Complicanze varie/eventuali

Non per tutti

Pubblicità

Ogni tanto capita di apprendere notizie buone per noi diabetici, anche se non per tutti: una studio condotto presso lo Joslin Diabetes Center di Boston (USA) ha messo in luce come le complicanze derivanti dal diabete di tipo 1 (retinopatia diabetica per esempio) non sono inevitabili. La ricerca evidenzia come per una parte di questi diabetici ci sia una schermatura dalle patologie collegate alla scompensazione della malattia In un gruppo di persone che ha avuto il diabete di tipo 1 da più di 50 anni, quasi il 43 per cento è rimasto libero fa forme gravi di retinopatia diabetica, mentre circa l’87 per cento non ha mai sviluppato nefropatia, poi circa il 40 per cento erano esclusi da danni al sistema nervoso e più del 50 per cento erano liberi da malattie cardiovascolari, sempre secondo lo studio in questione.

“Abbiamo identificato un gruppo di persone che possono chiaramente vivere bene con il diabete da molto tempo”, ha detto il Dr. George King, direttore scientifico presso il Joslin Diabetes Center di Boston. “Ora, siamo in procinto di scoprire perché, e questa è la seconda, più complessa fase dello studio”. I risultati dello studio sono pubblicati nel numero di aprile di Diabetes Care .

Pubblicità

Il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune in cui il sistema immunitario attacca per errore le cellule che producono insulina nel pancreas. L’insulina è un ormone che è necessaria al nostro corpo e cervello per poter utilizzare gli zuccheri ricavati dai carboidrati come combustibile. Le persone con diabete di tipo 1 deve prendere insulina in sostituzione, attraverso iniezioni o una pompa per l’insulina, per tutta la vita.Senza insulina, o senza insulina a sufficienza, il corpo non può utilizzare lo zucchero e questo si accumula nel sangue. A lungo termine elevati livelli di zucchero nel sangue possono causare una serie di problemi gravi, tra cui la retinopatia diabetica negli occhi, danni renali, problemi nervosi e malattie cardiache, con danni gravi per salute.

Precedenti ricerche hanno dimostrato che un buon controllo dei livelli di zucchero nel sangue può aiutare a prevenire queste complicazioni. Ma è difficile mantenere ben controllata la glicemia senza incorrere a livelli molto bassi (ipoglicemia), una condizione potenzialmente pericolosa in sé.
[ad#Simple]