Ricerca

Il ripristino degli ormoni tiroidei (dei topi) può aiutare a prevenire i problemi cardiovascolari nei diabetici tipo 1

TiroideLa somministrazione di basse dosi di un ormone tiroideo nei ratti con diabete ha aiutato a ripristinare i livelli ormonali e ha impedito il deterioramento della funzione cardiaca e delle patologie cardiovascolari connesse, secondo quanto riportato all’interno di un nuovo studio condotto dal professor A. Martin Gerdes dal NYIT College of Osteopathic Medicine di New York (USA).

Lo studio, pubblicato nell’edizione online di Molecolar Medicine  fornisce la prima chiara indicazione di come i livelli bassi dell’ormone tiroideo nel tessuto cardiaco di pazienti diabetici possono essere la causa principale dell’associata malattia cardiaca, afferma Gerdes.

Lo studio rileva che il diabete provoca bassi livelli nella tiroide che contribuiscono ad alimentare una insufficienza cardiaca. Nei modelli animali, Gerdes e colleghi hanno scoperto come la somministrazione di basse dosi di forma attiva dell’ormone tiroideo, T3, aiuta a prevenire la progressione della malattia cardiaca.

“Questo trattamento ha impedito i cambiamenti anormali nell’espressione genica, la patologia dei tessuti e la funzione del cuore”.

Lo studio più recente si basa su un crescente corpo di ricerca da parte Gerdes e altri ricercatori che collega bassi livelli dell’ormone tiroideo nel tessuto cardiaco con l’insufficienza cardiaca. La ricerca è stata finanziata dal National Institutes of Health e American Diabetes Association. Studi precedenti hanno dimostrato che gli attacchi di ipertensione e cuore anche innescati da bassi livelli di ormoni tiroidei cardiaci  contribuiscono all’insorgenza della patologia del cuore.

“Le implicazioni cliniche sono profonde e di vasta portata perché suggeriscono che la malattia cardiaca associata al diabete può essere facilmente prevenibile”. E, soprattutto, la dose che abbiamo rilasciato di ormone T3 non ha cambiato significativamente il siero (sangue) i livelli di ormone tiroideo, ma era sufficiente per fare la differenza nel tessuto cardiaco.”Ha rimarcato Gerdes

I livelli della tiroide di un individuo sono in genere misurati dagli esami del sangue. Ma Gerdes ha notato che i valori degli ormoni tiroidei nel tessuto cardiaco non corrispondono necessariamente con le letture delle analisi del sangue dei livelli della tiroide. Un individuo con malattia cardiaca e tessuto cardiaco con bassi livelli degli ormoni tiroidei può avere risultati del sangue normali, in parte perché il sangue è diluito 20 volte in uscita  dal cuore e riunito all’apparato circolatorio circolatorio. Eppure la ricerca ha sempre trovato che basse dosi sostitutive dell’ormone tiroideo possono essere una terapia sicura ed efficace per aiutare gli esseri umani che soffrono di malattie cardiache.

“La condizione dell’ipotiroidismo può causare da sola insufficienza cardiaca”, dice Gerdes. “La domanda fondamentale che dovremmo porci in merito ai pazienti con insufficienza cardiaca: quanto è dovuto alla malattia diagnosticata e quanto di deve ai livelli bassi degli ormoni tiroidei nel cuore? Ci deve essere chiaramente  più consapevolezza per quanto riguarda la ricerca esaminando l’impatto dei livelli di ormone tiroideo nel cuore e il ruolo che questo svolge in condizione di accelerazione dell’insufficienza cardiaca.”

Occorre sviluppare la ricerca e si rende necessario  per identificare  il siero bio-marcatore periferico che traccia con livelli di ormone tiroideo bassi nel cuore.

“C’è così tanta paura di sovraesposizione del trattamento (con gli ormoni) così da indurre aritmie che i medici in generale evitano completamente il trattamento nei pazienti cardiopatici con ormoni tiroidei,” dice. Ma abbiamo stabilito una trattazione chiara e un programma di monitoraggio in questo studio sicuro e che può essere utilizzato nelle persone”.

Gerdes ha condotto la ricerca per tre anni al NYIT. I suoi colleghi sono i ricercatori dell’University of South Dakota, Center for Heart and Lung Research presso l’Istituto Feinstein di ricerca medica, e dell’Università di Pisa, Italia.

Categorie:Ricerca

Con tag:,