Ricerca

Sul piatto della bilancia

Dal titolo del pezzo odierno penserete che tratto di argomenti legati al cibo, alimentazione e dieta? Invece no: il tema cui voglio prestare attenzione, a pochi giorni dalla conclusione della giornata mondiale del diabete per il 2010, riguarda i passi compiuti dalla ricerca in questo campo, se il bilancio può essere considerato positivo oppure no; un modo per capire in quant’acqua stiamo e se pssiamo ancora nuotare o essere immersi. In questo articolo tratterò dell’evoluzioni dei ricercatori nel campo del diabete giovanile o tipo 1.

Gli scienziati hanno fatto importanti scoperte nel corso dell’ultimo anno che potrebbero un giorno portare a togliere dal vocabolario e libri di medicina la malattia: diabete giovanile – tipo 1. Questa è una buona notizia per la Giornata Mondiale del Diabete si appena celebrata. Creata nel 1991 come progetto congiunto tra l’International Diabetes Federation e l’Organizzazione Mondiale della Sanità per portare maggiore attenzione alla minaccia per la salute pubblica del diabete. La Giornata Mondiale del Diabete è stata ufficialmente riconosciuta dalle Nazioni Unite nel 2007, per la cronaca e la storia (curioso proprio quando è visto la luce il mio blog).

Uno dei risultati più eccitanti nella ricerca sul diabete di tipo 1 di quest’anno è venuto dal laboratorio del Dr. Pere Santamaria operante presso l’Università di Calgary, dove i ricercatori hanno sviluppato un vaccino che con successo ha annullato il diabete nei topi. Fatto strategico: il vaccino è stato in grado di mirare solo le cellule immunitarie che sono stati responsabili della distruzione delle cellule beta che producono insulina nel pancreas! “La speranza è che questo lavoro si tradurrà per gli esseri umani”, ha dichiarato il Dr. Richard Insel, direttore scientifico per la Juvenile Diabetes Research Foundation. “E la cosa interessante è che si sono aperti alcuni percorsi di cui ignoravamo l’esistenza.” Il risultato apre la strada verso altre considerevoli ricerche sul funzionamento delle cellule beta nel tipo 1 ha rimarcato che Insel.

Pedro Herrera, presso l’Università di Ginevra Medical School, e il suo team ha scoperto che il pancreas adulto può effettivamente rigenerare le cellule alfa nel funzionamento delle beta. Altri ricercatori, secondo Insel, sono stati in grado di riprogrammare le altre cellule del corpo in beta, come le acinose del pancreas e delle cellule nel fegato. Questo tipo di manipolazione cellulare, si chiama riprogrammazione, un processo diverso e meno complesso rispetto alla creazione di cellule staminali pluripotenti indotte, quindi ci sono meno problemi potenziali con questo processo, ha affermato.

Un altro sviluppo interessante che ha cominciato a concretizzarsi riguarda l’avvio della sperimentazione su essere umano (bimbi, ragazzi e adulti diabetici di tipo 1) del primo sistema chiuso ad anello pancreas artificiale, e mentre c’è ancora una lunga strada da percorrere nel processo normativo (si parla di almeno cinque anni, Insel ha detto che i “risultati molto promettenti.”

In conclusione per la prima volta sento di poter dire che la strada intrapresa a livello di ricerca comincia veramente a gettare le basi per una futura e non lontana liberazione dal diabete giovanile – tipo 1, quindi avanti con il sostegno alla ricerca.

Categorie:Ricerca

Con tag:,