Batticuore

Diabetico in caduta non ti saluta

Adv

Prove da vari studi clinici dimostrano che gli eventi cardiovascolari come ictus possono essere prevenuti trattando l’ipertensione. Tuttavia, i medici e pazienti ancora spesso espresso la preoccupazione che il loro stretto controllo potesse aumentare il rischio di ipotensione e di successive cadute e fratture.

I dati scientifici a sostegno di questa idea sono scarsi. Pertanto la Margolis ei suoi colleghi hanno confrontato il numero di cadute e di fratture di in diabetici di entrambi i tipi trattati con due tipologie di trattamento dell’ipertensione sanguigna. Il gruppo intensivo (che comprendeva 1.534 partecipanti) ha ricevuto un trattamento volto a una pressione sistolica di <120 mm Hg, mentre l’obiettivo per il gruppo standard (1.565 partecipanti) era <140 mmHg.

I partecipanti erano tutti parte di ACCORD-BONE, uno studio ancillare dell’azione di controllo del rischio cardiovascolare nel diabete (ACCORD) trial randomizzato, che ha testato come il trattamento più intensivo della glicemia, pressione arteriosa e lipidi influenzano gli esiti della malattia cardiovascolare nelle persone con diabete . I partecipanti allo studio ACCORD-BONE avevano una media di circa 62 anni; nessuno aveva più di 80 anni.

I risultati mostrano che i pazienti che hanno ricevuto il trattamento della pressione arteriosa ad alta intensità non incorrevano in più fratture da caduta su un follow-up medio di circa cinque anni.

“L’abbassamento della pressione sanguigna con trattamento intensivo rispetto al trattamento standard non ha comportato un aumento del tasso di cadute o fratture e, in effetti, ha mostrato le possibili tendenze verso un minor numero di fratture nei pazienti trattati intensamente”, spiega la Margolis. “Sebbene il trattamento della pressione sanguigna ad alta intensità per i bassi livelli di ACCORD non abbassava gli eventi cardiovascolari, i nostri risultati e revisione della letteratura suggeriscono la necessità di riconsiderare attentamente il pensiero corrente sul fatto che il trattamento antipertensivo e la pressione arteriosa aumentino il rischio di cadute e fratture.”

I risultati negli anziani rispetto ai pazienti più giovani non erano diversi. Nessuna prova suggerisce che il rischio di caduta dei pazienti varia nel corso del tempo, anche se non c’erano abbastanza fratture per determinare se il pericolo a breve termine potesse essere maggiore all’inizio del trattamento intensivo. E ‘importante notare che i soggetti in questo studio sono stati più strettamente monitorati rispetto alla maggior parte dei pazienti nella pratica clinica; Pertanto, i risultati non possono completamente riflettere che cosa accadrebbe in pratica.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: