Ricerca

Chiama il 45506

45506Una grave complicanza del diabete di tipo 1 chiamata chetoacidosi diabetica (DKA) può causare cambiamenti temporanei alla materia cerebrale nei bambini con recente diagnosi della malattia.

Cosa c’è di più grave nei cambiamenti possono causati da una diminuzione della memoria e l’attenzione che persiste per almeno un anno e mezzo a seguito della diagnosi di tipo 1 del diabete?
“I bambini e gli adolescenti con diagnosi di diabete tipo 1 e chetoacidosi diabetica mettono in evidenza nella materia grigia del cervello un restringimento materia e gonfiore nella materia bianca”, ha detto l’autore principale dello studio, il Dott. Fergus Cameron, capo della diabetologia all’Ospedale Pediatrico Royal Victoria, Australia. “Anche se questi cambiamenti si risolvono entro la prima settimana, sono associati a cambiamenti cognitive della memoria e l’attenzione, che sono presenti sei mesi dopo la diagnosi.”
Anche se sono sottili queste variazioni “hanno il potenziale per incidere neicompiti di apprendimento di livello superiore”, ha aggiunto.
L’incidenza del diabete di tipo 1 è aumentato drammaticamente negli ultimi anni.

Alti livelli di chetoni possono avvelenare il corpo e causare chetoacidosi diabetica.
Cameron ha detto tra il 20 e il 30 per cento delle persone con nuova diagnosi di tipo 1 hanno chetoacidosi diabetica. La condizione può anche svilupparsi in seguito nel tipo 1, quando i problemi si presentano con la gestione del diabete.
Lo studio, pubblicato online il 22 maggio sulla prestigiosa rivista Diabetes Care, ha incluso 36 bambini e ragazzi con chetoacidosi diabetica e 59 senza. A tutti era stato recentemente diagnosticato il diabete di tipo 1 tra i 6 e i 18 anni.

Tutti hanno fatto risonanza magnetica cerebrale su due giorni, cinque giorni, 28 giorni e sei mesi dopo la diagnosi. Hanno inoltre fatto test della memoria e attenzione in simili momenti.
I ricercatori hanno scoperto un diminuito volume della materia grigia nei bambini con chetoacidosi diabetica, così come gonfiore nella materia bianca . Questi cambiamenti del cervello si sono risolti rapidamente.
Ma i bambini che avevano vissuto questi cambiamenti cerebrali risultava un richiamo di memoria più ritardato e più povero nei punteggi d’attenzione sostenuti e suddivisi per almeno sei mesi dopo la chetoacidosi diabetica, secondo lo studio.
“Cambiamenti nella memoria e attenzione sono sottili, e possono o non possono essere notati da un genitore o un insegnante su una base quotidiana”, ha detto Cameron. “Tuttavia, ogni decremento dell’attenzione o della memoria nei bambini, rappresenta una fonte di preoccupazione per come i bambini stanno acquisendo nuove conoscenze e apprendimento di nuove competenze nel tempo.”
Cameron si è detto preoccupato del fatto che ripetuti episodi di chetoacidosi diabetica potrebbe portare a danni cumulativi.
Anche se questo studio ha esaminato solo  un periodo di sei mesi, Cameron ha detto che la ricerca precedente suggerisce come questi cambiamenti possano essere più duraturi.
Aaron Kowalski, vice presidente nei trattamenti terapeutici per JDRF, ha detto che i genitori non dovrebbero essere eccessivamente preoccupati da questi risultati. Un certo numero di studi hanno esaminato le funzioni cerebrali e diabete. “La questione è se il diabete ha un effetto a lungo termine  durata sul pensiero e il ragionamento, e il dato non c’è. Studi a lungo termine suggeriscono che non ci sia un effetto a lungo termine,” ha detto.
Ma l’argomento merita ulteriori ricerche, Kowalski ha aggiunto, e sottolinea la necessità di continuare a impedire che la chetoacidosi diabetica si verifichi. “DKA uccide ancora le persone, quindi abbiamo bisogno di fare di meglio. Abbiamo bisogno di strumenti migliori. Ed abbiamo bisogno di educare i medici di più sui sintomi del diabete di tipo 1,” ha detto.
Segni e sintomi di diabete di tipo 1 sono:
Estrema sete e la fame
Minzione frequente.
Perdita di peso improvvisa
Cambiamenti di umore
Sonnolenza
Disturbi visivi
Odore fruttato del respiro
Se noti uno qualsiasi di questi segni, un semplice  esame del sangue prelevato dal dito presso l’ambulatorio del nostro medico può diagnosticare il diabete di tipo 1.

Enhanced by Zemanta

Categorie:Ricerca

Con tag:,