Vivo col Diabete

Il giorno

Adv

Uscito dalle peripezie influenzali oggi finalmente mi sono recato alla prima visita del 2011 presso il centro di diabetologia (in realtà doveva essere l’ultima dell’anno 2010). L’appuntamento avviene a distanza di cinque mesi dal precedente: segno del buon procedere con il diabete e la tendenza è confermata ancora una volta dagli referti degli esami di laboratorio fatti per l’occasione. Una cosa positiva di questi controlli, rispetto al passato, è costituita dall’eliminazione, per me, dell’essere a digiuno prima della glicemia. Oggi arrivo dopo aver fatto colazione e quindi la parte più tortuosa è costituita dall’attesa, anticamera prima del mio turno di visita. Solitamente l’intervallo di tempo dura due ore, e in questa occasione è andata molto meglio: un’ora, forse erano a casa tutti con l’influenza?. Il tempo infausto mi ha fatto soggiornare nel corridoio del centro sanitario passato a gingillarmi con il telefonino, leggere il giornale e ascoltare un poco le facezie degli astanti: un poco a corto d’argomenti per l’occasione.

Poi finalmente giunge l’ora X e vengo accolto dal medico per lo scopo della giornata: la visita. Alla luce degli esami fatti e dei controlli compiuti su loro richiesta, compresa la visita oculistica, lo specialista ha confermato l’ottimo stato del diabete e lo schema terapeutico di somministrazione dell’insulina. Il lato che resta da seguire con particolare attenzione riguarda la funzione renale, in leggera sofferenza a causa di un’ipertensione arteriosa non bene controllata per via farmacologica. Il medico ha prescritto gli rsami di laboratorio consuenti, come l’emoglobina glicata e microalbuminuria ad esempio,  da portare possibilmente alla prossima visita di controllo prevista tra sei mesi.

Adv

E così fatta anche questa visita posso aprire l’anno in positivo con tanto di timbro e bollo ufficiale sanitario. Altre valutazioni da aggiungere? Un’ultima sì: quando ripercorre gli stessi posti passati e ripassati per più di quarant’anni, e per molti aspetti uguali identici alla mia infanzia, vedo tutto con gli occhi del presente e dico che si può sempre migliorare.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: