Ricerca

Rapporto contrastato

Le indagini epidemiologiche fatte a livello nazionale mettono in luce come in Italia il diabete tipo 1 risulterebbe avere un buon controllo: il 25% dei diabetici riesce a tenere la glicata sotto il valore 7; a livello mondiale è uno dei risultati migliori, e non c’è da stare allegri per la restante parte. Il contesto cui data questa informazione fa pensare ai risultati di una ricerca uscita dall’Università di Helsinki a proposito della percezione sul diabete nel rapporto operatori sanitari e assistiti.L’indagine ha visto coinvolti un migliaio di persone e per la complessità e vastità della ricerca è e stato per me difficile riuscire a sintetizzare tutto il notevole lavoro svolto. I dati sono stati rilevati in primavera dell’anno 2010. La ricerca ha sottolineato come il 70% degli operatori vede il diabete come una condizione patologica d’ardua gestione (il dato si equivale tra medici e infermieri), in particolare sotto il profilo della comprensione nelle informazioni e accettazione delle regole alla base del quotidiano vivere con la malattia. La maggioranza degli intervistati, 65% afferma che i programmi di educazione permanente per il diabete sono seguiti poco e male, mentre per l’80% degli operatori viene messo in risalto il bisogno d’informazione sui risultati delle ricerca in campo biomedico e delle tecnologie utili per il diabete.La ricerca, spostata sul lato dell’assistito, ovvero il diabetico, conferma in un buona parte i dati risultati dalla sfera degli operatori sanitari. Infatti l’80% dichiara di avere una sostanziale difficoltà nel capire come funziona tutto il meccanismo della gestione quotidiana del diabete. La quasi totalità dei rilevati (90%) ritiene utile avere risposte pronte per l’uso nelle condizioni di difficoltà possibili durante la giornata: quanta insulina fare per correggere una iperglicemia ad esempio.La sintesi di questo importante lavoro mette ancora una volta in chiaro un fatto: occorre metodicità e costanza informativa ed educativa per scalfire la resistenza e durezza di comprendonio circa il modo di vivere tutti i giorni con il diabete, sia sotto il profilo fisico che comportamentale.

Sostienici con un acquisto o donazione

Categorie:Ricerca

Con tag: