Advertisements

Philadelphia

Il diabete causa cambiamenti nel microbioma orale che favorisce la periodontite: trovate le prove

Un nuovo studio condotto dai ricercatori dell’Università della Pennsylvania ha rilevato che il microbioma orale è influenzato dal diabete, causando uno spostamento che ne aumenta la sua patogenicità. La ricerca, pubblicata nella rivista Cell Host & Microbe di questa settimana, non solo mostra che il microbioma orale nei topi con diabete si è spostato ma il cambiamento è associato ad una maggiore infiammazione e perdita di ossa.

“Fino ad ora non c’erano prove concrete che il diabete colpisse il microbioma orale”, ha dichiarato Dana Graves, autore della ricerca presso la Penn School of Dental Medicine. “Ma gli studi che erano stati fatti non erano rigorosi”.

Solo quattro anni fa la Federazione Europea di Parodontologia e l’Accademia Americana di Parodontologia hanno pubblicato una relazione che afferma non essercivi prove convincenti che il diabete fosse direttamente legato ai cambiamenti nel microbioma orale. Ma Graves e colleghi erano scettici e decisero di perseguire la domanda, usando un modello di topo che imita il diabete di tipo 2.

“Il mio argomento era che studi appropriati non erano stati ancora fatti, quindi ho decisi: faremo uno studio appropriato”, ha detto Graves.

I ricercatori hanno cominciato caratterizzando il microbioma orale dei topi diabetici rispetto ai topi sani. Hanno trovato che i topi diabetici avevano un microbioma orale simile alle loro controparti sane quando erano campionati prima di sviluppare livelli elevati di zucchero nel sangue o iperglicemia. Ma, una volta che i topi diabetici erano iperglicemici, il loro microbioma si distingueva dai normali, con una comunità di batteri meno diversa.

I topi diabetici avevano anche una periodontite, tra cui una perdita di osso che sosteneva i denti e un aumento dei livelli di IL-17, una molecola di segnalazione importante nella risposta immunitaria e nell’infiammazione. Gli aumenti di IL-17 negli esseri umani sono associati a malattie periodontali.

“I topi diabetici si sono comportati in modo simile agli esseri umani che hanno avuto perdita ossea periodontale e aumentato IL-17 causato da una malattia genetica”, ha dichiarato Graves.

I risultati hanno evidenziato un’associazione tra i cambiamenti nel microbiolo orale e la periodontite, ma non hanno dimostrato che i mutamenti microbici erano responsabili della malattia. Per studiare la connessione, i ricercatori hanno trasferito microrganismi dai topi diabetici ai normali senza germe, animali che sono stati allevati con nessuna esposizione ai  microbi.

Questi topi riceventi hanno anche sviluppato una perdita di ossa. Una scansione micro-CT ha rivelato che avevano il 42 per cento un meno ossa di topi che ricevevano un un trasferimento microbico da topi normali. I marker di infiammazione sono aumentati anche nei beneficiari del microbiolo orale diabetico.

“Siamo stati in grado di indurre la rapida perdita ossea del gruppo diabetico in un normale gruppo di animali semplicemente trasferendo il microbioma orale”, ha detto Graves.

Con il microbiolo ora implicato nel causare la periodontite, Graves e colleghi volevano sapere come. Sospettando che le citochine infiammatorie, e in particolare IL-17, hanno svolto un ruolo, i ricercatori hanno ripetuto gli esperimenti di trasferimento di microbiomi, questa volta iniettando nei donatori diabetici un anticorpo anti-IL-17 prima del trasferimento. I topi che hanno ricevuto i microbiomi dai topi diabetici trattati hanno avuto  una perdita ossea molto meno grave rispetto ai topi che ricevevano un trasferimento di microbiomi da topi non trattati.

I risultati “dimostrano inequivocabilmente” che i cambiamenti indotti dal diabete nel cambiamento infiammatorio delle unità microbiche orali aumentano la perdita di ossa nella periodontite, hanno scritto gli autori.

Anche se il trattamento con IL-17 è stato efficace a ridurre la perdita di ossa nei topi, è improbabile che sia una strategia terapeutica ragionevole nell’uomo a causa del suo ruolo fondamentale nella protezione immunitaria. Ma Graves ha osservato che lo studio mette in evidenza l’importanza per le persone con diabete di controllare lo zucchero nel sangue e praticare una buona igiene orale.

“Il diabete è una delle malattie sistemiche più strettamente legate alla malattia parodontale, ma il rischio viene notevolmente migliorato da un buon controllo glicemico”, ha detto. “E una buona igiene orale può portare ad rischio ancora più in basso”.



Advertisements

Nuovo studio rileva una potenziale innovazione nel determinare chi è a rischio di attacchi di cuore

I ricercatori stanno rivisitando il loro parere sui relativi pericoli per la salute del cuore derivanti dai depositi molli e duri della placca aterosclerotica. I risultati di un nuovo studio condotto dai ricercatori presso l’Heart Medical Center Institute Intermountain possono essere un “cambio di gioco” per determinare chi è a rischio di un attacco di cuore, dicono.

L’idea che placca morbida è più probabile rottura e causare attacchi di cuore rispetto a depositi di calcio nelle arterie coronarie duri può essere sbagliata, secondo il nuovo studio presentato presso l’American College of Cardiology Scientific Sessions a Washington DC il 18 marzo.

L’aterosclerosi è causato quando la placca si accumula nelle arterie, determinandone il restringimento e indurimento.

“Abbiamo già pensato che la placca morbida lipidico-Laden ha più probabilità di rottura e di essere la causa di attacchi di cuore, ma sulla base della nostra nuova ricerca, è più la placca calcificata che sembra essere associata con eventi avversi cardiovascolari”, ha detto Brent Muhlestein, MD, uno dei gli autori dello studio e co-direttore della ricerca in cardiologia presso l’Heart Medical center Institute Intermountain a Salt Lake City.

I ricercatori dell’Intermountain Medical Center Heart Institute in precedenza avevano collaborato con la Johns Hopkins School of Medicine e il NHS. Gli scienziati hanno analizzato la composizione della placca da 224 pazienti che avevano il diabete, ma senza sintomi cardiaci.

Questa nuova ricerca riflette più i risultati a lungo termine dopo che i pazienti sono stati seguiti per una media di quasi sette anni per vedere se la composizione della loro placca aveva predetto che avrebbero avuto un evento cardiaco.

In questo studio, attraverso un’attenta valutazione quantitativa, la composizione della placca coronarica identificata nei soggetti attraverso la coronarografia TC è stata stratificata proporzionalmente in quantità di placca morbida, calcificata, e fibrosa poi confrontato con il rischio futuro di angina instabile, infarto o morte.

Inaspettatamente, una proporzionalmente maggiore quantità di placca calcificata prediceva l’aumento di eventi coronarici avversi, mentre la placca morbida non lo ha fatto, i ricercatori hanno rilevato.

Il dr. Muhlestein ha dichiarato che ulteriori studi sono necessari per verificare i risultati, ma quanto evidenziato dalla ricerca della sua squadra può rappresentare un potenziale cambiamento di paradigma. “Abbiamo bisogno di ulteriori conferme per valutare l’importanza del motivo per cui il punteggio del calcio coronarico è così predittivo”, ha detto.

Anche se un accumulo di calcio coronarico non va via, i medici possono trattare con successo il paziente in modo aggressivo con lr statine. Sanno che nessuno consegue calcio coronarico se non ha la placca, anche se non è stato visto, in modo che chiunque con il calcio coronarico si trova anche in aterosclerosi.

“E ‘un indicatore di malattia, non è un indicatore di rischio e pensiamo che sia forse un predittore molto importante”, ha detto il dottor Muhlestein, che ha notato come avere un punteggio di calcio uguale a zero è come avere una garanzia di cinque anni contro l’attacco di cuore – seppur con alti livelli di lipoproteina a bassa densità, noto anche come colesterolo LDL o cattivo.

“La scoperta potenzialmente potrebbe significare che molti pazienti non possono richiedere la terapia con statine, anche se hanno il colesterolo alto,” ha detto. “Forse possiamo trovare e identificarli. Se non c’è l’aterosclerosi, non c’è proposito di avere un attacco di cuore. Così il punteggio di calcio coronarico ci può consentire di ottenere un indicatore molto più efficace per selezionare chi trattiamo”.

Il passo successivo per i ricercatori è quello di completare il quadro con più scansioni per vedere se il risultato regge, il che renderà i risultati più robusti.



Dopo un attacco cardiaco: gel iniettabili potrebbero prevenire in futuro l’insufficienza cardiaca

Rispetto ad altri tipi di idrogel in fase di sviluppo (a sinistra), un nuovo idrogel (destra) può formare reticolazioni dopo iniezione nel cuore, rendendo il materiale più rigido e più duratura.

Rispetto ad altri tipi di idrogel in fase di sviluppo (a sinistra), un nuovo idrogel (destra) può formare reticolazioni dopo iniezione nel cuore, rendendo il materiale più rigido e più duratura.

Nel corso di un attacco di cuore, i coaguli o arterie ostruite bloccano il flusso di sangue, danneggiando o uccidendole cellule all’interno del tessuto. Ma il danno non finisce solo dopo la scomparsa del dolore schiacciante. Invece, le pareti del cuore si diradano, l’organo si ingrossa, e così le forme del tessuto cicatriziale. Se non si interviene, il paziente può eventualmente sperimentare una insufficienza cardiaca. Ma gli scienziati segnalano ora di aver sviluppato un gel che, nei test su animali, può essere iniettato nel cuore per puntellare le zone indebolite e prevenire l’insufficienza cardiaca.
I ricercatori hanno presenteto il loro lavoro oggi alla 252a edizione del National Meeting & Exposition ofAmerican Chemical Society (ACS).
Gli attacchi di cuore colpiscono 750.000 persone ogni anno negli Stati Uniti, secondo l’American Heart Association. E più di 5 milioni di residenti negli Stati Uniti vivono con l’insufficienza cardiaca, sintomi che progrediscono da stanchezza e mancanza di respiro fino alla morte. “L’insufficienza cardiaca è un problema enorme, e poche terapie sono disponibili per questi pazienti”, dice Jason A. Burdick, Ph.D., leader dello studio.

I trattamenti terapeutici comprendono: cambiamenti dello stile di vita, farmaci, protesi o trapianti di cuore. Burdick, che opera presso l’Università della Pennsylvania (Penn), spiega che queste opzioni spesso non funzionano bene o, nel caso dei trapianti, sono difficili da trovare gli organi. Così gli scienziati stanno perseguendo altri metodi di trattamento. Per esempio, i ricercatori di altre istituzioni scientifiche hanno fatto studi su animali in cui hanno iniettato le cellule nella sezione danneggiata del cuore per cercare di riparare i danni . Per evitare che le cellule fuoriesca, i ricercatori le hanno inserite in “idrogel” biodegradabili su reti di catene polimeriche – acqua – che prende volume con una consistenza simile a gelatina OTM. Ma gli scienziati hanno notato qualcosa di strano quando nel corso degli esperimenti di controllo in cui hanno iniettato l’idrogel senza aggiunta di cellule: alcuni dei cuori degli animali hanno mostrato miglioramento rispetto agli animali non trattati.

Il materiali impiegato dal team si basa sull’ acido ialuronico (HA), un tipo di molecola di zucchero che si trova naturalmente nel corpo. I ricercatori hanno modificato le molecole di HA collegandole all’Adamantane e ciclodestrina gruppi i quali consentono al gel di fluire attraverso cateteri, e hanno aggiunto gruppi di  tiolo e metacrilato per consentire la e irrigidimento del gel dopo l’iniezione. Una volta che i ricercatori finalizzano la formulazione idrogel e metodo di infusione, sperano di collaborare con una società che produce cateteri per portare il prodotto sul mercato. Il team e altri gruppi di ricerca di Burdick stanno anche progettando idrogel che contengono i farmaco o le cellule in grado di riparare il tessuto del cuore.

Si cerca di sfruttare il sistema immunitario del corpo per far guarire naturalmente le ferite

Kara Spiller

Kara Spiller

In quello che potrebbe essere un passo fondamentale verso la riparazione delle ferite che non guariscono e gli organi danneggiati, un ingegnere biomedico della Drexel University ha identificato una cellula immunitaria come strategia potenziale per la crescita di vasi sanguigni.

Kara Spiller, PhD, professore assistente presso la Scuola di Ingegneria Biomedica, Scienze e sistemi sanitari, cercherà di comprendere meglio il rapporto tra il naturale processo di guarigione del corpo e la rigenerazione dei tessuti con una sovvenzione quinquennale di 1900000 $ da parte del National Institutes of Health (NIH) che le ha assegnato questo mese.

Gli scienziati si stanno avvicinando a rammendare il tessuto danneggiato e anche alla creazione di interi organi, grazie ai progressi nella medicina rigenerativa. Ma un posto di blocco significativo sta nella modalità di riparazione dei tessuti: l’assenza di vasi sanguigni.

“Il tessuto danneggiato, a causa di cancro, una frattura ossea o una malattia come il diabete accade perché la crescita dei vasi sanguigni insufficiente ha tagliato fuori l’ossigeno”, ha detto Spiller. “Se non riusciamo a trovare un modo di progettare le reti dei vasi sanguigni, allora non possiamo riparare qualsiasi tipo di tessuto.”

Spiller ha studiato modi per deporre naturalmente nelle uova il sangue per la crescita dei vasi sfruttando la risposta del corpo a lesioni e malattie. Lei crede che le cellule vitali del sistema immunitario, chiamate macrofagi, sono fondamentali per questo processo.

Una vista microscopica dei macrofagi, cellule del sistema immunitario che sono fondamentali per la crescita dei vasi sanguigni. Credit: Kara Spiller

Una vista microscopica dei macrofagi, cellule del sistema immunitario che sono fondamentali per la crescita dei vasi sanguigni. Credit: Kara Spiller

I macrofagi vagano in tutti i tessuti del corpo e fagocitano eventuali agenti patogeni nel loro percorso. Anche se queste cellule immunitarie distruggere gli invasori stranieri, hanno guadagnato una cattiva reputazione, Spiller dice, perché contribuiscono anche alla risposta infiammatoria del corpo, causando contusioni, ulcere e talvolta, malattie degenerative.

Tuttavia, studi più recenti hanno dimostrato che i macrofagi e le infiammazione più in generale, possono svolgere un ruolo importante nella riparazione dei tessuti e rigenerazione, grazie alla capacità delle cellule di cambiare la loro forma (fenotipo) e la funzione a ogni evento specifico orchestrandoli per i diversi stadi di riparazione. Anche se questo processo è stato identificato, non è ben compreso.

In studi precedenti la Spiller, ha guardato perché, in alcuni casi, i tessuti lesi guariscono perfettamente, mentre in altri non riescono a ripararsi.

Come parte del suo nuovo progetto finanziato da NIH, Spiller si espanderà su questa idea studiando come fanno le diverse funzioni dei fenotipi macrofagi, o non-promuovono la crescita dei vasi sanguigni. Una volta che il rapporto è meglio compreso, Spiller e il suo team di ricerca lavoreranno per sviluppare una piattaforma di biomateriale e una strategia per la distribuzione di farmaci, che controllino il comportamento dei macrofagi e incoraggino la vascolarizzazione dalle stesse cellule del corpo.

“L’idea è che se si può manipolare i macrofagi attraverso un solo singolo farmaco, quindi i macrofagi saranno in grado di controllare i vasi sanguigni”, ha detto Spiller. “Il vantaggio della strategia, che speriamo di riuscire a realizzare entro la fine del progetto, è di promuovere la guarigione attraverso meccanismi di guarigione naturale del corpo, piuttosto anziché cercare di farlo in qualche modo per via artificiale”.

Il laboratorio di Spiller si concentra principalmente sulla guarigione delle ulcere del piede diabetico croniche, causate da un disturbo nel processo di guarigione delle ferite.

La ricerca di Spiller potrebbe avere grandi implicazioni cliniche per curare queste lesioni dolorose e debilitanti e oltre, ha detto Ken Barbee, PhD, professore e direttore ad interim della Scuola di Ingegneria Biomedica, Scienze e sistemi sanitari.

“Questo lavoro dimostra come le scoperte in un campo – la guarigione della ferita – può portare a scoperte in altri. L’ingegneria dei tessuti impara a modulare il fenotipo dei macrofagi con implicazioni di vasta portata per una miriade di applicazioni cliniche”, ha detto Barbee.

Spiller sta lavorando in collaborazione con Shulamit Levenberg, professore associato di ingegneria biomedica presso il Technion in Israele e Dave Mooney, professore di bioingegneria presso la Harvard – due dei principali esperti mondiali in crescita dei vasi sanguigni e biomateriali.

“Non c’è malattia che non abbia l’infiammazione come tema centrale”, ha detto Spiller. “Così capire di più su come le cellule infiammatorie e immunitarie interagiscono con altre cellule del corpo potrebbe aiutare la terapia di molti problemi diversi.”

 

Studio conferma che l’uso dei microinfusori d’insulina migliora il controllo della glicemia nei bambini e adolescenti con diabete di tipo 1

microinfusoreL’analisi dei tre grandi registri clinici del diabete provenienti dagli Stati Uniti, Germania / Austria e Inghilterra / Galles indicano senza ombre di dubbio che l’uso di pompe per infusione d’insulina in bambini e adolescenti con diabete di tipo 1 sta contribuendo al miglioramento nel controllo della glicemia.

La ricerca, pubblicata in Diabetologia (giornale della Associazione Europea per lo Studio del Diabete), è stata diretta dal dottor Jennifer Sherr, responsabile del Programma Diabete per bambini alla Yale School of Medicine, New Haven, CT, Stati Uniti d’America; e dal dottor Reinhard Holl, ZIBMT, Istituto di Epidemiologia e Medicina Biometrica, Università di Ulm, in Germania; nonché dal Dr Justin Warner, Endocrinologia e diabete Pediatrico, Ospedale pediatrico del Galles, Cardiff, Regno Unito e colleghi.

Pompe di insulina sono in uso nel trattamento del diabete di tipo 1 da circa 35 anni, sebbene siano stati utilizzati in modo capillare solo dall’inizio di questo secolo. Lo scopo della tecnologia delle pompe di insulina è quello di aiutare gli utenti a gestire meglio i loro livelli di glucosio nel sangue e tenerli entro parametri accettabili. Per quei bambini e adolescenti che non hanno accesso ad un microinfusore, le iniezioni multiple giornaliere di insulina rimangono lo standard di cura.

Nel 2007, una dichiarazione congiunta di consenso dei diabetologi pediatrici raccomanda che la terapia con pompa deve essere considerata nei bambini e adolescenti con controllo del diabete non ottimale, ampie fluttuazioni dei livelli di glucosio nel sangue a prescindere dalla HbA1c, e quando il regime di insulina compromette lo stile di vita: indicazioni per l’uso della pompa che possono essere applicate da quasi tutti i giovani con diabete di tipo 1. Tuttavia, le variazioni nel supporto e l’utilizzo della tecnologia delle pompe esistono, anche tra i paesi occidentali industrializzati.

In questo nuovo studio, gli autori hanno confrontato i dati provenienti da tre grandi registri di pazienti con diabete di tipo 1 in età pediatrica: il Registro del sistema tedesco / austriaco prospettico del Diabete  di follow-up (DPV), gli Stati Uniti con il T1D Exchange (T1DX) e l’Inglese / Welsh National pediatric Diabetes Audit (NPDA). Essi hanno esaminato le differenze tra i registri di frequenza della terapia con microinfusore in base a età, sesso e status di minoranza etnica, nonché l’impatto dell’uso pompa sui livelli di HbA1c (chiamato anche emoglobina glicata, un metodo standard del monitoraggio del glucosio nel sangue di).

La coorte comprendeva nel DPV 26,262 partecipanti provenienti da 209 siti. Dato che le caratteristiche cliniche e modelli di utilizzo dei microinfusori erano simili in Germania e Austria, i dati provenienti da entrambi i paesi sono stati combinati per l’analisi. La coorte comprendeva 13.755 nell’americano T1DX bambini e adolescenti arruolati tra il settembre 2010 e agosto 2012 in uno dei 57 siti dei del registro che curano i pazienti pediatrici. I dati sono stati raccolti dall’inglese NPDA tra l’aprile 2011 e marzo 2012 per 14.457 partecipanti. Per quanto riguarda il DPV, i dati sia in Inghilterra e Galles sono stati combinati per queste analisi.

Il livello di HbA1c media complessiva è stata superiore (nel senso di peggiore controllo glicemico) nella NPDA (HbA1c = 8,9%) rispetto al DPV (8,0%) e T1DX (8,3%). Al contrario, l’uso della pompa è molto inferiore nel NPDA (14%) rispetto al DPV (41%) e T1DX (47%). In un’analisi combinata, l’uso della pompa è stato associato con una media più bassa di HbA1c (pompa 8,0% vs 8,5% iniezione). In tutti e tre i registri, le minoranze etniche hanno avuto meno probabilità di essere trattate con un microinfusore, con solo il 22% delle minoranze che utilizzano le pompe contro il 34% degli altri. Inoltre, i ragazzi sono stati trattati con pompa meno frequentemente (30%) rispetto a ragazze (34%).

Gli autori fanno notare che il tasso di utilizzo di pompe in / registro Welsh English (NPDA) era solo circa un terzo di quello ricavato dagli altri registri, e gli autori ritengono può essere dovuto alle raccomandazioni formulate dall’Istituto Nazionale del Regno Unito per la Salute e cura d’Eccellenza (NICE) che limita l’uso della pompa in entrambe le adolescenti e bambini più piccoli, a meno che non siano soddisfatti determinati criteri. Ad esempio, nei bambini di età compresa entro i 12 anni, mentre per quelli di età superiore la terapia con microinfusore è consigliata solo se un individuo ha un elevato rischio d’ipoglicemia non controllabile con terapia iniettiva (praticamente la situazione inglese è simile a quella italiana per quanto riguarda il microinfusore)

Gli autori dicono: “Nonostante la presenza di molte caratteristiche cliniche simili per i partecipanti nei tre registri, il livello di HbA1c complessivo era più alto del NPDA Questa differenza non è stata del tutto spiegata da divari di utilizzo della pompa nella coorte NPDA perché HbA1c era superiore rspetto al trattamento con iniezione. La differenza nei livelli di HbA1c tra i partecipanti trattati con iniezione e pompa trattati è stato maggiore nel NPDA e più piccola del DPV. ”

Gli autori fanno notare che i tassi di utilizzo della pompa per età differivano tra i registri, e suggeriscono che la ricerca in futuro potrebbe concentrarsi su come assicurare a tutti i giovani l’opportunità di offrire l’utilizzo della terapia con microinfusore indipendentemente dall’età, sesso, stato etnico e  paese di residenza.

I ricercatori concludono: “E ‘importante notare come i dati trasversali riportati in questo documento riflettono principalmente l’evoluzione della terapia con microinfusore nella cura pediatrica nel corso degli ultimi 15 anni, piuttosto che la rivoluzione in corso nella tecnologia di diabete che sta appena iniziando ad essere tradotto in migliore cura per i bambini con diabete di tipo 1. Come la scienza e la tecnologia sono più vicine a una soluzione meccanica per i problemi di gestione dei bambini e degli adolescenti con diabete di tipo 1, e sarà ancora più importante per garantire che i nostri pazienti in età pediatrica l’accesso a tali progressi nel trattamento.”

Fornito da Diabetologia

Non sono pochi

mayaRoberto ha ripreso diverse volte il tema dei trattamenti alternativi alla medicina regolare nel diabete. Ma ora ritengo giusto apporre un ulteriore passaggio sulle difficoltà onnipresenti nell’affrontare un impegno molto difficile per promuovere la salute e accettazione della malattia, del diabete.

A proposito la medicina di per sé fa fatica a prendere coscienza del problema e i pochi spunti presenti in letteratura li si ricavano da due studi di questo secolo e promossi dall’American Diabetes Association

Oltre agli interventi consolidati nella medicina normale, i diabetici sono al corrente di altre possibilità per migliorare la propria condizione in molti altri modi. Sono esposti a una molteplicità di soluzioni proposte al di fuori del campo della medicina regolare, ad esempio: nelle farmacie, nei supermercati, su internet, nella medicina complementare, ecc.

In uno studio pubblicato nel 2001, il 44% dei pazienti con diabete di tipo 2 utilizzava supplementi e integratori, il 31% utilizzava farmaci alternativi (1). Una revisione della letteratura nel 2007, ha riferito che la medicina complementare e alternativa veniva utilizzata tra le persone con diabete di vario tipo dal 17% al 73%.

Le terapie più utilizzate tra le popolazioni diabetiche sono supplementi nutrizionali, erbe medicinali, consigli nutrizionali, la guarigione spirituale e tecniche di rilassamento (2). Ciò significa che un sacco di pazienti cercano approcci alternativi in aggiunta al trattamento e la consulenza che ricevono dagli operatori sanitari della medicina regolare. Alcune, forse, dimostrano di essere utili, ma la maggior parte di queste terapie non sono positive. Dal momento che almeno un terzo dei pazienti con diabete di tipo 2 sta prendendo farmaci alternativi, queste terapie deve essere studiate e valutate per determinarne il loro valore.

Siccome le percentuali per quanto riguarda il diabete tipo 2 sono e restano drammaticamente rilevanti con effetti immaginabili sul lungo periodo, nel tipo 1 invece sappiamo poco o niente a parte di qualche decesso in qua e là in giro per il mondo.

Ecco al di là delle facili indignazioni e reazioni avverse e giuste verso coloro che sfruttano a proprio interesse (di lucro) le altrui debolezze, non possiamo più ignorare questo fenomeno e non basta prenderne coscienza, si deve capire le ragioni di questa deviazione verso l’ignoto e la morte.

In effetti la medicina da sola non basta senza una pratica dell’ascolto e una filosofia del senso di noi negli altri. Poiché vivere, la vita è il bene ma c’è chi, e non sono pochi, ha il male di vivere e per questi l’orizzonte è oscuro, le ferite aperte.

(1) – Ryan EA, Pick ME, Marceau C. Use of alternative medicines in diabetes mellitus. Diabet Med. 2001 Mar;18(3):242-5.
(2) – Chang HY, Wallis M, Tiralongo E. Use of complementary and alternative medicine among people living with literature review. J Adv Nurs. 2007 May;58(4):307-19.

Lo screening della retinopatia diabetica per i bambini con diabete di tipo 1 dovrebbero iniziare più tardi

diabeticretiUn nuovo studio ha scoperto che la presenza di forme avanzate di malattia oculare diabetica rimane bassa tra i bambini che vivono con il diabete, indipendentemente da quanto tempo hanno avuto la malattia o dalla loro capacità di mantenere i livelli dello zucchero nel sangue controllati. I ricercatori quindi raccomandano che la maggior parte dei bambini con diabete di tipo 1 ritardino le proiezioni di retinopatia diabetica annuali fino all’età di 15, o 5 anni dopo la loro diagnosi del diabete, a seconda della quale si verifica in seguito. I loro risultati sono stati pubblicati oggi on-line in Oftalmology, il giornale della American Academy of Ophthalmology.

E’ ben noto che la diagnosi precoce e trattamento tempestivo della retinopatia diabetica riduce la perdita della vista negli adulti, e alcune organizzazioni mediche consigliano per i bambini lo screening per la retinopatia diabetica ogni anno a partire dalla tenera età – dopo 9 anni, o da 3 a 5 anni dopo la diagnosi. Tuttavia, il valore dello screening nei bambini non è stata chiaramente documentato e la prevalenza di grave retinopatia diabetica tra i giovani è poco chiaro.
I ricercatori basati presso l’ospedale dei bambini di Philadelphia e Eye Institute Scheie, Perelman School of Medicine presso l’Università della Pennsylvania hanno iniziato a mettere in discussione le linee guida degli screening attuali di retinopatia diabetica per i bambini. Erano preoccupati che questi esami annuali possano creare un onere finanziario e logistico eccessivo per le famiglie e il sistema sanitario.
I ricercatori hanno condotto uno studio retrospettivo su 370 bambini sotto i 18 anni con diabete tipo 1 e diabete di tipo 2. Alcuni dei partecipanti allo studio avevano livelli di zucchero nel sangue tre volte superiore a quella di una persona senza diabete. Tutti avevano effettuato un controllo oculistico per retinopatia diabetica tra il 2009 e il 2013, ma a nessuno è stata trovata tale patologia.
I ricercatori hanno quindi esaminato i dati che hanno portato alle linee guida di screening attuali. E si è scoperto che gli studi precedenti hanno riportato un tasso di prevalenza della retinopatia diabetica tra lo 0 e il 28 per cento nei bambini oggetto di studio, ma la maggior parte dei casi sono stati molto lievi e quindi non si qualificherebbero per il trattamento. Hanno anche scoperto che la persona più giovani aventi una grave retinopatia diabetica avevano tra i 15 e i 19 anni, e da 5 a 6 anni è stato il più breve tempo segnalato per avere il diabete prima di sviluppare una grave retinopatia diabetica.
Alla luce delle prove disponibili, i ricercatori raccomandano che le proiezioni per i bambini con diabete di tipo 1 potrebbero iniziare in età più avanzata rispetto alle raccomandazioni passate.
“Molti dei nostri giovani pazienti con diabete diligentemente controllato vengono ogni anno per le proiezioni che mostrano costantemente alcun segno della malattia”, ha detto Gil Binenbaum, MD, MCSE, co-autore dello studio. “Naturalmente, questa è una buona notizia per loro, ed è molto importante avere esami oculistici annuali una volta che il rischio di perdita della vista si sviluppa. Ma vale la pena questo peso per la famiglia e il sistema sanitario, se le prove dimostrano che la retinopatia diabetica non c’è e raggiunge uno stadio curabile solo anni dopo? ”
I ricercatori dicono che le eccezioni devono essere effettuate per i bambini con diabete di tipo 2 e di quelli identificati dai loro endocrinologi come aventi alto rischio di complicanze diabetiche. Dovrebbero cominciare le proiezioni per retinopatia diabetica su diagnosi, simili agli adulti con diabete di tipo 2, dal momento che molti pazienti affetti da tale forma vivono con la malattia non controllata prima di essere diagnosticati, e arrivano già in situazione compromessa.
La retinopatia diabetica è la principale causa di cecità tra gli adulti in età lavorativa negli Stati Uniti e colpisce quasi 8 milioni di persone. L’American Academy of Ophthalmology attualmente raccomanda che le persone con diabete di tipo 1 facciano proiezioni annuali per la retinopatia diabetica dopo 5 anni dall’inizio della loro malattia, e che quelli con diabete tipo 2 dovrebbero fare un esame al momento della diagnosi e, almeno una volta ogni anno successivo.

Sesso cibo e rock&roll

thestomachisLo stomaco è la strada per il cuore di una donna: troppo

Avete sentito che il romanticismo inizia in cucina e non in camera da letto? Ebbene, i ricercatori della Drexel University in Philadelphia, hanno finalmente la prova scientifica per sostenerlo coi fatti – ma non nel modo che pensereste.

In un nuovo studio pubblicato online sulla rivista Appetite, i ricercatori hanno scoperto che il cervello delle donne risponde più agli stimoli romantici con lo stomaco pieno anziché vuoto. Lo studio ha esplorato i circuiti cerebrali in condizione di fame contro i sazi tra le donne che venivano prese in carico dai dietisti rispetto a quello che non erano mai state messe a dieta.

Il principale autore dello studio Alice Ely, PhD, ha completato la ricerca, mentre stava svolgendo un dottorato presso la Drexel, e ora è un ricercatore post-dottorato presso il  Centro per il trattamento e la ricerca sui disturbi alimentari, una sezione della UC San Diego School of Medicine. Michael R. Lowe, PhD, professore nel Collegio di Arti e Scienze presso la Drexel University, è autore senior.

“Abbiamo scoperto che le giovani donne con e senza una storia di dieta hanno avuto una maggiore attivazione cerebrale in risposta a immagini romantiche nelle regioni neurali, una ricompensa legata a dopo aver mangiato invece di quando si ha fame”, ha detto Ely.

Ely ha detto che i risultati sono in contrasto con diversi studi precedenti, che hanno dimostrato come le persone in genere mostrano una maggiore sensibilità per premiare gli stimoli quando si ha fame. Tali stimoli possono includere cose come il cibo, il denaro e farmaci.

“In questo caso, erano più reattive quando alimentate,” ha detto. “Questi dati suggeriscono che mangiare può sensibilizzare prima le giovani donne a ricompense oltre il cibo. Supporta inoltre una neuro circuito condiviso per il cibo e il sesso.”

L’ultimo ritrovamento, sulla base di un piccolo studio pilota, è stato sviluppato da Ely e coi primi lavori dei suoi colleghi alla Drexel ‘studiando come il cervello cambia in risposta a stimoli alimentari. In particolare, i ricercatori hanno esaminato se la risposta di ricompensa del cervello col cibo significativamente diversa nelle donne a rischio per l’obesità futura (dieta storica) rispetto a quelle che non si erano mai messe a dieta. Tutti i partecipanti allo studio erano giovani donne in età universitaria di peso normale.

In questo studio sull’obesità, pubblicato nel 2014, i ricercatori hanno scoperto che il cervello delle donne con una storia di dieta ha risposto più drammaticamente agli stimoli alimentari positivi se somministrate rispetto alle donne che non avevano mai fatto diete o che erano al momento in dieta.

“Nello stato alimentato, coloro che erano abituate a fare dieta avevano una maggiore reazione nelle regioni di ricompensa rispetto agli altri due gruppi su elevati stimoli alimentari rispetto a spuntini neutri o moderatamente appetibili,” ha detto. I spuntini altamente appetibili includevano alimenti come il cioccolato, mentre i segnali neutrali sono costituiti da alimenti come le carote, ad esempio

A Ely i dati suggeriscono come le habitué della dieta hanno dimostrato negli studi longitudinali di essere più a rischio per l’aumento di peso, e possono essere predisposte, per via dei loro circuiti di ricompensa del cervello, a desiderare più cibo rispetto alle persone che non hanno fatto dieta, diete.

“Sulla base di questo studio, abbiamo ipotizzato che le abitudinarie della dieta sono sensibili in modo diverso – dopo aver mangiato – per la ricompensa uguale a cibo in generale, quindi abbiamo testato questa percezione confrontando gli stessi gruppi con attivazione cerebrale durante la visualizzazione di immagini romantiche rispetto a stimoli neutri in uno stato di digiuno e alimentato,” ci dice. Il test è stato fatto usando l’imaging mediante risonanza magnetica.

Mentre in entrambi i gruppi i centri di ricompensa rispondono più agli stimoli romantici se viene dato cibo, le persone abituate alla dieta “hanno attività neurale notevolmente diversa dai senza-dieta in una regione del cervello che si era anche alzata negli studi alimentari precedenti.

“Il modello della risposta è stato simile a quello dell’attivazione a coloro che fanno diete ricorrenti durante la visualizzazione di segnali alimentari altamente appetibili, ed è coerente con la rappresentazione della ricerca sulla sovrapposizione delle risposte cerebrali in base al rapporto sesso, farmaco e cibo”, ha detto Ely.

Le fratture sono comuni nel diabete di tipo 1

frattura-cranicaAumento del rischio di fratture, a partire dall’infanzia e che si estende per tutta la vita, è associato con diabete di tipo 1, secondo i risultati dello studio recentemente pubblicato in Diabetes Care.

David R. Weber, MD, MS, dell’Ospedale Pediatrico Golisano, della Facoltà di Medicina dell’Università di, e colleghi dell’Ospedale Pediatrico di Philadelphia hanno valutato i dati ricavati dal Health Network (THIN) su 30.394 partecipanti di età compresa tra 0-89 anni con diabete di tipo 1 e 303.872 e selezionato in modo casuale i partecipanti per età, sesso e combinandoli con i senza diabete (controlli) per determinare l’ effetto sul diabete di tipo 1 del rischio di frattura .

Una storia di frattura prima dell’inizio dello studio di follow-up era più comune nei soggetti con diabete di tipo 1 (19,6%) rispetto ai controlli (17%). Le fratture si sono verificate in più partecipanti con diabete di tipo 1 (8,6%) rispetto ai controlli (6,1%) durante il periodo dello studio.

Un aumento del rischio di fratture è stata trovata per i partecipanti con diabete di tipo 1 in tutte le categorie di età.

HR (Alta Percentuale) per fratture negli uomini variava da 1.14 (95% CI, 1,01-1,29), in quelle con meno di 20 anni per 2,18 (95% CI, 1,79-2,65) in quelle di età compresa tra 60-69 anni e le donne da 1,35 (95% CI , 1,12-1,63) in quelle di età inferiore ai 20 anni per 2,03 (95% CI, 1,73-2,39) in quelle di età compresa tra 40 a 49 anni.

Le fratture degli arti inferiori comprendevano una proporzione maggiore nei partecipanti con diabete di tipo 1 rispetto ai controlli (entrambi i sessi, P <.001). Le fratture dell’anca sono state anche più comuni tra i partecipanti con diabete di tipo 1 ( P = .04 per gli uomini; P = .001 per le donne).

“È sempre più evidente che i dati e l’analisi conseguente suggeriscono che nel diabete di tipo 1 la salute delle ossa ne esce compromessa assieme a una fragilità scheletrica”, ha detto l’endocrinologo Weber. “Il nostro studio estende questi risultati, e mostra per la prima volta che il diabete di tipo 1 è associato ad un aumentato rischio di fratture con inizio durante l’infanzia per estendersi su tutta la durata della vita. Sono necessarie ulteriori ricerche per chiarire l’eziologia del diabete di tipo 1 correlata alla fragilità scheletrica e di elaborare appropriate linee guida per lo screening nella pratica clinica, la prevenzione e il trattamento di questa importante complicazione correlata al diabete “.

Diabete: una questione di etichetta

OrtofruttaLe pesche ora sono qui tra noi frutto gradito e prelibato a cui non riesco rinunciare nella calda, tiepida, fresca estate succedanea parentesi di tormenti e frammenti accontentati tra pali raffinati e no. Tra frutta fresca e secca preferisco la prima magari incontentabile, quale credo d’essere, ci faccio una buona insalata di frutta con albicocche, ciliegie, ananas, mango e banana. La noce di cocco invece la lascio a voi: mi fa proprio schifo, indipendentemente dal fatto nutrizionale che faccia male al diabete. Fa caldo e si dice di affrontarlo bevendo più acqua, mangiando più frutta e verdura, sia per reidratarci che recuperare i sali minerali andati perduti sudati, evaporati col fare della temperatura. Un litania, mantra che dir si voglia, costante in tutto il periodo estivo d’accordo, ma ricordiamoci che dobbiamo idratarci tutto l’anno e non solo ora, che la frutta e verdura dobbiamo consumarla tutto l’anno e non solo ora: capito? Bo, io ci provo a scriverlo e ricordarlo spero qualcuno legga il messaggio di più non riesco e vado in là.

Ma come si legge dalle cronache di Narni il caldo dà alla testa, lancia in resta, e poi con le temperature in costante aumento l’impazzimento si fa ancora più centrifugo e impellente: accidenti! I suoi effetti sono per spalmati e diffusi ad ogni livello della popolazione ed età. Un primo fatto emerge da tanti stati e sintomi che avvertiamo dentro noi: spossamento, inappetenza, stordimento, calo di pressione e zuccheri, d’energia in generale.

L’effetto zombie più eclatante lo riscontriamo nella popolazione anziana, ma attenzione non sottovalutiamo la faccenda, noi tutti siamo a rischio e il principale fattore lo si ricava da un aspetto chiave per il diabetico: la terapia, con insulina, pastiglie o ibrida che sia.

L’estate, il caldo ci fa dimenticare di prendere i farmaci e saltare l’insulina? Possibile, basta non esagerare però e prendere le contromisure necessarie: anche a me è capitato. Allora che si fa? E’ sufficiente prendere alcune semplici misure pratiche.

Compresse: ci sono porta pastiglie di tutti i tipi e dimensioni anche con timer incorporato memorizzabile così da suonare al momento, ora in cui si deve ingollare la compressa. Tale contenitore a scacchiera partizionabile è indicato, anzi raccomandato per quanti hanno una terapia multipla e complessa da gestire.

Iniezioni d’insulina: qui il discorso si fa più articolato con possibili semplici e diversi metodi applicabili. Quanti usano ancora le siringhe di plastica possono attaccare alla siringa un etichetta con l’ora e giorno della puntura posizionata in un luogo ben visibile. Penna: nel cilindro della penna ogni dì possiamo attaccare x numero etichette per gli orari della iniezione così ricordarlo e staccarle mano a mano le facciamo.

Microinfusore: la gestione del strumento offre il massimo della flessibilità, se un diabetico ha da fare perentoriamente il bolo per il pasto tra le utilità presenti nel menù funzioni della pompa c’è anche il set d’allarme programmabile per una prestabilita ora così da rammentarci quando fare l’infusione.

Naturalmente erano alcuni esempi poi, concludendo, ciascuno di noi può personalizzare e trovare il sistema valido per ricordarsi di fare la terapia. Buona villeggiatura!

Diabete

Il diabete tipo 1 sul groppone da un giorno o 54 anni? Non perdere la fiducia e guarda avanti perché la vita è molto di più, e noi siamo forti! Non sono un medico. Non sono un educatore sanitario del diabete. Non ho la laurea in medicina. Nulla in questo sito si qualifica come consulenza medica. Questa è la mia vita, il diabete - se siete interessati a fare modifiche terapeutiche o altro al vostra patologia, si prega di consultare il medico curante di base e lo specialista in diabetologia. La e-mail, i dati personali non saranno condivisi senza il vostro consenso e il vostro indirizzo email non sarà venduto a qualsiasi azienda o ente. Sei al sicuro qui a IMD. Roberto Lambertini (fondatore del blog dal 3/11/2007)

Newsletter

Informazione

Avete un evento, manifestazione (sportiva e non), convegno sul diabete o legato ad esso? Se la risposta è sì fatemelo sapere attraverso l'invio dei dati e iinformazioni scrivendole nel form presente all'interno della pagina Scrivimi del blog. Le iniziative predette saranno publicizzate all'interno di questo spazio gratuitamente e immediatamente. Grazie per il vostro interesse Roberto Lambertini

Eventi

Sommario post

Categorie post

IMD è mobile

Il Mio Diabete social

Il mio diabete

Promuovi anche tu la tua Pagina

Instagram

Google+





Visualizza il profilo LinkedIn di Roberto Lambertini Visualizza il profilo di Roberto Lambertini

Blogosfera

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog


2016 Image Banner 120 x 600