto il tegame sino a completare la cottura.
Dose per persone: 100 grammi Calorie: 107 Grassi: 4 Carboidrati: 6 Proteine: 14

Tenere il ritmo

Caspita non ricordo neanche più quanto tempo è passato dall’ultima volta, che ho fatto l’esame ambulatoriale più pop nella storia della medicina: l’elettrocardiogramma; forse nel 2008.

E’ esame diagnostico, che prevede l’utilizzo di uno strumento capace di registrare e riportare graficamente il ritmo e l’attività elettrica del cuore.

Lo strumento per l’elettrocardiogramma è l’elettrocardiografo.

L’elettrocardiogramma permette di rilevare diverse condizioni cardiache, tra cui le aritmie, un infarto del miocardio, un’anomalia dell’atrio o del ventricolo cardiaco, una sofferenza coronarica ecc.

Inoltre, consente di valutare il funzionamento di un pacemaker o di un defibrillatore cardioverter impiantabile, in tutti quei soggetti che sono portatori di dispositivi per la normalizzazione del ritmo cardiaco.

Esistono tre tipologie di elettrocardiogramma: l’ECG a riposo, l’ECG dinamico secondo Holter e l’ECG da sforzo.

I cardiologi riescono a capire qual è lo stato di salute del cuore e il suo funzionamento dall’aspetto del tracciato elettrocardiografico.

Le principali anomalie su un elettrocardiogramma possono essere utili per predire lo sviluppo di malattie cardiovascolari negli adulti con diabete di tipo 1. “La presenza di anomalie ECG importanti nel corso del diabete di tipo 1 è associato ad un aumentato rischio di eventi cardiovascolari”, hanno scritto i ricercatori. “Identificare marcatori di rischio/predittori quali anomalie elettrocardiografiche nel diabete di tipo 1 possono aiutare a guidare i futuri sforzi verso lo sviluppo di strumenti di stratificazione del rischio per individuare coloro i quali possono trarre beneficio da un più stretto follow-up e precedenti, più aggressivi fattori di rischio.”

Certo il diabete di per sé non costituisce il fattore dominante del rischio se ben controllato, dobbiamo tenere a mente un indicatore importante: causa decesso dei parenti più prossimi, quali i nostri genitori in primis. Se c’è storia familiare di infarto e/ictus allora diventa rilevante non solo dirlo al diabetologo ma aggiungere all’ECG una consulenza cardiologica.

Pertanto ogni anno teniamo a mente di fare il controllo ECG e farcelo prescrivere dal nostro diabetologo e/o medico di famiglia: fa parte della routine del follow-up nel paziente diabetico come già ripreso in altri articoli qui su Il Mio Diabete.



I giovani hanno scarsa conoscenza dell’igiene alimentare

I casi ogni anno di intossicazione alimentare sono stimati in oltre 500.000, con un costo sociale di oltre 1 miliardi di corone svedesi. La manipolazione corretta del cibo è un problema di conoscenza e in un nuovo studio dell’Università di Uppsala, Marie Lange, studente di dottorato in scienze alimentari, dimostra che i giovani hanno scarsa consapevolezza di giene alimentare. Ad esempio, uno su cinque non sapeva che il pollo deve sempre essere cotto.

L’intossicazione alimentare può portare a gravi conseguenze per l’individuo, come malattie secondarie e nel peggiore dei casi, anche la morte. I mezzi di comunicazione hanno recentemente riportato notizie di un gran numero di persone affette da malattie legate al Campylobacter. Attualmente c’è una sensibilizzazione accentuata verso il trasferimento di responsabilità dal produttore al consumatore per impedire l’intossicazione alimentare, che pone esigenze di conoscenza e comportamento dei consumatori.

Conoscenza inadeguata

Nella sua nuova tesi, Marie Lange dimostra l’inadeguata consapevolezza dell’igiene tra i giovani consumatori. In uno studio condotto tra gli studenti dell’ultimo anno scuola media superiore, uno studente su cinque non sapeva che il pollo deve sempre essere cotto. Quasi la metà degli studenti ha pensato che fosse giusto assaggiare carne macinata cruda, anche se dieci anni fa la l’Agenzia Nazionale Alimentare svedese aveva pubblicato informazioni circa il fatto che anche un assaggio di carne macinata contaminata potrebbe essere pericoloso alimentando il rischio di contrarre la EHEC. Quasi la metà degli studenti anche pensato che +8 gradi Celsius era una temperatura di refrigerazione sufficiente.

Gli studenti mancavano anche consapevolezza circa l’importanza di lavarsi le mani ed evitare la contaminazione incrociata (dove i batteri da un tipo di cibo vengono trasferiti ad un altro), entrambi sono tra i modi più comuni per evitare intossicazione alimentare. Lo studio dimostra che i ragazzi, soprattutto quelli che raramente o mai cucinano cibo a casa, corrono un rischio maggiore di contrarre una grave intossicazione alimentare.

Necessaria una migliore istruzione

“I risultati della tesi mostrano che i giovani consumatori hanno bisogno di una migliore educazione all’igiene, e che l’insegnamento va messo nella materia scolastica primaria sottolineando con maggiore chiarezza l’igiene alimentare

Ad esempio, molti studenti riscaldano il cibo quotidiano, spesso nel forno a microonde, ma il riscaldamento è una zona a rischio che spesso manca dalle lezioni scolastiche, perché il pasto preparato viene tradizionalmente consumato durante le lezioni.

L’insegnamento ha bisogno di essere meglio affrontato nelle questioni relative alla pratica quotidiane connesse al rischio, come ad esempio il lavaggio delle mani, la contaminazione incrociata, riscaldamento e refrigerazione, al fine di aumentare le opportunità degli studenti per l’apprendimento. Gli insegnanti hanno bisogno di essere più riflessivi e rimanere aggiornati sulle informazioni, mentre le agenzie responsabili devono essere più chiare nelle loro comunicazione e offrire alle scuole informazioni aggiornate e materiale didattico, secondo Marie Lange.



Lo screening genetico, il follow-up può far diminuire la chetoacidosi al momento della diagnosi di diabete

La frequenza della chetoacidosi diabetica al momento della diagnosi del diabete di tipo 1 nei bambini può essere diminuita con lo screening genetico e il follow-up per la malattia, secondo i risultati dello studio pubblicati su Pediatric Diabetes.

Anne M. Hekkala, MD, PhD, del Dipartimento di Pediatria presso l’Università di Oulu in Finlandia, e colleghi hanno valutato i bambini nati a Oulu presso la clinica pediatrica universitaria dal 1995 al 2015 a cui è stato diagnosticato il diabete di tipo 1 e seguiti fino all’età di 15 anni (studio coorte 1; n = 517) e tutti i bambini con diagnosi di diabete di tipo 1 di età inferiore ai 15 anni dal 2002 al 2014 (studio di coorte 2; n = 579). Dal 1995, i neonati nella regione sono stati reclutati per essere valutati sul rischio genetico per il diabete di tipo 1 mediante screening per antigene leucocitario umano (HLA) nel sangue del cordone ombelicale. Ricercatori hanno cercato di determinare la frequenza di chetoacidosi diabetica (DKA) alla diagnosi di diabete di tipo 1 e se la partecipazione a studi di follow-up con screening ne dimnuiva il rischio di chetoacidosi diabetica (DKA).

Nello studio di coorte 1, il grado di frequenza della chetoacidosi era 17,6%, e la frequenza di gravi DKA è stata del 3,5% alla diagnosi di diabete di tipo 1 ; 55,7% era stati proiettato per il rischio conferito-HLA. I partecipanti con un aumento del rischio genetico che sono stati seguiti in uno studio prospettico di diabete avevano la più bassa frequenza di chetoacidosi al momento della diagnosi (5%) rispetto ai partecipanti senza HLA-screening (22,7%), i partecipanti con rischio conferito-HLA, ma non di follow-up ( 23,4%) ed i partecipanti senza rischi HLA-conferito (26.7%; P <.001).

Nello studio di coorte 2, la chetoacidosi era presente al momento della diagnosi per il 18,5% dei partecipanti e grave DKA per il 3,5%. L’aumentare dell’età alla diagnosi ha prolungato la frequenza dei DKA (13% nei soggetti di età <5 anni; il 14% in partecipanti di età 5-9 anni; 28,6% partecipanti di età 10-14 anni; P <.001), e grave DKA era più frequente nei soggetti anziani (6,9% nei partecipanti di età compresa tra 10-14 anni vs 2,2% nei soggetti di età <5 anni e 1,5% nei partecipanti di età compresa tra 5-9 anni; P = 0,008).

“La partecipazione alla proiezione sul sangue del cordone ombelicale per rilevare un aumento del rischio HLA-conferito per il diabete di tipo 1 senza alcun follow-up non ha avuto alcun effetto sulla frequenza di chetoacidosi al momento della diagnosi di T1D,” hanno scritto i ricercatori. “Invece, i bambini che avevano una maggiore suscettibilità genetica per il diabete di tipo 1 e ha partecipato a studi prospettici di follow-up avevano molto di rado chetoacidosi al momento della diagnosi. Nel complesso, durante il 2002-2014 la frequenza della chetoacidosi al momento della diagnosi di diabete di tipo 1 è stata bassa tra i bambini di età inferiore ai 10 anni, e in particolare in quelli sotto i 2 anni in Finlandia nella regione in cui studi prospettici di coorte alla nascita finalizzati a previsione e prevenzione del diabete di tipo 1 sono in corso. In futuro, una maggiore attenzione dovrebbe essere prestata agli adolescenti per fare una diagnosi precoce di diabete di tipo 1 e prevenire la DKA alla presentazione della malattia.”



Pag 1 of 612345...Ultima »

Diabete

Il diabete tipo 1 sul groppone da un giorno o 54 anni? Non perdere la fiducia e guarda avanti perché la vita è molto di più, e noi siamo forti!
Non sono un medico. Non sono un educatore sanitario del diabete. Non ho la laurea in medicina. Nulla in questo sito si qualifica come consulenza medica. Questa è la mia vita, il diabete – se siete interessati a fare modifiche terapeutiche o altro al vostra patologia, si prega di consultare il medico curante di base e lo specialista in diabetologia. La e-mail, i dati personali non saranno condivisi senza il vostro consenso e il vostro indirizzo email non sarà venduto a qualsiasi azienda o ente. Sei al sicuro qui a IMD. Roberto Lambertini (fondatore del blog dal 3/11/2007).

Newsletter



Informazione

Avete un evento, manifestazione (sportiva e non), convegno sul diabete o legato ad esso? Se la risposta è sì fatemelo sapere attraverso l'invio dei dati e iinformazioni scrivendole nel form presente all'interno della pagina Scrivimi del blog. Le iniziative predette saranno publicizzate all'interno di questo spazio gratuitamente e immediatamente. Grazie per il vostro interesse Roberto Lambertini

Eventi

Sommario post

Categorie post

Commenti recenti

IMD è mobile

Il Mio Diabete social

Il mio diabete

Promuovi anche tu la tua Pagina

Instagram

Google+





Visualizza il profilo LinkedIn di Roberto Lambertini Visualizza il profilo di Roberto Lambertini

Blogosfera

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog


2016 Image Banner 120 x 600