Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

In tempi diversi

La fornitura del materiale per il microinfusore rappresenta un passaggio da tenere in stretta considerazione nella vita logistica con il diabete di tutti i giorni. Ogni tre mesi devo andare a ritirare il materiale di consumo per l’apparecchio: cannula, cartuccia per la ricarica dell’insulina, sensori glicemici; nella prima fornitura dovevano lasciarmi anche le batterie per lo strumento e i cerotti speciali per il trasmettitore ma tale materiale non mi è stato consegnato per un disguido organizzativo, così ho provveduto io a fornirmi di un piccolo supplemento di questi prodotti così da supplire alla necessità. La prossima volta farò presente la cosa ed esigerò la consegna completa della fornitura; per fortuna mi sono fatto una fotocopia della richiesta di tutto il corredo rilasciata dalla diabetologa così da evitare possibili e deprecabili rimpalli. L’elemento che desidero ancora una volta evidenziare, nella fase di avvio della procedura burocratica per avere il microinfusore e accessori, riguarda il dover aver a che fare con tanti passaggi in strutture amministrative diverse dell’Azienda Sanitaria quindi oltre a fare una mappatura topografica delle sedi, occorre controllare per bene se ci consegna tutto perché alla fine qualcosa finisce sempre per mancare. Inoltre abbiate cura di farvi lasciare i contatti del rappresentante dell’azienda fornitrice dello strumento così da segnalare ogni eventuale problema, e di solito queste imprese, come la Medtronic, hanno un numero verde per affrontare le situazioni di criticità possibili nelle 24 ore; io ho avuto la possibilità di avvalermi del servizio telefonico e posso assicurare che funziona ed è efficiente nel fornire l’assistenza da me richiesta

Sostienici con un acquisto o donazione