Ricerca

Sputaci sopra e sai la glicemia

Pubblicità

ricercatoreEro comodamente seduto al tavolo del catechismo e guardavo i miei allievi sputacchiare nell’acqua nello specchio d’acqua antistante la sala e guarda caso leggo questa notizia.

Un nuovo tipo di sensore per noi diabetici è stato sviluppato per misurare la glicemia con la saliva al posto del sangue, sostengono i ricercatori, Ma per arrivare a un dispositivo usabile è ancora lunga la strada.

Pubblicità

Gli scienziati della Brown University di Providence, RI, (USA) ha creato il sensore e testato con successo utilizzando saliva artificiale. Essa utilizza luce e un enzima speciale che cambia colore quando esposto alla glicemia.
“Tutti sanno che i diabetici devono pungersi le dita per estrarre il sangue e poter controllare la glicemia e poi rispondere a tali informazioni. Ed essi lo devono fare più volte al giorno”, ha detto il co-autore Tayhas Palmore, un professore di ingegneria, chimica e scienza medica presso la Brown.
“Stiamo cercando un’altra possibilità, e la saliva è un altro fluido corporeo che potrebbe essere misurato in alternativa”, ha detto Palmore.
Questa idea è benvenuta, ha detto il dottor Joel Zonszein, direttore del Clinical Diabetes Center al Montefiore Medical Center di New York City. “Le persone hanno bisogno di trovare nuove vie non invasive per misurare la glicemia.”
Il sensore non sarà disponibile presto, però. “Il processo di approvazione della US Food and Drug Administration richiederà molto tempo, e dobbiamo vedere come sa essere preciso il dispositivo negli individui, specialmente in coloro che stanno mangiando e bevendo, così da poter eventualmente contaminare il campione”, ha detto Zonszein.
I risultati dello studio, che ha ricevuto finanziamenti dal National Science Foundation, sono stati pubblicati recentemente sulla rivista Nanofotonica .
I ricercatori si sono resi conto che la saliva contiene anche glucosio, anche se in quantità molto inferiori.
Il nuovo dispositivo utilizza la luce e una superficie metallica che interferisce con il modo in cui la luce colpisce il campione, mi ha detto Palmore. La luce “legge” come uno speciale enzima reagisce alla presenza di zucchero nella saliva per misurare la concentrazione del campione.
I ricercatori hanno testato il sensore su saliva artificiale per vedere come funziona senza le potenziali complicazioni che si trovano nella saliva naturale. Ad esempio, il cibo o bevande potrebbe alterare i risultati. Il sensore è in grado di rilevare i livelli di zucchero con elevata precisione, hanno detto.
Palmore ha affermato che il prossimo passo è quello di rendere il dispositivo portatile, si spera abbastanza piccolo da stare in una mano. Hanno anche bisogno di testarlo sulla saliva naturale e trovare sorgenti luminose a basso costo. I ricercatori stanno anche lavorando sui modi per misurare i livelli di insulina nel corpo.
Una sorta di risciacquo per l’uso prima di testare un campione di saliva è anche necessario. Un collutorio potrebbe togliere il cibo o altri contaminanti che potrebbero influenzare la lettura di glucosio, secondo Palmore.
“Solo perché c’è un modo stabilito di misurare lo zucchero nel sangue , non significa che è l’unico modo “, ha detto Palmore. “Questo è un settore prioritario della ricerca per molte persone.
Zonszein ha aggiunto che l’idea di cercare alternative è un buon compromesso. “Ma la strada per applicare tale processo dal laboratorio alla sperimentazione clinica umana è ancora molto lontana”, ha detto. Non sputiamoci sopra: anzi sì.

Categorie:Ricerca

Con tag:,