Tecno

Cosa pratica

glucagone

Alla ricerca di strumenti utili nella vita col diabete ho pescato un annuncio di un prodotto che prossimamente verrà messo in distribuzione, con prescrizione medica: l’ho scovato sul blog inglese dedicato alle tecnologie utili per noi diabetici. Si tratta di un dispositivo adatto  in caso di grave crisi ipoglicemica del diabetico. Oggi in coincidenza di una ipoglicemia, quando il malato non reagisce o non assimila lo zucchero somministrato per via orale in tempi brevissimi, prima di portarlo d’urgenza al pronto soccorso  per riaverlo con una flebo glucosata, si può iniettare sotto pelle o intramuscolo una dose monouso di Glucagone biosintetico. Il Glucagone è un ormone naturale, che ha l’effetto opposto dell’insulina nel corpo umano. Esso facilita la conversione del glicogeno a glucosio nel fegato. Il glucosio viene poi rilasciato nel circolo ematico, ed in questo modo il diabetico riprende coscienza.  Io in casa tengo un kit di Glucagone dal nome commerciale: Glucagen® Hypokit prodotto dalla Novo Nordisk®. Ad oggi il difetto di questo materiale è dato dal fatto che devi prima miscelare l’ormone  con l’acqua sterile, agitare e poi iniettare; con i problemi che possono insorgere quando si è presi dall’urgenza, e sempre che uno sia in grado, manualmente e psicologicamente, di fare una iniezione sotto cute o intramuscolo. Or bene col prodotto che annunciavo all’inizio, dal nome Glucapen, si andrà a facilitare le cose: come si vede dalle foto,pen il prototipo del dispositivo consente di iniettare il Glucagone con una sola mossa; nella pratica si tratta di una penna pronta per essere usata, con tutti i vantaggi che comporta per poter affrontare una grave crisi ipoglicemica. Si resta in attesa della sua concreta disponibilità.