Complicanze varie/eventuali

Dispositivo indossabile per la diagnosi precoce di una comune condizione neurologica correlata al diabete

Adv

Un gruppo di ricercatori di Taiwan ha sviluppato una nuova tecnologia ottica che può essere in grado di rilevare precocemente una complicanza del diabete e migliorare notevolmente il suo trattamento. Se il dispositivo si dimostra sicuro ed efficace nei test clinici, potrebbe aprire la strada per la diagnosi precoce e il trattamento più efficace di questa complicanza, chiamata neuropatia diabetica autonomica, che è comune tra le persone sia con diabete tipo 1 e che  di tipo 2. La condizione colpisce progressivamente i nervi autonomici i quali controllano organi vitali come il cuore e il sistema gastrointestinale. Questo può portare a problemi come svenimento, incontinenza, nausea, aritmie cardiache e un aumentato rischio di infezione batterica.

Descritto in un articolo pubblicato oggi in The Optical Society (OSA) giornale Ottica Applicata , la nuova tecnologia è un piccolo dispositivo indossabile chiamato pupillometro che si può appendere su un paio di occhiali da vista e pesa solo 78 grammi, leggermente più pesante di Google Glass . Sviluppato da un team della National Taiwan University Hospital, presidio  di Hsin Chu e del National Chiao-Tung University, il dispositivo è stato progettato per essere indossato per una mezz’ora o giù di lì nello studio  medico.

Il Rilevamento asintomatico della neuropatia diabetica autonomica fatto precocemente e il suo trattamento effettuato in  modo corretto può portare a un miglioramento importante della salute dei soggetti interessati. Attualmente la condizione è spesso non rilevata fino a quando sono presenti  i danni al nervo e la disfunzione nell’organo.

Attualmente i medici si basano sull’osservazione dei cambiamenti di velocità nella digestione, frequenza cardiaca e pressione del sangue per rilevare la neuropatia diabetica autonomica, ma questo limita la loro capacità di fare una diagnosi nella fase iniziale, ha detto Mang-Ou Yang, che ha condotto la ricerca con i colleghi dell’Università National Chiao-Tung. Ora si è dimostrato che il controllo nei  diabetici può avere un approccio migliore.

“Rispetto alle tecniche diagnostiche esistenti, il pupillometro è una soluzione più affidabile, efficace, portatile e poco costosa per la diagnosi della neuropatia diabetica autonomica nelle sue fasi iniziali”, ha detto Ou-Yang.

La pupilla è utile per rilevare neuropatia autonomica diabetica a causa delle condizioni neurologiche causate dalla malattia. Come molti organi, gli occhi e la pupilla sono doppiamente innervati, riceveno segnali da entrambe le divisioni del sistema nervoso autonomo simpatico e parasimpatico. Queste divisioni controllano , rispettivamente i muscoli circolari e radiali.

Il pupillometro, che è abbastanza piccolo da essere montato sulla parte anteriore di un paio di occhiali, funziona emettendo quattro luci colorate per stimolare la pupilla. Un beam splitter attaccato al dispositivo, quindi filtra la luce visibile che viene riflessa dall’occhio alla fotocamera del dispositivo, il quale elabora le immagini per analizzare le dimensioni della pupilla.

Il dispositivo misura 10 parametri relativi al diametro della pupilla e tempo di risposta. Di questi 10, i ricercatori hanno scoperto che cinque parametri erano significativamente differenti nei soggetti con neuropatia diabetica autonomica.

Ou-Yang dice che se i test clinici hanno avuto successo, il pupillometro potrebbe essere disponibile entro la fine del decennio.

La ricerca futura per Ou Yang e il suo laboratorio comprende il ridimensionamento delle dimensioni del dispositivo, espandendone le funzionalità.

Questo è l'originale set-up sperimentale del pupillometro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: