Ricerca

‘Comando interruttore ‘ del glucosio nel cervello elemento chiave per entrambi i tipi di diabete

Adv

glucosecontr

“Abbiamo scoperto che l’endopeptidasi prolyl enzima situato in una zona dell’ipotalamo conosciuto come il nucleo ventromediale  imposta una serie di passaggi in movimento che controllano i livelli del glucosio nel sangue”, ha detto l’autore Sabrina Diano,  professore presso il   Dipartimento di Ostetricia, Ginecologia e Scienze della Riproduzione, Medicina Comparativa, e Neurobiologia alla Yale School of Medicine. “I nostri risultati potrebbero portare a nuovi trattamenti per il diabete.”

Il nucleo ventromediale contiene cellule sensori del glucosio. Per capire il ruolo del prolyl endopeptidase in questa parte del cervello, il team ha utilizzato i topi che sono stati geneticamente ingegnerizzati con bassi livelli di questo enzima. Essi hanno scoperto che, in assenza di questo enzima, i topi avevano alti livelli di glucosio nel sangue e diventavano diabetici.

Diano e il suo gruppo hanno rilevato  l’importanza dell’enzima poiché rende i neuroni in questa parte del cervello sensibili al glucosio. I neuroni percepiscono l’aumento dei livelli di glucosio e poi indicano al pancreas di rilasciare l’insulina, che è l’ormone in grado di mantenere un livello costante del glucosio nel sangue, a prevenzione del diabete.

“A causa dei bassi livelli di endopeptidasi, i neuroni non erano più sensibili ad un aumento dei livelli di glucosio e non potevano controllare il rilascio di insulina dal pancreas, e il topo ha sviluppato il diabete.” ha detto Diano, che è anche membro del Programma in Yale nella segnalazione cellulare Integrativa e Neurobiologia del Metabolismo.

Diano ha detto che il prossimo passo in questa ricerca è quello di identificare gli obiettivi di questo enzima e  capire come rende i neuroni in grado di percepire i cambiamenti nei livelli della glicemia. “Se riusciamo a fare questo, potremmo essere in grado di regolare la secrezione di insulina, ed essere in grado di prevenire e curare il diabete di tipo 2 “, ha  affermato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: