Ricerca

Una specifica proteina può aiutare le cellule beta a sopravvivere nel diabete di tipo 1

cellule betaScovato potenziale terapeutico dalla proteina MANF per ridurre lo stress delle cellule beta nel diabete di tipo 1.

Nel pancreas sano di senza diabete di tipo 1 (T1D), l’ormone insulina (essenziali per trasformare il cibo in energia) è prodotto, immagazzinato e rilasciato in un processo normale all’interno delle cellule beta pancreatiche in risposta al glucosio contenuto nell’alimentazione giornaliera. Presto nel corso del T1D, tuttavia, l’eccessivo o patologico stress nelle cellule beta compromette la loro capacità di secernere insulina correttamente, innescando una cascata di eventi che in definitiva contribuiscono alla morte delle stesse cellule beta. Negli ultimi anni, i ricercatori JDRF-finanziati dall’UE hanno trovato la prova che lo stress delle cellule beta può giocare un ruolo nell’insorgenza del diabete di tipo 1, e stanno esplorando modi possibili per impedire che si verifichi, quindi, potenzialmente per tentare di proteggere la salute delle cellule beta e il mantenimento della loro funzione  normale . Nel mese di aprile, i ricercatori JDRF in Finlandia hanno rilasciato nuove scoperte nella  che aggiungono un altro pezzo al puzzle nel legame dello stress cellulare beta con il diabete di tipo 1.

Guidati dal Dott. Mart Saarma, Dr. Maria Lindahl, e il Dr. Timo Otonkoski dell’Università di Helsinki, insieme ad altri ricercatori, lo studio ha mostrato che una proteina chiamata MANF (mesencefalico astrociti fattore neurotrofico derivato) può aiutare a proteggere le cellule beta da una risposta eccessiva o patologica allo stress. Nello studio, topi deficienti nella proteina sviluppano una rapida insorgenza del T1D a causa di una diminuzione della massa delle cellule beta dopo la nascita. Al contrario, la sovraespressione della proteina MANF nei topi ha determinato un aumento della rigenerazione delle cellule beta e la sopravvivenza delle cellule beta promosse in questo modello murino di diabete di tipo 1. Lo studio indica che la proteina MANF può contrastare lo stress delle cellule beta, promuovendo la proliferazione e la sopravvivenza delle cellule beta in formazione  che potrebbe rivelarsi preziose per lo sviluppo traslazionale delle terapie di sopravvivenza delle cellule beta per gli esseri umani con diabete di tipo 1 in futuro.

Questi risultati vengono grazie a  un assegno di ricerca triennale da JDRF per sostenere la scoperta e lo sviluppo di metodi potenziali per proteggere e rigenerare le cellule beta nelle persone con diabete di tipo 1.  La crescente conoscenza della biologia delle cellule beta, grazie a studi come questo, aiuta ad aprire percorsi multipli nella direzione di una preservazione e ripristino della funzione delle cellule beta nelle persone con diabete di tipo 1.

Fonte: Cell

Link all’abstract della ricerca

Enhanced by Zemanta

Categorie:Ricerca

Con tag:,